agosto 4, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’asteroide che uccide i dinosauri ha prodotto uno tsunami gigante alto quasi un miglio

L’asteroide che ha spazzato via i dinosauri 66 milioni di anni fa ha confermato uno tsunami alto un miglio che si è schiantato nel Nord America, come confermato dai “mega-anelli” fossilizzati.

Queste linee ondulate, sepolte all’interno di sedimenti in quella che oggi è la Louisiana centrale, sono state scoperte dall’imaging sismico dell’Università della Louisiana a Lafayette.

Gli scienziati hanno trascorso decenni alla ricerca di prove di questo evento a livello di estinzione, compresa la scoperta delle ricadute del drammatico impatto dell’asteroide mentre si schiantava in quella che oggi è la penisola messicana dello Yucatan.

Oltre al gigantesco tsunami che ha inviato onde di marea a migliaia di miglia dal luogo dell’impatto, c’erano incendi a 1.000 miglia di distanza e pennacchi di polvere che circondavano il globo.

L’asteroide che ha spazzato via i dinosauri 66 milioni di anni fa ha inviato uno tsunami alto un miglio che si è schiantato nel Nord America, confermati “megaripples” fossilizzati

Queste strisce ondulate (nella foto), sepolte all'interno di sedimenti in quella che oggi è la Louisiana centrale, sono state scoperte dall'imaging sismico dell'Università della Louisiana a Lafayette.

Queste strisce ondulate (nella foto), sepolte all’interno di sedimenti in quella che oggi è la Louisiana centrale, sono state scoperte dall’imaging sismico dell’Università della Louisiana a Lafayette.

Cosa provoca uno tsunami?

Uno tsunami, a volte chiamato onda di marea o onda sismica del mare, è una serie di onde giganti che derivano da un disturbo nell’oceano.

Il disturbo può essere una frana, un’eruzione vulcanica, un terremoto o una meteora; Il colpevole è spesso il terremoto.

Se una frana o un terremoto che ha innescato uno tsunami si verifica vicino alla costa, i residenti possono vederne gli effetti quasi immediatamente.

La prima ondata di tsunami può arrivare in pochi minuti, prima che il governo o qualsiasi altra istituzione abbia il tempo di lanciare un avvertimento.

Le aree più vicine al livello del mare sono più suscettibili di essere colpite dalle onde.

Utilizzando l’imaging sismico condotto da una compagnia petrolifera che opera nell’area, gli scienziati statunitensi hanno osservato il suolo a 5.000 piedi sotto la superficie, fino al momento dell’impatto, e hanno trovato increspature fossili distanziate di mezzo miglio e alte 50 piedi.

READ  Vaccino mRNA influenzale Moderna testato in studi clinici

Il team ha spiegato che erano l’impronta delle onde dello tsunami che si sono propagate dal cratere da impatto e che mentre si avvicinavano alla riva hanno disturbato il fondo del mare.

Queste onde colpivano l’acqua a 200 piedi di profondità mentre si avvicinavano alla riva, le onde di marea guadagnavano in altezza mentre colpivano il pendio della costa.

La direzione delle increspature a 5.000 piedi sotto la Louisiana centrale era coerente con il modo in cui si sarebbero aspettati che l’onda colpisse dopo l’impatto dell’asteroide.

Tracciare una linea dalla sommità di queste increspature è andato direttamente al cratere Chicxulub a circa 1.000 miglia dall’area che i ricercatori hanno esaminato utilizzando l’imaging sismico.

Ciò significava che l’area era ideale per preservare le increspature che alla fine sarebbero state sepolte nel sedimento.

“L’acqua era così profonda che una volta che lo tsunami si è fermato, le onde regolari della tempesta non sono state in grado di interrompere ciò che c’era”, ha detto l’autore dello studio Gary Kinsland. Scienza.

Ciò significa che l’impronta delle increspature è rimasta per 66 milioni di anni, coperta da uno strato di detriti che cadeva nell’aria e che era attaccato al cratere dell’asteroide.

Un disegno a tratteggio dalla sommità di queste increspature è andato direttamente al cratere Chicxulub a circa 1.000 miglia dall'area che i ricercatori hanno esaminato utilizzando l'imaging sismico.

Un disegno a tratteggio dalla sommità di queste increspature è andato direttamente al cratere Chicxulub a circa 1.000 miglia dall’area che i ricercatori hanno esaminato utilizzando l’imaging sismico.

Lo tsunami potrebbe essere stato così grave che le sue onde hanno raggiunto un’altezza di un miglio e hanno causato terremoti sulla Terra quando ha colpito la Terra a più di 11 gradi della scala Richter.

Avrebbe distrutto l’ambiente circostante, inviando la vita marina a terra, la fauna selvatica al mare e uccidendo milioni di creature nel processo.

