octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’India potrebbe presto essere sull’orlo di una crisi energetica

Torri elettriche e camini presso la centrale termica Tata Power Co Trombay a Mumbai, India, mercoledì 6 ottobre 2021.

Dheeraj Singh | Bloomberg | Getty Images

La Cina non è l’unico gigante asiatico alle prese con una crisi energetica: anche l’India è sull’orlo di una crisi energetica.

La maggior parte delle centrali elettriche a carbone in India ha livelli molto bassi di scorte di carbone in un momento in cui l’economia è in piena espansione e la domanda di elettricità è in aumento.

conti di carbone su 70% della produzione di elettricità in India.

La potenziale crisi energetica avrà probabilmente un impatto immediato sulla nascente ripresa economica dell’India guidata dall’attività industriale piuttosto che dai servizi, secondo Kunal Kondo, economista indiano di Societe Generale.

I dati del governo hanno mostrato che al 6 ottobre, l’80% delle 135 centrali a carbone dell’India aveva meno di 8 giorni di fornitura rimanenti – più della metà di queste centrali aveva una scorta di due giorni o meno.

In confronto, negli ultimi quattro anni, le scorte di carbone nelle centrali elettriche hanno avuto una media di circa 18 giorni di fornitura, secondo Hetal Gandhi, direttore della ricerca presso la società di rating CRISIL, una sussidiaria di S&P Global.

Maggiori informazioni sull’energia pulita da CNBC Pro

Come siamo arrivati ​​qui?

I commentatori hanno detto alla CNBC che una combinazione di fattori di offerta e il calo delle importazioni di carbone ha portato alla crisi attuale.

L’India ha sperimentato un La domanda di energia aumenta tra aprile e agosto. È arrivato quando l’economia ha ripreso slancio dopo la devastante seconda ondata di Covid-19.

La ripresa economica è stata più severa di quanto molti si aspettassero, secondo Gandhi.

Gandhi ha spiegato che le società di energia termica hanno minuscole scorte di carbone e non si aspettavano un aumento della domanda di energia quest’anno.

Anche altre fonti di produzione di elettricità, come l’energia idroelettrica, il gas e l’energia nucleare, sono diminuite.

Gandhi ha detto che la stagione dei monsoni non distribuita è stata un fattore. La mancanza di precipitazioni in alcune zone ha influito negativamente sulla produzione di energia idroelettrica o idroelettrica.

Ha spiegato che alcuni altri fattori includono il forte aumento dei prezzi del gas, nonché la sospensione dei lavori di manutenzione nelle centrali nucleari. Tutto ciò ha portato ad un aumento della produzione di energia elettrica a carbone.

Sandeep Kalia, principale analista di Wood Mackenzie, ha dichiarato alla CNBC che anche i problemi logistici dovuti alla stagione dei monsoni hanno limitato le forniture di carbone, sebbene ci siano scorte sufficienti a Coal India.

La fossa si riferisce alla parte superiore del pozzo dove viene conservata la maggior parte del carbone estratto prima che venga passato alle compagnie elettriche. Questa stagione delle piogge di solito rende il trasporto più difficile poiché molte strade tendono ad allagarsi.

Perché le scorte di carbone stanno finendo?

L’India è Il terzo più grande al mondo Carbone importato, anche se ci sono Grandi riserve di carbone. Tuttavia, il divario crescente tra Aumento dei prezzi globali del carbone I prezzi interni del carbone hanno visto un forte calo delle importazioni negli ultimi mesi.

Poiché l’offerta è diminuita, è aumentata anche la domanda.

Kalia ha affermato che le importazioni di carbone dalle centrali elettriche sono diminuite del 45% a luglio e agosto rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre i settori non energetici dell’India hanno aumentato la dipendenza dal carbone nazionale. Industrie tipicamente non energetiche come alluminio, acciaio, cemento e carta Bruciare grandi quantità di carbone per produrre calore.

Ha aggiunto che il calo della produzione di elettricità dalle centrali elettriche costiere, che dipendono dal carbone importato, ha aumentato la pressione sulle centrali elettriche locali a carbone per aumentare la produzione.

Fino ad allora, secondo Gandhi di CRISIL, le importazioni di carbone erano state bloccate da interruzioni delle forniture dovute alla pandemia e a problemi logistici. Per esempio, I costi di trasporto sono in aumento a causa dell’elevata domanda NS Navigazione e congestione portuale mentre l’economia globale si riprende lentamente dalla pandemia.

Ha detto che il carbone domestico in India ha anche un potere calorifico inferiore, il che significa che è necessario più di esso per sostituire il carbone importato, il che aggiunge maggiore pressione alle centrali elettriche locali.

I prezzi del carbone in India sono per lo più fissati dalla società statale Coal India. Quindi, quando i prezzi internazionali salgono, i prezzi interni non salgono in modo significativo perché influiranno sui prezzi dell’energia e sull’inflazione: le società di servizi pubblici non sono in grado di trasferire costi più elevati alla maggior parte dei consumatori.

Poiché l’energia è sovvenzionata per la maggior parte degli agricoltori e molte famiglie in India, l’onere dell’aumento dei prezzi del carbone ricadrà principalmente sui consumatori industriali che rappresentano solo il 25%-30% del consumo energetico, secondo Gandhi.

“Più alti sono i prezzi importati, più l’incentivo per i produttori nazionali a importare carbone e produrre energia è basso”, ha detto.

Cosa potrebbe succedere allora?

Il ministro dell’Energia indiano Raj Kumar Singh ha affermato che la crisi dell’approvvigionamento energetico potrebbe durare sei mesi Avvisato secondo quanto riferito.

Con l’inizio della stagione delle feste in India questo mese, poiché il consumo tende a raggiungere il suo picco, la domanda di energia potrebbe aumentare ancora di più e la situazione potrebbe peggiorare se la domanda globale di esportazioni indiane aumenta in modo significativo. Da parte sua, Coal India ha Secondo quanto riferito, le forniture sono aumentate Per cercare di colmare alcune delle carenze.

“Se la domanda aumenta troppo, non so quali potrebbero essere i passaggi, ma puoi considerare i passaggi come potrebbero frenare le esportazioni in settori di natura ad alta intensità energetica”, ha detto Gandhi.

Le autorità indiane hanno cercato di placare i timori di una crisi dell’offerta.

Il ministero del carbone ha detto domenica Che il Paese avesse abbastanza carbone per soddisfare le richieste delle centrali elettriche e che i timori di blackout fossero “infondati” e “sbagliati”.

“Il carbone disponibile nelle centrali elettriche è una scorta circolante che viene rifornita giornalmente dalle forniture delle compagnie carbonifere”, ha affermato il ministero. “Pertanto, qualsiasi paura di esaurire le scorte di carbone alla fine della centrale è sbagliata. Infatti quest’anno, le forniture nazionali di carbone hanno sostituito le importazioni su larga scala”.

“A causa della massiccia dipendenza dell’India dall’energia termica, potremmo vedere fornitori di carbone locali deviare le loro forniture alle centrali termiche lontano da industrie come acciaio, cemento, ecc.”, ha detto Societe Generale Kondo alla CNBC via e-mail. “In ogni caso, ci sarà un effetto a breve termine nelle attività”.

“C’è un potenziale per prezzi più alti dell’elettricità poiché il carbone più costoso deve essere importato, il che potrebbe portare a un aumento delle pressioni inflazionistiche”, ha aggiunto Kondo.

READ  Gli Stati Uniti e l'Unione Europea cercano un accordo globale per tagliare i documenti sul metano, che causa il riscaldamento globale