octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Italia ha fissato un obiettivo di abbassare il rapporto debito / PIL quest’anno mentre l’economia si riprende

ROMA (Reuters) – L’Italia ha tagliato il suo obiettivo di debito pubblico per il 2021 dal 159,8% di aprile al 153,5% del Pil, secondo una bozza di previsione diffusa dal Tesoro.

La bozza del Documento Economico e Finanziario (DEF) di due anni visionata da Reuters è stata approvata mercoledì dal Consiglio dei Ministri e le nuove cifre dovrebbero essere rilasciate in seguito.

L’ultimo obiettivo di credito segna un calo rispetto al record del dopoguerra del 155,6% del PIL registrato nel 2020 e la tendenza al ribasso dovrebbe continuare al 149,4% nel 2022.

La bozza del DEF prevede una crescita economica del 6,0% quest’anno, un parziale recupero dopo una contrazione record dell’8,9% nel 2020, quando l’economia era attanagliata dai blocchi di Covid-19.

Il Pil tornerà al precedente agognato livello entro il 2022, secondo la bozza, un altro anno di forte crescita grazie a una matita del 4,7%.

Il deficit di bilancio è previsto al 9,4% del PIL quest’anno, leggermente inferiore rispetto al 9,6% dell’anno scorso e inferiore alla previsione di aprile dell’11,8%.

Il deficit dovrebbe scendere al 5,6% l’anno prossimo, al 3,3% nel 2024 e al di sopra del tetto del 3% dell’accordo di stabilità dell’UE.

Il deficit del 2022 sarà del 4,4% del PIL nello scenario di politica invariata, mostra il DEF, ma Roma prevede di mantenere politiche espansionistiche fino al 2024 per mantenere una crescita economica costante.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi e il ministro dell’Economia Daniel Franco presenteranno il DEF in una conferenza stampa alle 14.00 GMT.

(Relazione di Giuseppe Fonde, di Gavin Jones)

READ  Mario Draghi aiuta ad aprire la strada alla fusione delle banche italiane