noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’influenza aviaria si sta diffondendo in Europa e in Asia

Funzionari in tute protettive si dirigono verso un allevamento di pollame con un sospetto caso di influenza aviaria a Higashikagawa, nel Giappone occidentale, in questa foto scattata da Kyodo l’8 novembre 2020. Credito obbligatorio Kyodo/Via Reuters

PARIGI, 15 novembre (Reuters) – Nei giorni scorsi l’Organizzazione mondiale per la salute animale (Oie) ha segnalato diversi gravi focolai di influenza aviaria in Europa e in Asia, segno che il virus si sta diffondendo rapidamente di nuovo.

La diffusione dell’influenza aviaria altamente contagiosa, nota come influenza aviaria, ha messo in allerta l’industria del pollame dopo che precedenti epidemie avevano ucciso decine di milioni di uccelli. I focolai di malattie spesso portano anche a restrizioni commerciali.

Attira anche l’attenzione degli epidemiologi poiché il virus può essere trasmesso all’uomo. La Cina ha segnalato finora 21 infezioni umane con il sottotipo H5N6 di influenza aviaria quest’anno, più che in tutto il 2020.

Citando un rapporto delle autorità sudcoreane, l’OIE ha riferito lunedì che la Corea del Sud ha segnalato un focolaio in un allevamento di circa 770.000 polli a Chungcheongbuk-do. Tutti gli animali sono stati macellati.

Confermando una dichiarazione rilasciata dal Ministero dell’Agricoltura giapponese la scorsa settimana, l’OIE ha affermato che anche in Asia il Giappone ha segnalato il primo focolaio della stagione invernale 2021, in un allevamento di pollame nel nord-est del Paese. Il sierotipo in questo focolaio era H5N8.

L’Organizzazione mondiale per la salute animale ha dichiarato che la Norvegia ha segnalato in Europa un focolaio di influenza aviaria H5N1 nella regione di Rogaland in uno stormo di 7.000 uccelli.

READ  La simulazione al supercomputer spiega l'enorme potenza di un buco nero jet - conferma la teoria della relatività generale di Einstein

Le epidemie si verificano generalmente in autunno e sono diffuse dagli uccelli migratori selvatici.

Il governo belga ha messo il paese a maggior rischio di influenza aviaria e ha ordinato di tenere il pollame in casa da lunedì, dopo che un tipo di influenza aviaria altamente patogeno è stato identificato in un’oca selvatica vicino ad Anversa. Per saperne di più

Ha seguito una mossa simile nella vicina Francia all’inizio di questo mese e nei Paesi Bassi ad ottobre. Per saperne di più

L’influenza aviaria non può essere trasmessa mangiando prodotti a base di pollame.

(Copertina) di Jos Trombes e Sibel de la Hamid, montaggio di Mark Potter

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.