septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le Filippine metteranno la regione di Manila in una posizione chiusa per limitare la variabile delta

Di Neil Jerome Morales

MANILA (Reuters) – Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha approvato venerdì l’imposizione di misure di blocco nella regione della capitale nel tentativo di contenere la diffusione del coronavirus nel delta e proteggere il sistema sanitario del Paese.

Il portavoce presidenziale Harry Roque ha dichiarato in un discorso televisivo che il distretto metropolitano di Manila, una città che si estende su 16 città e ospita oltre 13 milioni di persone, sarà soggetto alle più severe restrizioni di quarantena dal 6 al 20 agosto. “Anche se è una decisione dolorosa, è per il beneficio di tutti”.

La chiusura, che dovrebbe costare all’economia 4 miliardi di dollari, significherà che le persone non potranno uscire di casa, ad eccezione degli acquisti essenziali, mentre è vietato cenare al chiuso e all’aperto.

“Delta è già diffuso in tutta Metro Manila. Questo è un intervento appropriato”, ha detto a Reuters Benjamin Abalos, capo del consiglio dei sindaci della capitale.

Ha detto che i sindaci hanno pianificato di aumentare le vaccinazioni a 250.000 dosi al giorno, rispetto alle 150.000 attuali.

La variante delta altamente contagiosa, rilevata per la prima volta in India, si è diffusa rapidamente in gran parte del sud-est asiatico.

Le Filippine hanno anche esteso il divieto ai viaggiatori provenienti da 10 paesi tra cui India, Indonesia, Thailandia ed Emirati Arabi Uniti fino al 15 agosto.

Già combattendo il secondo peggior focolaio di coronavirus in Asia, le Filippine hanno registrato oltre 1,58 milioni di casi di COVID-19 e 27.722 decessi.

Venerdì, le autorità hanno segnalato 8.562 nuove infezioni, il più alto aumento giornaliero in due mesi e 145 decessi.

READ  I temporali hanno causato inondazioni improvvise a Londra, allagando strade e alcune stazioni ferroviarie

Il paese ha segnalato 216 casi della variante delta, ma gli esperti sanitari affermano che si sarebbero potuti scoprire di più a causa del lento ritmo del sequenziamento del genoma.

La seconda ondata di focolai nelle Filippine ha raggiunto il picco ad aprile, ma i contagi hanno ripreso a salire nelle ultime settimane. Il tasso di occupazione degli ospedali dell’area metropolitana è attualmente del 49%, mentre quello dei posti letto di terapia intensiva è del 58%.

Con solo il 7% dei 110 milioni di persone del paese completamente vaccinate, decine di milioni rimangono suscettibili al COVID-19.

La chiusura ha innescato una svendita di azioni, con l’indice delle Filippine che è scivolato del 3,5% al ​​livello di chiusura più basso in più di nove settimane.

Il ministro della pianificazione economica Carl Chua ha detto ai giornalisti che la chiusura potrebbe costare all’economia 210 miliardi di pesos (4,18 miliardi di dollari), tagliare 444.000 posti di lavoro e aumentare il numero dei poveri fino a 177.000.

Dopo aver registrato una contrazione record del 9,6% nel 2020, le Filippine puntano a un’espansione economica del 6,0%-7,0% quest’anno.

(1 dollaro = 50,21 pesos filippini)

(Segnalazione di Neil Jerome Morales; Segnalazione aggiuntiva di Karen Lima; Montaggio di Ed Davies)