agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le preoccupazioni legali di Apple crescono con l’avanzare del caso francese a lungo dormiente – POLITICO

Clicca play per ascoltare questo articolo

PARIGI – Un caso francese contro Apple che da anni raccoglie polvere non fa che aumentare i grattacapi che il gigante della tecnologia dovrà presto affrontare.

legale Che si concentra sui contratti del colosso tecnologico americano con gli sviluppatori di app francesi ed Echo Contenzioso in corso in California, andrà avanti in autunno, secondo al fascicolo del caso e persone che hanno familiarità con il problema. La gente ha detto che la prossima udienza, prevista per metà settembre, fisserà un nuovo calendario per l’estensione finale della controversia.

Il ministero dell’Economia francese ha presentato per la prima volta Apple al tribunale commerciale di Parigi quattro anni fa Il caso sta procedendo tranquillamente tra la forte opposizione dell’azienda. Questo mese France Digitale, un’associazione di categoria per le startup che sono diventate importanti Sconto mela, è stato accettato come co-querelante accanto allo stato francese e ha fornito ulteriore testimonianza su come ha certificato i contratti della società tecnologica Danni agli sviluppatori, secondo un documento del tribunale visto da POLITICO. Tutte le parti presenteranno le loro argomentazioni finali prima che il giudice prenda una decisione su una data da fissare a settembre.

Apple non ha detto come si stava appellando al caso e ha rifiutato di commentare le lamentele di France Digitale.

Questo sviluppo arriva in un momento in cui i politici e le autorità di regolamentazione in Europa e negli Stati Uniti stanno cercando di limitare il potere dei giganti della Silicon Valley.

Se il tribunale francese si unisce al ministero dell’Economia e a France Digitale, al colosso tecnologico statunitense potrebbe essere chiesto di modificare alcune clausole firmate dagli sviluppatori di app in un momento in cui l’app store è sotto stretto controllo in Europa e negli Stati Uniti.

A giugno, il regolatore della concorrenza britannico Ha detto che avrebbe guardato se il sistema operativo, l’app store e il browser Web di Apple stanno soffocando l’innovazione e aumentando i prezzi; Autorità garante della concorrenza tedesca Lanciato indagine sull’app store dell’azienda; L’autorità olandese per i consumatori e i mercati Egli ha detto La sua indagine si concluderà quest’anno sull’App Store. Negli Stati Uniti, è stato condotto un massiccio processo antitrust tra Apple e lo sviluppatore di giochi Epic Games, che tocca una commissione del 30% addebitata dal gigante della tecnologia, cavolo a maggio.

READ  Veloce ma in ritardo: Elon Musk conferma che le consegne di Tesla Model S Plaid inizieranno a giugno

Nella sola Francia, Apple sta già affrontando Denuncia Dal settore della pubblicità digitale davanti all’autorità garante della concorrenza e un altro, sempre di France Digitale, davanti al garante della protezione dei dati.

“[In France]Nicholas Brin, capo dell’European Startup Network, che include France Digital, ha detto in riferimento al caso del tribunale commerciale di Parigi.

L’adesione di France Digitale al caso è un altro colpo contro Apple, che sta portando avanti una campagna di lobby su entrambe le sponde dell’Atlantico per rispondere a nuove regole che potrebbero bloccare la sua attività.

Negli Stati Uniti, il gigante della tecnologia sollecita I legislatori hanno respinto una serie di disegni di legge antitrust volti a frenarne il potere. Mercoledì, Apple ha preso di mira Legge sui mercati digitali – Disegno di legge UE per limitare il potere di mercato delle aziende tecnologiche – Evidenziare I “rischi” dell’installazione di app che non provengono dall’App Store attentamente curato, una pratica nota come “sideloading”.

Alla corte francese, Apple è sostenuta dalla App Association, un gruppo di pressione che rappresenta gli sviluppatori di app Secondo quanto riferito sponsorizzato da Da Apple e da altre società tecnologiche. “Nel complesso, l’ecosistema dell’App Store avvantaggia enormemente gli sviluppatori di app mobili. Avere un contratto modello consente a tutti, indipendentemente dalle dimensioni, di accedere a un mercato globale su un piano di parità”, ha affermato il fondatore dell’organizzazione Mike Sachs in una nota. .

grande squilibrio

Il ministro dell’Economia Bruno Le Maire ha originariamente sollevato il caso nel giugno 2017, un mese dopo che il presidente Emmanuel Macron ha vinto le elezioni. per me secondo atto giudiziario Acquisita da Politico, la causa è stata depositata presso il Tribunale commerciale di Parigi dopo un’indagine durata due anni dalla Direzione generale della concorrenza, dei consumatori e della lotta antifrode (DGCCRF, in francese). Il caso non ha fatto scalpore fino al 2018, quando Tiklash e Campagna di Parigi Per aver tassato giganti digitali come Apple hanno guadagnato fama. Poi Le Maire ha detto che la Francia era pronta ad affrontare le aziende della Silicon Valley.

