mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’ex famiglia reale d’Italia vuole reclamare i gioielli della corona

Di Nicola Rudolo, Sana Noor Haque, Livia BorgesJeevan Raveendran, CNN

Un avvocato della famiglia reale italiana ha confermato alla Cnn di aver chiesto alla banca centrale del Paese di restituire i gioielli della corona.
I gioielli sono stati depositati in banca Italia Il 5 giugno 1946, tre giorni dopo che gli italiani avevano votato al referendum per rovesciare la monarchia, la questione di «chi ha diritto» doveva essere sollevata dal rappresentante della famiglia. La famiglia ora sostiene che il proprietario ha un diritto.

Emanuel Filiberto di Casa Savoia ripreso durante un corteo a Roma il 21 gennaio 2018 debito: Stefano Montesi / Corbis / Getty Images

Emanuel Filiberto, nipote dell’ex re Umberto II, martedì ha rappresentato la famiglia in una sessione arbitrale della Camera dei Comuni, dove ha chiesto alla banca di restituire i gioielli della corona, ha detto giovedì alla Galileus Web l’avvocato di famiglia Sergio Orlandi.

Orlandi ha detto che la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero dell’Economia e delle Finanze non erano presenti alla presenza di rappresentanti della Banca d’Italia.

Invece, ha detto, hanno inviato una lettera in cui lo descriveva Disposizione XIII Della Costituzione Italiana, Impone la confisca dei beni della famiglia reale, dei gioielli e di tutti i beni dell’ex famiglia reale.
Re Umberto II d'Italia (1904-1983), 1940 circa

Re Umberto II d’Italia (1904-1983), 1940 circa debito: Agenzia fotografica generale / Getty Images

La norma afferma inoltre che «i trasferimenti di proprietà dopo il 2 giugno 1946 e l’istituzione dei diritti statali non sono validi».

In una dichiarazione alla Cnn giovedì, l’ufficio stampa del presidente del Consiglio ha affermato che l’affermazione della famiglia era «infondata perché riguarda la proprietà della ‘Corona del Regno d’Italia’ e non la proprietà personale di Casa Savoia».

READ  Prueba un poco de sol toscano con vinos italianos

Affermava che «l’infondatezza della pretesa degli eredi dell’ex re» è radicata nella Regola XIII.

Gli Stati Uniti affermano che il sentimento repubblicano è cresciuto in Italia dalla seconda guerra mondiale Museo Nazionale della Seconda Guerra Mondiale.
Il re Vittorio Emanuele III sostenne il leader fascista Benito Mussolini e la sua inerzia fu accusata del fascismo e dell’instabilità politica del paese.
La Dichiarazione della Repubblica Italiana, adottata con referendum il 2 giugno 1946, fu pubblicata sulla stampa italiana.

La Dichiarazione della Repubblica Italiana, adottata con referendum il 2 giugno 1946, fu pubblicata sulla stampa italiana. debito: Keystone-Francia / Gamma-Keystone tramite Getty Images

Nel 1946 il governo italiano decise di indire un referendum sul futuro della monarchia. Tre settimane prima del referendum, Vittorio Emanuele si dimise e fu sostituito dal figlio Re Umberto II.

Ma il governo di Umberto durò solo 34 giorni e il 2 giugno 1946 il 52% della popolazione del paese votò repubblicano.

A seguito del referendum, tutti i membri maschi del Consiglio Savoia furono deportati dall’Italia.

Orlandi ha detto alla CNN che se la banca non avesse restituito i gioielli entro 10 giorni, i gioielli non sarebbero mai stati confiscati, quindi gli eredi avrebbero avuto il diritto di reclamarli e presentare una sapona per la loro restituzione.

Tuttavia, l’ufficio di collegamento con i media della Banca d’Italia ha affermato che la banca era «semplicemente la custode» dei gioielli, che erano conservati in una busta sigillata e sigillata, e «non potevano essere eliminati senza il coordinamento con le agenzie repubblicane competenti».

Sia Orlandi che la banca centrale hanno affermato di non poter valutare i gioielli della corona.

La banca ha detto che gli oggetti nel deposito non sono mai stati valutati.

READ  Eni de Italia es cuatro veces más rentable con precios de energía más altos

Orlandi ha detto venerdì alla Galileus Web che «secondo l’inventario, ci sono 6.732 diamanti e più di 2.000 perle, che si trovano in turbanti, collane, orecchini, bracciali, anelli e spille, e che i gioielli sono» preziosi «.