octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’avvicinamento di una cometa gigante al sistema solare esterno potrebbe essere il più grande di sempre

Una cometa così massiccia da essere stata inizialmente scambiata per un pianeta nano, che viaggiava su un percorso interno dal sistema solare esterno.

Non preoccuparti – C / 2014 UN271 (Bernardinelli-Bernstein), come viene chiamata la cometa, non si avvicinerà al sole quanto all’orbita di Saturno. Ma le sue grandi dimensioni e la relativa vicinanza forniranno una rara opportunità per studiare un corpo originale della nube di Oort e trovare nuove informazioni sulla formazione del sistema solare.

“Abbiamo il privilegio di scoprire forse la cometa più grande che abbiamo mai visto – o almeno la più grande di qualsiasi cometa ben studiata – e di scoprirla abbastanza presto da consentire alle persone di osservarla mentre si sviluppa mentre si avvicina e si riscalda”, Il coautore e astronomo Gary Bernstein dell’Università della Pennsylvania ha detto all’inizio di quest’anno.

“Il sistema solare non viene visitato da più di 3 milioni di anni”.

Il sistema solare esterno è, in generale, un luogo alquanto misterioso. È molto lontano, completamente buio e gli oggetti al suo interno sono molto piccoli, quindi vedere cosa c’è oltre l’orbita di Nettuno è una vera sfida.

Abbiamo un’idea generale della struttura di quella regione dello spazio, dove la fascia di Kuiper è costituita da piccoli corpi ghiacciati, e poi la nuvola di Oort a distanze molto maggiori, ma è difficile guardare nei dettagli.

Tuttavia, otteniamo ulteriori informazioni da una fonte inaspettata: energia oscura Survey (DES), che si è svolta tra agosto 2013 e gennaio 2019.

Ha perforato il cielo meridionale nell’infrarosso e nel vicino infrarosso per diverse centinaia di notti, studiando cose come supernovae e ammassi di galassie, nel tentativo di calcolare l’accelerazione dell’espansione dell’universo, che si pensa sia influenzata dall’energia oscura.

READ  DAVINCI + per esplorare i destini divergenti del misterioso gemello terrestre

Risulta che la profondità, l’ampiezza e la risoluzione del rilievo sono molto utili per identificare oggetti anche nel sistema solare esterno, oltre l’orbita di Nettuno a circa 30 unità astronomiche dal sole. All’inizio di quest’anno, un team di astronomi ha rivelato di aver rilevato 461 oggetti precedentemente sconosciuti nel sistema solare esterno nei dati DES.

Uno di questi oggetti, osservato da Bernstein e dal collega astronomo dell’Università della Pennsylvania Pedro Bernardinelli, era C/2014 UN271 (Bernardinelli-Bernstein). Ora, loro e i loro colleghi hanno descritto la cometa in modo più dettagliato in un documento prestampato accettato Lettere per riviste astrofisiche.

“Concludiamo che C / 2014 Nazioni Unite271 (Bernardinelli-Bernstein) è una “nuova” cometa, nel senso che non ci sono prove di un precedente avvicinamento più vicino di 18 au al Sole da quando è stata espulsa nella nube di Oort,” I ricercatori scrivono.

“In effetti, questa potrebbe essere la cometa più primitiva mai osservata, in quanto l’abbiamo rilevata prima che entrasse nell’orbita di Urano, e potrebbe non essere mai avvenuta in nessuna orbita precedente”.

Secondo l’analisi del team, C/2014 UN271 (Bernardinelli-Bernstein) ha iniziato il suo viaggio interiore ad una distanza di circa 40.400 AU dal Sole. Questo è molto nella regione della nuvola di Oort, che è un’enorme regione di corpi ghiacciati si estende ovunque Da circa 2.000 a fino a 100.000 AU.

Quando è stata scoperta, la cometa si trovava a una distanza di circa 29 UA dal Sole. Il suo massimo avvicinamento al Sole avverrà nel 2031, quando raggiungerà una distanza di 10,97 UA; La distanza media dell’orbita di Saturno, in termini di contesto, è di 9,5 unità astronomiche.

READ  Lo studio sudafricano mostra un'elevata protezione da COVID da un colpo di J&J

Ha un diametro di 155 chilometri (96 miglia), C/2014 UN271 (Bernardinelli-Bernstein) è una goletta assoluta, ma ciò nonostante non sarebbe visibile ad occhio nudo da quella distanza.

Tuttavia, gli scienziati coglieranno ogni opportunità per studiarlo con i telescopi. Sperano che saperne di più sulla sua composizione sarà in grado di dirci di più sul primo sistema solare e sui suoi confini.

Questo perché si pensa che le rocce ghiacciate dei margini più lontani del nostro sistema planetario siano rimaste in qualche modo immutate da quando si sono formate, circa 4,5 miliardi di anni fa. Quindi i volatili intrappolati nel ghiaccio della cometa devono contenere informazioni sulla chimica del sistema solare esterno durante la sua formazione.

Gli scienziati hanno già scoperto segni di coma, l’atmosfera della cometa che appare quando una cometa si avvicina al sole. L’aumento del calore sublima il ghiaccio sulla superficie della cometa, producendo virgole visibili e, a distanze più ravvicinate, code di comete. La spettroscopia di queste caratteristiche ci dirà molto su cosa c’è dentro C/2014 UN271 (Bernardinelli-Bernstein).

Dal momento che sappiamo così poco della nuvola di Oort e delle cose in essa contenute, C/2014 UN271 Bernardinelli-Bernstein è una finestra molto rara su questa misteriosa regione della nostra casa nello spazio.

La ricerca è stata accettata Lettere per riviste astrofisiche, disponibile a arXiv.