READ  7 nuovi decessi e 220 nuovi casi positivi - scadenza

Gli autori dello studio affermano che lo tsunami sarebbe durato diversi giorni, rispecchiando più volte il suo impatto nel Golfo del Messico, diminuendo ogni volta.

Le increspature viste nei sedimenti erano le forze delle massicce pareti d’acqua che colpivano la scarpata poco profonda vicino alle coste e tornavano verso la fonte dello tsunami, l’impatto con l’asteroide.

Utilizzando l'imaging sismico condotto da una compagnia petrolifera che opera nell'area, gli scienziati statunitensi hanno osservato il suolo a 5.000 piedi sotto la superficie, fino al momento dell'impatto, e hanno trovato increspature fossili distanziate di mezzo miglio e alte 50 piedi.

Utilizzando l’imaging sismico condotto da una compagnia petrolifera che opera nell’area, gli scienziati statunitensi hanno osservato il suolo a 5.000 piedi sotto la superficie, fino al momento dell’impatto, e hanno trovato increspature fossili distanziate di mezzo miglio e alte 50 piedi.

Lo tsunami potrebbe essere stato così intenso che le sue onde hanno raggiunto un'altezza di un miglio e hanno causato terremoti al suolo quando ha colpito il suolo a più di 11 gradi della scala Richter.

Lo tsunami potrebbe essere stato così intenso che le sue onde hanno raggiunto un’altezza di un miglio e hanno causato terremoti al suolo quando ha colpito il suolo a più di 11 gradi della scala Richter.

L’effetto stesso potrebbe aver provocato il caos per migliaia di chilometri intorno, ma gli effetti sono stati avvertiti a livello globale attraverso i cambiamenti atmosferici.

Questo è ciò che ha spazzato via molte specie, ponendo fine all’era mesozoica e chiudendo l’era dei dinosauri.

Il team spera di trovare ulteriori prove delle increspature dello tsunami dopo l’impatto, aiutando a ricostruire il mistero di questo evento di estinzione.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Lettere di Scienze della Terra e dei Pianeti.

Killing the Dinosaurs: come uno steroide delle dimensioni di una città ha spazzato via il 75% di tutte le specie animali e vegetali plant

Circa 65 milioni di anni fa, i dinosauri non aviari furono spazzati via e più della metà delle specie del mondo furono spazzate via.

Questa estinzione di massa ha aperto la strada all’emergere dei mammiferi e dell’uomo.

L’asteroide Chicxulub è spesso citato come una possibile causa dell’estinzione del Cretaceo e del Paleogene.

READ  La NASA continua a lavorare sul telescopio spaziale Hubble: il computer di backup si è acceso, ma si è guastato con lo stesso errore

L’asteroide ha colpito un mare poco profondo in quello che oggi è il Golfo del Messico.

La collisione ha rilasciato un’enorme nuvola di polvere e fuliggine che ha portato al cambiamento climatico globale, spazzando via il 75% di tutte le specie animali e vegetali.

I ricercatori affermano che la fuliggine necessaria per una simile catastrofe globale potrebbe provenire solo da un impatto diretto sulle rocce delle acque poco profonde intorno al Messico, particolarmente ricche di idrocarburi.

Gli esperti ritengono che entro 10 ore dall’impatto, un enorme tsunami ha colpito la costa del Golfo.

Circa 65 milioni di anni fa, i dinosauri non aviari furono spazzati via e più della metà delle specie del mondo furono spazzate via.  L'asteroide Chicxulub è spesso citato come possibile causa dell'evento di estinzione del Cretaceo e del Paleogene (immagine memorizzata)

Circa 65 milioni di anni fa, i dinosauri non aviari furono spazzati via e più della metà delle specie del mondo furono spazzate via. L’asteroide Chicxulub è spesso citato come possibile causa dell’evento di estinzione del Cretaceo e del Paleogene (immagine memorizzata)

Ciò ha causato terremoti e frane fino all’Argentina.

Ma mentre le onde e gli scoppi erano le creature che vivevano in quel momento non solo sperimentando le onde – il caldo era molto peggio.

Durante le indagini sull’evento, i ricercatori hanno trovato piccole particelle di roccia e altri detriti che sono state rilasciate nell’aria quando l’asteroide si è schiantato.

Queste minuscole particelle, chiamate globuli, ricoprivano il pianeta con uno spesso strato di fuliggine.

Gli esperti spiegano che la perdita di luce solare ha causato un completo collasso del sistema idrico.

Questo perché la base fitoplanctonica di quasi tutte le catene alimentari acquatiche è stata eliminata.

Si ritiene che più di 180 milioni di anni di evoluzione che hanno portato il mondo nel Cretaceo siano stati distrutti in meno dell’età del Tyrannosaurus Rex, che aveva circa 20-30 anni.