enero 28, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le azioni asiatiche scendono a causa dell’aumento delle entrate statunitensi delle aziende tecnologiche

Gli schermi che mostrano i prezzi degli indici azionari e il tasso di cambio dello yen giapponese rispetto al dollaro USA sono visti dopo una celebrazione del nuovo anno che segna l’apertura delle negoziazioni nel 2022 alla Borsa di Tokyo (TSE), in mezzo alla pandemia di coronavirus (COVID-19), a Tokyo, Giappone, 4 gennaio 2022. Reuters / Issa Kato

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

HONG KONG (Reuters) – Le azioni asiatiche sono scese mercoledì dopo una sessione mista a Wall Street, poiché l’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro USA ha pesato sulle società tecnologiche globali e ha spinto il dollaro al massimo da cinque anni contro lo yen giapponese.

I rendimenti statunitensi sono aumentati martedì mentre gli investitori obbligazionari si preparavano ad aumentare i tassi di interesse dalla Federal Reserve entro la metà dell’anno per frenare l’inflazione elevata.

Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia del Pacifico al di fuori del Giappone (MIAPJ0000PU.) Ha perso lo 0,8%, mentre l’indice Nikkei giapponese ha perso (.N225) Poco cambiato.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Anche i futures sulle azioni statunitensi sono stati inferiori, con l’e-mini S&P 500 in calo dello 0,25% e l’e-mini Nasdaq in calo dello 0,4%.

«Da un punto di vista asiatico, è un tono un po’ più rischioso perché è uno di quei giorni in cui i rendimenti obbligazionari più elevati sono una cosa negativa che, pur riflettendo un contesto statunitense più forte, tende a essere più favorevole al dollaro rispetto a quello domestico», ha affermato Rob Carnell, responsabile della ricerca in Asia Pacifico presso ING.

READ  Rogers è in crisi come tutte le fazioni in guerra che rivendicano il controllo del consiglio di amministrazione

«Ma è molto volatile e domani potremmo tornare a pensare che i rendimenti più elevati riflettano uno scenario globale più forte», ha affermato Carnell.

Ha detto che i cali durante la notte del Nasdaq a causa dei maggiori rendimenti hanno pesato sui mercati azionari asiatici, data la maggiore importanza dei titoli tecnologici nella regione.

Titoli tecnologici quotati a Hong Kong (.HSTECH) Ha perso il 3,7% nei primi scambi mentre in Giappone, Nintendo (7974.T) Ed è sceso dell’1% e in Corea del Sud, Samsung (005930.KS) È sceso del 2% rispetto ai risultati trimestrali. Per saperne di più

Le azioni statunitensi sono state mescolate martedì con l’indice Nasdaq, ad alto contenuto tecnologico (diciannoveesimo) Ha perso l’1,3%, anche se i rendimenti più elevati hanno sostenuto le banche e i nomi del settore hanno aiutato il Dow Jones Industrial Average (.DJI) Ad una chiusura standard e S&P 500 (.SPX) Per toccare il livello più alto durante la giornata.

Le obbligazioni statunitensi a cinque anni, che riflettono le aspettative di un rialzo dei tassi, sono salite ai massimi da febbraio 2020, dopo che lunedì i rendimenti delle obbligazioni statunitensi a due anni hanno raggiunto il livello più alto da marzo 2020.

Martedì i rendimenti dei titoli del Tesoro USA a 10 anni hanno toccato il massimo di sei settimane e sono stati l’ultimo all’1,657%.

I verbali della riunione di dicembre della Federal Reserve, prevista per le 1900 GMT, potrebbero confermare la nuova sensibilità dei policymaker statunitensi all’inflazione e la loro volontà di inasprire la politica.

«Il mercato sta ora ipotizzando che un aumento dei tassi a marzo sia possibile quando la Fed smette di acquistare asset, quindi i rendimenti aumentano», ha affermato Edison Bohn, capo analista di mercato presso Saxo Markets a Hong Kong.

READ  Deutsche Bank stima che Walmart+ raggiunga 32 milioni di membri

Ha affermato di ritenere che il calo dei titoli tecnologici sarebbe di breve durata, mentre i rendimenti più elevati aiuterebbero i titoli bancari.

Le azioni HSBC quotate a Hong Kong sono aumentate del 2,3% mercoledì, nonostante la società cinese di gestione dei crediti inesigibili Huarong (2799.HK) Perso il 40% quando si riprende a fare trading dopo la sospensione.

Nei mercati valutari, lo yen era a 116,7 per dollaro dopo essere sceso al minimo notturno di 116,34, il minimo da marzo 2017.

Con la previsione che la BoJ sarà in ritardo, se non ultima nella lista d’attesa per aumentare i tassi di interesse, il divario tra i rendimenti statunitensi e giapponesi sta aumentando, danneggiando lo yen.

Anche l’euro era in una posizione debole con la Banca centrale europea che probabilmente avrebbe rallentato l’aumento dei tassi di interesse. Di conseguenza, l’indice del dollaro che replica il biglietto verde contro sei valute si trovava a 96,272, l’estremità più forte del suo recente intervallo.

I prezzi del petrolio sono scesi mercoledì, rinunciando ad alcuni dei guadagni della sessione precedente. I future sul greggio Brent sono scesi dello 0,3 per cento a 79,73 dollari al barile, dopo aver raggiunto gli 80,26 dollari al barile, mentre i future sul greggio del West Texas Intermediate degli Stati Uniti hanno perso lo 0,3 per cento a 76,75 dollari al barile.

L’oro spot era a 1.814 dollari l’oncia, piatto durante il giorno e all’estremità superiore del suo recente intervallo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Montaggio di Sam Holmes

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.