agosto 3, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le inondazioni in Europa hanno ucciso decine di persone, ma nessuno nei Paesi Bassi. Ecco perché

Ma pochi di questi primi avvertimenti sembravano essere stati trasmessi alla popolazione in anticipo – e visibilmente – abbastanza da lasciarli completamente di sorpresa. Ci si chiede ora se la catena di comunicazione dal livello mitteleuropeo alle regioni funzioni.

“C’è stata chiaramente una grave interruzione della comunicazione, che in alcuni casi ha comportato una tragica perdita di vite”, ha affermato Jeff Da Costa, ricercatore PhD in idrometeorologia presso l’Università di Reading nel Regno Unito.

Da Costa concentra la sua ricerca sui sistemi di allarme alluvione e la casa dei suoi genitori in Lussemburgo è stata bombardata durante il fine settimana. Ha detto che le esperienze della scorsa settimana mostrano che c’è spesso un divario tra la questione degli avvisi meteorologici emessi dagli scienziati e le azioni intraprese dai funzionari sul campo.

Ha detto che alcuni avvertimenti, anche in Lussemburgo, sono stati emessi solo dopo le inondazioni.

“Le persone, compresa la mia famiglia, sono state lasciate a se stesse senza alcuna indicazione su cosa fare, senza dare loro l’opportunità di prepararsi”, ha detto.

In molti luoghi duramente colpiti, i residenti sono sopraffatti dalla velocità e dalla crudeltà con cui arrivano le acque.

In Germania, con l’avvicinarsi delle elezioni, la questione delle inondazioni è diventata rapidamente politicizzata e i funzionari si sono scrollati di dosso la censura ovunque potevano.

Nella Valle dell’Ahr, una delle aree pesantemente allagate nella Germania occidentale, alti funzionari hanno detto alla CNN che sono stati emessi avvertimenti prima del disastro, ma hanno affermato che molti residenti non li prendevano abbastanza sul serio, poiché non erano abituati a inondazioni così gravi. .

Alcuni potrebbero aver cercato di raccogliere provviste e portare in salvo i loro oggetti di valore, mentre altri pensavano che sarebbero stati al sicuro al secondo piano delle loro case, ma alla fine sono stati trasportati in aereo dal tetto.

Uno dei più colpiti è stato Schold, una pittoresca cittadina nello stato tedesco della Renania-Palatinato.

Il sindaco di Sjöld Helmut Lucy ha affermato che l’inondazione era completamente imprevedibile, riferendosi al fatto che la città aveva sperimentato solo due precedenti gravi eventi di inondazione, nel 1790 e un altro nel 1910.

READ  La musica vietata sull'isola greca di Mykonos nelle nuove restrizioni COVID-19

“Penso che i sistemi di protezione dalle inondazioni non mi avrebbero aiutato perché non puoi calcolare cosa succede al fiume Ahr con tali quantità di acqua”, ha detto ai giornalisti nel fine settimana.

Da Costa ha detto che potrebbe simpatizzare con il sindaco, ma le sue osservazioni mostrano una mancanza di comprensione di ciò che può fare una buona pianificazione e gestione.

“Le sue opinioni sulla prevedibilità a lungo termine delle inondazioni e sulla portata immediata di poter fornire allarmi immediati sono completamente errate, e una delle difficoltà può sorgere nell’informare le persone o i funzionari comunali dei rischi che fondamentalmente non capiscono l’ambiente rischi”.

“Le persone dovrebbero anche tenere a mente che mentre gli avvisi di alluvione non possono fermare le inondazioni, possono aiutare le persone a spostare se stesse e le loro proprietà in sicurezza”, ha aggiunto.

Da Costa ha affermato che poiché gli eventi meteorologici severi stanno diventando sempre più comuni a causa di Cambiamento climaticoCittà come Schuld dovrebbero accelerare la loro pianificazione.

“Se il sindaco di Schuld e la sua città avessero un piano, comunicato chiaramente a ogni famiglia, azienda e organizzazione, in modo che tutti sapessero cosa fare in caso di una serie di diversi scenari di alluvione, allora almeno lo sarebbero anche loro. preparati come potrebbero essere”, ha detto, aggiungendo che se lui e altri leader lo facessero, il bilancio delle vittime potrebbe essere inferiore.

“In tempi di crisi, tutti hanno bisogno di sapere cosa stanno facendo. Ecco perché pratichiamo l’evacuazione antincendio dagli edifici, anche quando non ci aspettiamo un incendio”, ha detto.

La CNN ha contattato l’ufficio di Lucy ma non ha ricevuto immediatamente una risposta.

