agosto 19, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le Barbados interrompono i legami con la regina Elisabetta II, per diventare una repubblica con una grande cerimonia

LONDRA – Quasi 400 anni dopo che la prima nave inglese ha raggiunto le sue coste dorate, un’ex colonia britannica Barbados Ti sveglierai martedì come una repubblica.

Rimuoverai il piccolo paese caraibico Regina Elisabetta II Come capo di stato in una cerimonia che inizia lunedì tardi, taglia i legami con famiglia reale britannica – E con lui, gli ultimi resti dell’isola Obbligazioni Imperiali al Regno Unito.

Sono passati 55 anni da quando Barbados ha ottenuto la piena indipendenza, ma ha mantenuto il monarca nel suo ruolo cerimoniale.

L’evento vedrà Sandra Mason, una barbadiana che era il governatore generale dell’isola – o il rappresentante della regina – giurare come primo presidente del paese. È stata eletta a una posizione fasulla dal Parlamento il mese scorso, ma il primo ministro Mia Motley continuerà a governare il paese.

«È un enorme passo avanti», ha detto Christina Hinds, docente di scienze politiche presso l’Università delle Indie Occidentali nelle Barbados orientali, in una telefonata dalla sua casa di Wanstead, a nord della capitale, Bridgetown. «Penso che faccia parte dell’evoluzione della nostra indipendenza, ed è certamente attesa da tempo».

Principe CarloL’erede al trono britannico parteciperà mentre Barbados celebra la fine della sua relazione ufficiale con la madre di 95 anni. Elisabetta è regina di altri 15 regni tra cui Regno Unito, Australia, Canada e Giamaica.

Un portavoce di Buckingham Palace ha affermato che la decisione è appartenuta al popolo delle Barbados.

L’occasione sarà caratterizzata da musica e balli. In un «ultimo omaggio alla monarchia», secondo l’ufficio di Carlo, la regina sarà retrocessa e ci saranno fuochi d’artificio per celebrare l’inaugurazione di Mason.

READ  Los ataques a la planta nuclear ucraniana llevaron al secretario general de Naciones Unidas a pedir una zona desmilitarizada

Charles dovrebbe tenere un discorso dicendo che molte relazioni tra i due paesi rimarranno le stesse, compresi «i miriadi di legami tra i popoli dei nostri due paesi».

La sua presenza può indicare il desiderio della famiglia reale di mantenere forti legami con l’isola, che rimarrà nel Parlamento del Regno Unito Un’associazione volontaria di 54 stati che comprende molte delle ex colonie britanniche che la regina ha difeso per tutta la vita.

Il principe Carlo è arrivato nel paese domenica scorsa prima che si trasferisse in una repubblica all’interno del Commonwealth. Jeff J. Mitchell / Getty Images

Ma per Hinds, la presenza simbolica di Charles è «un po’ strana».

«È problematico per quelli di noi che credono che la monarchia britannica, sebbene storicamente importante per Barbados in modi positivi, abbia anche causato danni significativi al paese», ha affermato.

Nel 17° secolo, gli inglesi rivendicarono le Barbados e le trasformarono in una colonia redditizia usando il lavoro di centinaia di migliaia di persone che erano state portate come schiave da Africa.

Divenne un importante centro per la produzione di zucchero, un bene sempre più importante che contribuì ad arricchire i proprietari di schiavi britannici.

«Come risultato del desiderio di produrre zucchero, che soddisfaceva le esigenze dell’ufficio pasticcere in crescita dell’Inghilterra – gli stili di vita dei consumatori bianchi costruiti sullo sfondo dello sfruttamento nero e del lavoro degli schiavi», ha affermato Christopher Pryor, professore associato di coloniale e post -storia coloniale. Presso l’Università di Southampton, Regno Unito.

La popolazione dell’isola è attualmente di circa 287.000 ed è composta principalmente da discendenti di persone che sono state portate come schiave dall’Africa per lavorare nelle piantagioni.

READ  Noticias de Biden hoy: Mohammed bin Salman responde al presidente sobre el asesinato de Jamal Khashoggi

non personale

Nonostante questa storia, ha detto Hinds, c’è ancora un certo rispetto per la monarchia e la Gran Bretagna in generale, specialmente tra gli anziani dell’isola.

Ha aggiunto che molti luoghi delle Barbados prendono il nome dalla regina o dai suoi antenati e che la maggior parte dei turisti del paese proviene dal Regno Unito. L’isola viene spesso chiamata «Piccola Inghilterra».

La piccola isola delle Indie Occidentali è stata collegata a Londra da quando fu rivendicata da una nave inglese del re Giacomo I nel 1625.Joe Riddell/Getty Images

Tuttavia, molte persone in Barbados hanno accolto con favore la mossa del loro paese di recidere i legami con i suoi vecchi governanti imperiali.

«Per i Barbados, questo non è nulla di personale contro la regina, si tratta di orgoglio nazionale e governance», ha detto al telefono dalla sua casa di Bridgetown Renee Holder Maclean Ramirez, 45 anni, consigliere e consigliere della comunità LGBT.

«Mentre cresciamo e ci sviluppiamo come paese indipendente, la presenza di un capo di stato straniero non è né necessaria né pratica», ha affermato.

Per Ronnie Yearwood, un avvocato di Bridgetown, il sentimento positivo per la mossa è accompagnato dal rammarico che il governo sia andato avanti senza consultare il pubblico sul tipo di repubblica che voleva.

Barbados ha perseguito per la prima volta l’idea di una repubblica alla fine degli anni ’70 e nel 2008 ha proposto un referendum sulla questione, ma la data è stata posticipata a tempo indeterminato.

Fu la decisione di rimuovere la regina dalla carica di capo di stato annunciare Nel 2020, ma con poche o nessuna deliberazione su una transizione, ha affermato Yearwood.

READ  Jueces británicos dimiten del tribunal de Hong Kong por la represión de China contra la disidencia

«C’è molta delusione», ha detto Yearwood, 42 anni. «Sarebbe stato un bel momento per tutti i Barbados».

NBC News ha contattato l’ufficio del Primo Ministro e Mason, ma non le sono state rilasciate interviste.

«Conversazione globale»

La decisione delle Barbados di abbandonare la regina ha seguito un’ondata di proteste in tutto il mondo ispirate dal movimento Black Lives Matter negli Stati Uniti. Una valutazione più sincera del passato imperiale della Gran Bretagna ha contribuito a guidare gli sforzi per abbattere i simboli del razzismo e del colonialismo da Cambridge ai Caraibi.

«È una manifestazione locale di una conversazione molto globale sull’eredità e sullo sfruttamento coloniale dell’Impero britannico», ha affermato Pryor.

«La mossa delle Barbados è un altro elemento nei nostri momenti di decolonizzazione».

Il cambiamento sulle coste delle Barbados potrebbe annunciare l’inizio di un’ondata di mondi che tagliano i legami con la famiglia reale?

«Quando alla fine la regina morirà, ci saranno più conversazioni, in particolare in luoghi come l’Australia, sul fatto che vogliano che Charles diventi il ​​loro capo di stato», ha detto Pryor.

«Non voglio suggerire che ci sia inevitabilità, ma penso che sia molto probabile che la causa della Repubblica non scomparirà presto».