octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le fabbriche lottano perché le forniture diminuiscono e i costi aumentano

Le macchine vengono viste in una fabbrica specializzata nel trattamento termico dei metalli, fuori servizio, in un parco industriale a Shenyang, provincia di Liaoning, Cina, 30 settembre 2021. REUTERS / Tingshu Wang

  • Fabbriche europee colpite da strozzature nella filiera -PMI
  • L’attività di fabbrica in Giappone cresce al ritmo più lento degli ultimi 7 mesi
  • Le ripercussioni del rallentamento in Cina si sono viste pesare sulle economie asiatiche

I sondaggi di venerdì hanno mostrato che l’attività manifatturiera globale ha subito un duro colpo a causa dei colli di bottiglia della catena di approvvigionamento e dell’aumento dei costi, aggravati dalla chiusura delle fabbriche a causa della pandemia in Asia e dai segnali di rallentamento della crescita cinese.

Mentre i paesi in cui l’epidemia di coronavirus delta si è placata hanno visto un miglioramento dell’attività, in alcuni la crescita è rallentata poiché la carenza di chip e le interruzioni della fornitura hanno avuto un impatto su coloro che ancora lottano per scrollarsi di dosso il colpo di COVID-19.

La crescita manifatturiera nell’Eurozona e in Gran Bretagna è rimasta forte, ma l’attività è stata afflitta da problemi logistici, carenze di prodotti e una crisi del lavoro che probabilmente continuerà a mantenere alte le pressioni inflazionistiche.

“Sebbene alcuni colli di bottiglia inizieranno presto, molti settori – in particolare quelli che richiedono semiconduttori – rischiano di subire interruzioni per la maggior parte del 2022”, ha affermato Martin Beck, capo consigliere economico dell’EY ITEM Club.

“È probabile che questa attività rimarrà limitata per qualche tempo a venire”.

Il PMI manifatturiero finale di IHS Markit è sceso a 58,6 a settembre da 61,4 di agosto e il PMI britannico è sceso per il quarto mese consecutivo, scendendo a 57,1 da 60,3. Qualsiasi valore superiore a 50 indica una crescita.

READ  Ogni Doge ha il suo giorno: il fondatore di Dogecoin riacquista Doge

Le fabbriche in Germania, la più grande economia europea, hanno funzionato quasi ininterrottamente durante le chiusure dovute alla pandemia che hanno colpito il settore dei servizi, ma la carenza di beni intermedi e alcune materie prime stanno ora ostacolando il settore. Per saperne di più

L’indice dei direttori degli acquisti (PMI) ha mostrato che la crescita nel settore manifatturiero francese è stata leggermente più debole di quanto inizialmente previsto, poiché i problemi di approvvigionamento di materie prime hanno pesato sul settore. Per saperne di più

Queste strozzature nell’offerta hanno continuato a fare pressione sui costi delle materie prime necessarie alle fabbriche, i produttori hanno trasferito parte di questi aumenti ai clienti e l’indice dei prezzi alla produzione dell’Eurozona è vicino al suo massimo estivo.

I dati ufficiali preliminari di venerdì hanno mostrato che l’inflazione nell’area della moneta unica è salita al massimo da 13 anni del 3,4% il mese scorso, ben al di sopra dell’obiettivo della Banca centrale europea del 2,0%. Per saperne di più

Anche la crescita manifatturiera degli Stati Uniti si è indebolita il mese scorso e si prevede che i dati pubblicati venerdì. (Reuters: // realtime/verb = Open/url = cpurl: //apps.cp./Apps/econ-polls? RIC = USPMI%3DECI)

razza asiatica

Il declino dello slancio economico della Cina ha inferto un nuovo colpo alle prospettive di crescita nella regione, poiché l’indice ufficiale dei responsabili degli acquisti ha mostrato giovedì che l’attività delle fabbriche nel paese si è inaspettatamente contratta a settembre a causa di più ampie restrizioni sull’uso dell’elettricità. Per saperne di più

Sebbene il PMI manifatturiero privato di Caixin/mercato abbia registrato risultati migliori del previsto dopo un calo ad agosto, i crescenti segnali di debolezza della seconda economia mondiale stanno smorzando le prospettive per i paesi vicini. Per saperne di più

READ  La Securities and Exchange Commission (SEC) ha appena approvato la cosa più vicina a un ETF Bitcoin statunitense che puoi acquistare, proprio ora | Notizie sulla valuta | Notizie finanziarie e commerciali

“Mentre le restrizioni del coronavirus sull’attività economica possono essere gradualmente revocate, il ritmo lento con cui ciò accadrà significa che le economie del sud-est asiatico rimarranno stagnanti per il resto di quest’anno”, ha affermato Makoto Saito, economista presso l’NLI Research Institute.

I produttori in Giappone, la terza economia mondiale, hanno dovuto affrontare la pressione delle restrizioni pandemiche e delle crescenti interruzioni della catena di approvvigionamento, nonché della carenza di materie prime e dei ritardi nelle consegne, con il PMI che ha registrato il ritmo di espansione più lento da febbraio.

L’attività industriale a Taiwan ha continuato ad espandersi, ma al ritmo più lento da oltre un anno, mentre l’indice per il Vietnam è rimasto invariato.

I PMI sono aumentati in Corea del Sud, India e Indonesia. [nZRN002WZI]

Alex Holmes ha dichiarato: “Mentre i PMI regionali hanno dimostrato che l’interruzione delle grandi ondate di virus nella regione si sta in qualche modo attenuando, gli ordini insoddisfatti continuano ad accumularsi, il che significa che le carenze dovute a ulteriori cali nelle catene di approvvigionamento sono dovute per qualche tempo a venire”, l’Asia emergente economista presso Capital Economics.

Considerate in precedenza come un motore della crescita globale, le economie emergenti in Asia sono in ritardo rispetto alle economie avanzate nel riprendersi dal dolore della pandemia poiché i ritardi nel rilascio dei vaccini e l’aumento dei casi variabili delta stanno danneggiando i consumi e la produzione industriale.

(Segnalazione di Jonathan Cable e Lika Kihara) Montaggio di Anna Nicholas Da Costa e Giles Elgood

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.