Anche in Belgio la comunicazione e l’organizzazione sembrano essere state un problema. Il sindaco di Chudfontein, una cittadina nella provincia di Liegi, ha affermato di aver ricevuto un “allarme arancione” che lo avvertiva dell’innalzamento delle acque, ma ha affermato che era chiaro che avrebbe dovuto essere rosso prima.

READ  Gottfried Bohm, architetto principale in cemento, muore a 101 concrete

“Possiamo vedere come i materiali disponibili non si siano adattati alle situazioni che abbiamo visto”, ha detto il sindaco Daniel Bucklin all’emittente belga RTBF. “Penso soprattutto agli elicotteri che non erano in grado di operare nell’area”. “I soccorsi in barca erano molto necessari e abbiamo dovuto invitare il settore privato per le barche con motori e persone sufficienti per guidarle”.

Lezioni di lingua olandese

Nei Paesi Bassi, oltre i confini con le aree devastate dalle inondazioni della Germania e del Belgio, il quadro è molto diverso. Anche i Paesi Bassi hanno sperimentato piogge torrenziali, sebbene non così intense come quelle in Germania e Belgio, e non ne sono uscite indenni. Ma le sue città non sono completamente sommerse e non è morta una sola persona. Il professor Jeroen Aerts, capo del Dipartimento per i rischi idrici e climatici presso l’Università Frei di Amsterdam, ha affermato che i funzionari erano più preparati e sono stati in grado di connettersi rapidamente con le persone.

“Faremmo meglio a vedere l’ondata arrivare e dove sta andando”, ha detto Ayrts alla CNN.

I Paesi Bassi hanno una lunga storia nella gestione delle risorse idriche e il loro successo nella risposta a questo disastro potrebbe fornire al mondo un modello su come affrontare le inondazioni, soprattutto perché si prevede che i cambiamenti climatici rendano più comuni gli eventi di pioggia estrema.

Il paese sta combattendo contro il mare gonfio e i fiumi da quasi mille anni. Tre grandi fiumi europei – il Reno, la Mosa e la Schelda – hanno delta nei Paesi Bassi e, con così tanto della loro terra sotto il livello del mare, il governo afferma che il 60% del paese è a rischio di inondazioni. Una gran parte del paese è sostanzialmente allagata.

L’infrastruttura per la gestione dell’acqua è tra le migliori al mondo: muri giganti con bracci mobili delle dimensioni di due campi da calcio, dune costiere rinforzate annualmente da circa 12 milioni di metri cubi di sabbia e cose semplici, come dighe e tender. I fiumi hanno più spazio per gonfiarsi abbassando i loro letti – o pavimenti – e allargando le loro sponde.

READ  'Il peggio deve ancora venire'

La sua forza risiede in gran parte nella sua organizzazione. L’infrastruttura del Paese è gestita da un ramo del governo dedicato esclusivamente all’acqua, la Direzione Generale dei Lavori Pubblici e della Gestione delle Acque, che cura circa 1.500 chilometri di difese artificiali.

Aerts ha affermato che i problemi idrici del paese sono gestiti da una rete di organismi eletti a livello locale il cui unico compito è occuparsi di tutto ciò che riguarda l’acqua, dalle inondazioni alle acque reflue. I primi “consigli dell’acqua” locali furono istituiti a Leida nel 1255, quando lo stato da tempo riconobbe la necessità di una forte gestione dell’acqua.

“Questa è una situazione unica per noi”, ha detto Ayers. “Oltre al governo nazionale, alle province e alle città, hai un quarto livello, i water board, che sono interamente focalizzati sulla gestione dell’acqua”.

La Scheldt East Storm Barrier fa parte del sistema di difesa dalle inondazioni dei Paesi Bassi.

I consigli hanno la capacità di riscuotere le tasse in modo indipendente, quindi non sono soggetti ai capricci delle casse nazionali.

“L’acqua entra nel settore del turismo, è coinvolta nell’industria e nel settore delle costruzioni”, ha affermato Ayertz. “E quello che vedi è che in diversi paesi le politiche dei governi sono davvero settoriali”.

Nei Paesi Bassi, i pannelli d’acqua sono stati chiamati la “colla” che tiene insieme tutto e può garantire, ad esempio, che una proposta di costruire su una pianura alluvionale tenga in contatto tutte le parti interessate.

Il sito web della Water Management Agency riassume in modo semplice e chiaro ciò che stai cercando di fare. “Piove di più, il mare si sta alzando e i fiumi devono portare più acqua”, si legge nel comunicato. “La protezione dall’innalzamento delle acque era ed è tuttora esistenziale”.

Questa storia è stata aggiornata per riflettere il bilancio delle vittime rivisto dalle autorità belghe.

Atika Schubert, Vasco Cutovio e Joseph Attaman della CNN hanno contribuito a questo rapporto.