noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Indonesia cambia faccia all’impegno contro la deforestazione COP26

Il ministro Siti Nurbaya Bakkar, che ha partecipato al vertice di Glasgow, ha affermato che l’accordo lunedì scorso durante i colloqui sul clima della COP26 è contrario ai piani di sviluppo dell’Indonesia e che gli obiettivi globali dovrebbero essere rivisti.

«Costringere l’Indonesia a (andare a) a deforestazione zero nel 2030 è chiaramente inappropriato e ingiusto», ha detto mercoledì su Twitter.

«Il massiccio sviluppo sotto il presidente Jokowi non deve essere fermato in nome delle emissioni di carbonio o in nome della deforestazione», ha detto, riferendosi al leader indonesiano Joko Widodo con il suo soprannome.

I suoi commenti poco dopo l’impegno sottolineano le sfide che attendono gli obiettivi di deforestazione globale, con solo tre paesi – Indonesia, Brasile e Repubblica Democratica del Congo – che rappresentano collettivamente l’85% delle foreste mondiali.

Ad aggravare la confusione sulla posizione dell’Indonesia, giovedì il viceministro degli Esteri Mahendra Sirigar ha negato che nessuna deforestazione entro il 2030 facesse parte dell’impegno della COP26.

«La dichiarazione rilasciata non fa assolutamente alcun riferimento alla fine della deforestazione entro il 2030», ha affermato in una nota.

«È importante andare oltre la mera narrazione, il discorso, gli obiettivi arbitrari e i linguaggi vocali», ha aggiunto.

Ha inoltre spiegato che l’impegno non è di fermare completamente la deforestazione, ma di garantire che non vi sia alcuna perdita netta di terreno forestale.

Giovedì un portavoce del ministero dell’ambiente non ha risposto immediatamente alle richieste di chiarimenti e il palazzo presidenziale non è stato raggiunto.

Mahendra in seguito ha dichiarato a Reuters che l’Indonesia ha interpretato «fermare e invertire la perdita di foreste e il degrado del suolo entro il 2030» come affermato nell’impegno come «gestione sostenibile delle foreste… non porre fine alla deforestazione entro il 2030».

READ  Trudeau riprende la campagna dopo che la folla inferocita ha interrotto i raduni

«Molto deludente»

Il ministro dell’Ambiente Siti ha affermato che le definizioni di deforestazione variano ampiamente, quindi imporre standard europei all’Indonesia è ingiusto.

Ha invece evidenziato gli obiettivi assoluti inferiori dell’Indonesia, in cui il settore forestale assorbe più gas serra di quanti ne emetta entro il 2030 riducendo la deforestazione e ripristinando le foreste.

Ma il cambiamento quasi immediato di un paese centrale per salvare le foreste pluviali tropicali del mondo ha suscitato indignazione sui social media in Indonesia e tra gli attivisti ambientali.

«La dichiarazione è profondamente deludente», ha detto Kiki Tawfik, capo della campagna di Greenpeace in Indonesia, descrivendola come «completamente incoerente con la pubblicità».

L’utente di Instagram Bayu Satrio Nugroho ha commentato Siti: «Amici dell’ambiente o soldi? Signora.»

Sebbene l’Indonesia abbia intenzione di ritirarsi dalle centrali elettriche a carbone e raggiungere le emissioni nette zero prima del 2060, lasciare intatte le foreste sarà una sfida.

L’Indonesia è il più grande esportatore mondiale di olio di palma e, solo nel 2019, un’area di foresta e altra terra grande la metà del Belgio è stata bruciata per la coltivazione.

Ma le autorità dal 2018 hanno sospeso il rilascio di nuovi permessi agricoli e hanno ridotto la deforestazione del 75% lo scorso anno.

L’Indonesia sta anche cercando di espandere le sue industrie del nichel e dei veicoli elettrici, che richiedono più terra.

Fitch Solutions, in una nota di ricerca sull’impegno della COP26, ha affermato che potrebbe rappresentare un rischio per lo sviluppo della catena di approvvigionamento dei veicoli elettrici in Indonesia e l’istituzione di nuove miniere di nichel a causa delle pressioni per fermare la deforestazione.

READ  Pompeo afferma di non aver mai visto mancare il whisky, indizi sull'incompetenza del Dipartimento di Stato