agosto 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’app Didi è stata sospesa in Cina a causa della protezione dei dati

Un trader lavora durante l’IPO della cinese Didi Global Inc alla Borsa di New York (NYSE) a New York City, Stati Uniti, 30 giugno 2021.

Brendan McDermid | Reuters

L’amministrazione del cyberspazio cinese ha dichiarato domenica di aver ordinato agli app store per smartphone di smettere di offrire l’app di Didi Global Inc per i servizi di trasporto dopo aver scoperto che Didi ha raccolto illegalmente i dati personali degli utenti.

La China Cyberspace Administration (CAC) ha dichiarato nel suo feed sui social media di aver ordinato a Didi di apportare modifiche per conformarsi alle norme cinesi sulla protezione dei dati. La natura della violazione di Didi non è stata specificata.

Didi ha risposto dicendo che ha smesso di registrare nuovi utenti e rimuoverà la sua app dagli app store. Ha detto che avrebbe apportato modifiche per rispettare le regole e proteggere i diritti degli utenti.

Didi è apparso alla Borsa di New York mercoledì dopo un’offerta pubblica iniziale (IPO) di $ 4,4 miliardi.

Diddy è stato valutato a $ 67,5 miliardi nella sua IPO, in calo significativamente rispetto ai $ 100 miliardi che aveva sperato, a cui i potenziali investitori hanno resistito.

Il direttore della ricerca Redex Kirk Bodry, che pubblica su Smartkarma, ha affermato che la mossa di CAC è apparsa aggressiva, ma a Didi è stato comunque impedito di aggiungere nuovi utenti durante la revisione della sicurezza informatica.

“Questo suggerisce che il processo potrebbe richiedere del tempo, ma hanno un’ampia base comprovata, quindi è probabile che l’impatto a breve termine sia attenuato per ora”.

Didi stava ancora lavorando in Cina per persone che l’avevano già scaricato. Offre in media più di 20 milioni di voli in Cina ogni giorno.

READ  Tesla sta attivando le telecamere di riconoscimento facciale nelle sue auto per la sicurezza

Il CAC venerdì ha annunciato un’indagine sul caso Didi per proteggere “la sicurezza nazionale e l’interesse pubblico”, facendo scendere il prezzo delle sue azioni del 5,3% a $ 15,53.

Il titolo è stato venduto per $ 14 nella sua offerta pubblica iniziale, il top di gamma che è stato contrassegnato.

Negli ultimi anni i regolatori cinesi hanno inasprito le regole di raccolta dei dati per le grandi aziende tecnologiche.

Didi, che fornisce servizi in Cina e in più di 15 altri mercati, raccoglie ogni giorno enormi quantità di dati di navigazione in tempo reale. Utilizza alcuni dati per le tecnologie di guida autonoma e l’analisi del traffico.

Fondata da Will Cheng nel 2012, l’azienda è già stata sottoposta a indagini normative in Cina sulla sua licenza di sicurezza e di esercizio.

Didi aveva delineato le normative cinesi pertinenti nel suo prospetto dell’IPO e ha affermato: “Seguiamo procedure rigorose nella raccolta, nel trasferimento, nell’archiviazione e nell’uso dei dati degli utenti in conformità con le nostre politiche sulla sicurezza e sulla privacy dei dati”.