septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’atleta italiano di atletica leggera Jacobs afferma che non ci sono contatti con un ex nutrizionista

Tokyo 2020 Olympics Athletics 4x100m staffetta maschile Round 1 Olympic Stadium, Tokyo, Giappone – 5 agosto 2021. Lamont Marcel Jacobs d’Italia durante il gioco REUTERS/Aleksandra Szmigiel

TOKYO (Reuters) – Il campione olimpico italiano Lamont Marcel Jacobs ha detto sabato di essersi separato dal suo ex nutrizionista quando ha saputo che Giacomo Spazzini era indagato per sostanze dopanti.

Una delle scoperte dei Giochi di Tokyo è stata Jacobs, che è diventato il primo italiano in assoluto a vincere i 100 metri alle Olimpiadi, correndo per conquistare un tempo record europeo di 9,80 secondi nella finale dello spettacolo di Tokyo pur non essendo passato sotto i 10 secondi . Fino a quest’anno.

Ha anche fatto parte della straordinaria staffetta 4x100m che ha vinto la doppia sprint, poiché l’Italia aveva già vinto più medaglie a Tokyo di qualsiasi altra Olimpiade estiva e c’era ancora un giorno di gara.

“Beh, è ​​qualcosa che, francamente, non mi piace, perché dal primo momento in cui abbiamo saputo di questa cosa che è successa, abbiamo smesso di lavorare con lui”, ha detto Jacobs ai giornalisti quando gli è stato chiesto di Spazzini.

“Ma non siamo preoccupati, infatti la persona è stata coinvolta in una situazione che non era colpa sua. Alla fine della situazione non era considerato colpevole, quindi siamo a nostro agio”.

I media italiani hanno riferito che i due si sono lasciati a marzo quando sono emerse le prime notizie sul presunto coinvolgimento di Spazzini.

All’inizio di questa settimana, il Comitato Olimpico Italiano (Coni) ha criticato i suggerimenti dei media secondo cui la vittoria di Jacobs nei 100 metri è stata messa in dubbio, affermando che le notizie erano “imbarazzanti e spiacevoli”.

READ  Giorgi caccia la testa di serie Sabalenka a Eastbourne

Jacobs, che ha affermato che il successo suo e dell’Italia in pista è dovuto al duro lavoro, è stato uno dei tanti atleti degni di nota a indossare nuove scarpe chiodate con suola in carbonio “migliorante” per raggiungere le sue medaglie d’oro.

Gli atleti di Tokyo hanno anche elogiato la pista veloce, che ha prodotto una serie di record mondiali, continentali e nazionali dallo sprint alla media distanza.

“Beh, cosa posso dire? Abbiamo lavorato duramente per molto tempo”, ha detto Jacobs.

“Lavoriamo su questa staffetta da molti anni e la grande idea dell’allenatore era che in futuro avremmo potuto fare un quad di successo e siamo in quel momento – e finalmente siamo stati in grado di farlo.

“Siamo riusciti a mettere insieme una squadra compatta che è stata in grado di accompagnarmi in questo bellissimo viaggio, ed eccoci qui con queste due medaglie d’oro”, ha detto.

L’Italia ha finora vinto 38 medaglie, le precedenti sono state 36 medaglie a Roma nel 1960 e a Los Angeles nel 1932.

Hanno vinto 28 medaglie alle Olimpiadi di Londra 2012 e altrettante alle Olimpiadi di Rio de Janeiro cinque anni fa.

Segnalazioni aggiuntive di Gavino Garay, di Carlos Grohmann; Montaggio di Claire Fallon

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.