diciembre 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Italia ad Euro 2020: una vittoria applaudita dai giornali di tutto il mondo 

La sedicesima edizione del campionato europeo per nazioni ha incoronato la propria “regina” dopo un mese che ha visto 54 match giocati in 11 stadi differenti. L’Italia ha portato a casa il suo secondo trofeo continentale dopo la bellezza di 53 anni, e lo ha fatto sorprendendo i più negativi, esaltando i sostenitori e tacendo ogni dubbio. La vittoria azzurra è stata meritata sotto ogni aspetto, e le prodezze di Donnarumma ai rigori hanno acceso i riflettori anche sul portiere italiano poco impegnato normalmente nei 90 minuti regolamentari. La vittoria italiana è stata celebrata in tutto il mondo, vediamo le rassegne stampa dei vari paesi.

Marca rievoca il Maracanazo del 1950 in Brasile, i francesi chiamano “invincibili” gli azzurri

Sulla finale Italia-Inghilterra si è detto e scritto di tutto, sia prima che dopo, e social network e forum sportivi non sono stati da meno in quanto a intensità e ironie. La tensione si è sentita pienamente per due lunghi giorni in entrambi gli spogliatoi e in entrambi i paesi. La finale di un campionato europeo non è una partita che si gioca tutti i giorni questo è certo, ma in particolar modo se sei l’Italia o l’Inghilterra: gli inglesi questo torneo non lo hanno mai vinto, mentre l’Italia una volta soltanto nel lontano 1968 quando si giocava proprio a Roma in terra “amica”.

Per la squadra della Regina era dunque un’occasione d’oro per celebrare in casa la vittoria continentale davanti al pubblico di Wembley, e in presenza di parte della famiglia reale. Vero è che le scommesse sul calcio hanno cominciato a dare fiducia agli inglesi soltanto dopo la fase a gironi conclusa senza subire reti, giacché fino a quel momento le favorite per la vittoria finale restavano Francia e Belgio, con l’Italia in scia insieme a Germania, Portogallo e appunto Inghilterra.

READ  Corona virus più recente: l'Italia inizia a offrire colpi di richiamo ai più vulnerabili

La sconfitta ai rigori subita contro l’Italia in casa dopo un cammino esaltante ha quindi ricordato a Marca il “dramma” sportivo poi tramutatosi in dramma reale definito Maracanazo che afflisse il Brasile in occasione della sconfitta nella finale della Coppa del Mondo del 1950 quando venne sconfitto in casa dall’Uruguay. Weambleyazo ha titolato dunque il giornale spagnolo, mentre la critica francese de L’Equipe ha invece sottolineato la striscia di 34 risultati senza sconfitta degli azzurri, definendoli “invincibles” a caratteri maiuscoli, tradotto “invincibili”.

 

The Sun applaude “i leoni inglesi”, The Guardian “amaro”, The National ironizza

The Sun non poteva fare altro che rendere il giusto omaggio alla squadra di Southgate, che ha comunque anche per una piccola parte della finale messo in seria difficoltà la squadra di Mancini. Il giornale della direttrice Rebekah Wade ha ingigantito l’europeo condotto dall’Inghilterra scrivendo “PRIDE OF LIONS”, tradotto letteralmente “orgoglio dei leoni”; romantico invece il Daily Mirror definendo la delusione “heartbreak”, “cuore infranto”.

Amaro invece il titolo di The Guardian che ricorda ai lettori inglesi che l’obiettivo era davvero vicino, titolando “SO CLOSE”, “così vicino”. The Times particolarmente ironico nell’utilizzare la parola italiana “Arrivederci” per salutare la coppa sfuggita all’Inghilterra, mentre Metro ripercorre un po’ la stessa semantica di The Sun con il titolo: “I leoni ci hanno resi fieri”.

I “cugini” scozzesi degli inglesi giocano sul motivetto cantato dai “leoni” che aveva accompagnato in particolare la fase finale del torneo fra le strade di Londra. E quindi il ritornello “it’s coming home” intonato dai supporter dell’Inghilterra è diventato un ironico “IT’S COMING TO ROME” su The National, che curiosità ha regalato a Mancini e ai calciatori della nazionale italiana un abbonamento a vita. In Portogallo il giornale sportivo A Bola definisce gli azzurri “”Os Novos Imperadores”, “i nuovi imperatori”, e l’altro giornale sportivo portoghese è sulla stessa linea definendo la vittoria come la rinascita di un “gigante”.

READ  All Blocks vs Italy: Brad Moore saluta Attack Edge mentre l'attenzione si sposta sull'Assiria

L’applauso indistinto fatto da critica, tecnici e tifosi alla nazionale italiana di calcio inorgoglisce una nazione intera che ha seguito la finale in un numero di oltre 18 milioni, e impreziosisce una vittoria che forse mai come questa volta nella storia di questo sport è stata così meritata da parte dell’Italia.