septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le Nazioni Unite esortano il Giappone a indagare sui danni ai reattori nucleari di Fukushima

Un team di esperti delle Nazioni Unite sta esortando il Giappone a indagare sui reattori nucleari danneggiati dieci anni prima del terremoto e dello tsunami.

Gli scienziati che lavorano per l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, esaminando i progressi nella bonifica dell’impianto di Fukushima, affermano che il Giappone è stato lento nel controllare il combustibile fuso all’interno dei reattori.

E sono preoccupati che il paese non sarà in grado di raggiungere l’obiettivo del 2051 di ripulire il pasticcio, secondo un report.

“Dobbiamo raccogliere maggiori informazioni sui detriti di carburante e più esperienza sul recupero dei detriti di carburante per vedere se il piano può essere completato come previsto nei prossimi 30 anni”, ha affermato Christophe Exry, capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, in una conferenza stampa. . Dopo che lui e un collega hanno riferito delle loro recenti scoperte al governo giapponese venerdì.

Serbatoi contenenti acqua radioattiva negli edifici della centrale nucleare di Fukushima Daiichi della Tokyo Electric Power Corporation il 12 aprile 2021 a Okuma, Fukushima, Giappone.
Asahi Shimbun tramite Getty Images
Un lavoratore trasporta sacchi di scorie nucleari in una zona di evacuazione danneggiata dal terremoto e dallo tsunami del 2011 a Tomioka, nella prefettura di Fukushima, in Giappone, il 2 marzo 2016.
Un lavoratore trasporta sacchi di scorie nucleari in una zona di evacuazione danneggiata dal terremoto e dallo tsunami del 2011 a Tomioka, nella prefettura di Fukushima, in Giappone, nel 2016.
Bloomberg tramite Getty Images

un Forte terremoto e tsunami nel marzo 2011 Secondo l’Associated Press, i sistemi di raffreddamento sono stati distrutti nell’impianto di Fukushima, nel nord-est del Giappone, causando il guasto di tre reattori nel peggior disastro nucleare dall’incidente di Chernobyl del 1986.

I funzionari giapponesi hanno affermato di sperare di completare il processo di smantellamento entro i prossimi 30 anni, anche se molti esperti ritengono che la cronologia sia ottimistica.

I funzionari del governo giapponese e l’operatore dell’impianto, Tokyo Electric Power Company Holdings, non hanno fornito alcuna chiarezza su come sarà l’impianto una volta terminata la pulizia.