READ  La classificazione IP di Galaxy Z Flip 3 e Galaxy Z Fold 3 potrebbe essere migliore del previsto

DGCCRF non ha risposto a una richiesta di commento.

Per costruire il caso, il governo fa affidamento sulla legge commerciale del paese, inizialmente redatta per regolamentare i rapporti tra i giganti francesi del commercio al dettaglio, come Carrefour, e i loro fornitori. Da allora le regole sono state utilizzate per prendere di mira le aziende tecnologiche in almeno un’occasione: nel 2019, Amazon è stata multata Nell’ambito di questo schema ha riformulato alcune clausole nei suoi contratti con i commercianti online.

Nel documento del tribunale, il dipartimento sostiene che alcune delle clausole contrattuali di Apple creano una “violazione significativa dei diritti e degli obblighi delle parti”. Il governo esorta il tribunale a costringere la società tecnologica statunitense ad annullare le disposizioni Considerato un problema, una multa di 2 milioni di euro.

Il deposito è durato anni, anche perché Apple aveva impugnato le regole del commercio stesso, secondo il documento ottenuto da Politico.

Il 18 giugno France Digitale ha ufficialmente aderito a .

La lobby delle startup ha sostenuto nel primo documento giudiziario visto da Politico che il colosso tecnologico statunitense sta “imponendo condizioni inique” agli sviluppatori di app che vogliono raggiungere gli utenti iPhone nel paese. L’organizzazione ha aggiunto che Apple è in grado di farlo perché l’azienda è un “gatekeeper”, riferendosi al termine che definisce le più grandi aziende tecnologiche con un enorme potere di mercato. quest’annoApple è stato il secondo venditore di smartphone in Francia dopo Samsung.

France Digitale ha sostenuto l’argomento del ministero secondo cui molte delle clausole contrattuali di Apple che richiedono l’accettazione degli sviluppatori di app sono ingiuste. Ciò include l’obbligo per gli sviluppatori di app di impostare i prezzi per le loro app in base a una griglia di prezzi specifica; la capacità di Apple di interrompere unilateralmente la distribuzione delle app; e clausole che consentono ad Apple di sviluppare un’app simile all’app dello sviluppatore, a cui non ha la possibilità di opporsi.

READ  Nintendo ha smentito la notizia secondo cui lo Switch OLED avrà un margine di profitto più elevato

France Digitale ha anche criticato la commissione del 30% di Apple e l’impegno degli sviluppatori a utilizzare esclusivamente il sistema di pagamento di Apple, facendo eco alle lamentele di altre società.

app di musica spotify e sviluppatore di videogiochi Giochi epici – che sono, insieme a France Digitale, membri di App Justice Alliance, un gruppo in gran parte anti-Apple, entrambi si sono lamentati delle pratiche dell’App Store. Spotify ritiene che Apple preferisca la sua app musicale a se stessa (Commissione europea è venuto a conclusioni simili in aprile). Epic Games, che possiede il popolare videogioco Fortnite, ha fatto marcia indietro in cambio della commissione del 30% di Apple e dell’impegno a utilizzare il sistema di pagamento di Apple. Lo sviluppatore del gioco si è lamentato negli Stati UnitiE il Regno Unito E il Unione europea.

Apple ha sostenuto nel corso degli anni che una commissione del 30% è uno standard del settore. Nel novembre dello scorso anno, l’azienda ridotto Commissione al 15% per gli sviluppatori più piccoli.

Peter Heck ha contribuito a questo rapporto.

Vuoi più analisi da Politico? Politico Pro è un eccellente servizio di intelligence per i professionisti. Dai servizi finanziari al commercio, dalla tecnologia alla sicurezza informatica e altro ancora, Pro offre intelligence in tempo reale, informazioni approfondite e la conoscenza rapida di cui hai bisogno per fare un passo avanti. e-mail [email protected] Richiedi una prova gratuita.