diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’ANC subisce la peggiore battuta d’arresto elettorale dalla fine dell’apartheid

I risultati delle elezioni municipali pubblicati giovedì hanno mostrato che l’African National Congress, un tempo decantato movimento di liberazione del Sudafrica, ha subito la sua peggiore performance elettorale da quando ha preso il potere nel 1994.

Di fronte alla rabbia diffusa per la corruzione e il crollo dei servizi, lunedì il partito ha vinto meno del 50 per cento dei voti a livello nazionale, la prima volta nella sua storia che non è riuscito a superare quel limite.

Gli elettori sono andati alle urne lunedì per scegliere consiglieri e sindaci per governare paesi e città, ma hanno colto l’occasione per esprimere le loro lamentele sulle questioni nazionali, tra cui la disoccupazione record e la rabbia per la gestione del Covid. Il risultato è stato un clamoroso rimprovero all’ANC, in particolare nelle aree urbane. L’affluenza alle urne notevolmente bassa è stata un’altra accusa dell’ANC e dei principali partiti di opposizione, poiché gli elettori hanno scelto partiti più piccoli e basati sull’identità.

dopo, dopo contrattempi comunali Nel 2016, i leader dell’ANC hanno promesso di «imparare dai nostri errori» e quest’anno hanno riposto le loro speranze su un sondaggio che ha trovato il presidente Cyril Ramaphosa con un indice di approvazione più alto di quello del suo partito.

Ma non importa quanto calorosamente I sudafricani potrebbero provare sentimenti per il loro presidenteVedono uno scollamento tra il suo messaggio di rinnovamento nazionale e la corruzione che ha contaminato il suo partito e paralizzato i comuni.

«Lo ascoltano, lo amano», ha detto Mspisi Ndeltiana, professore di scienze politiche all’Università di Johannesburg. «Ma quando chiudono gli occhi sui leader locali che sono lì, vedono scarse prestazioni».

Dagli anni ’90, quando Nelson Mandela era il volto del partito, l’ANC non ha fatto troppo affidamento sul carattere del suo leader nelle elezioni locali, ha affermato William Gumede, presidente della Democratic Business Foundation. Non è stato sufficiente per convincere gli elettori, ma l’ANC avrebbe potuto scendere sotto il 40% se Ramaphosa non fosse stato al centro della campagna, ha detto Gomede.

READ  La variante Delta è il ceppo di coronavirus più diffuso in California

Sulla scia dell’imbarazzante parata di questa settimana, è probabile che Ramaphosa affronti sfide di leadership all’interno del suo stesso partito. Per sostituirlo, i suoi avversari dovranno trovare un candidato unificato. Gumed ha detto che il signor Ramaphosa potrebbe a sua volta dover licenziare leader famosi ma famigerati.

Queste ricadute possono portare a una spaccatura nel partito al governo, ma si stanno rivelando utili per gli elettori sudafricani.

«Ha davvero rivitalizzato di nuovo il paese. C’era un senso di disperazione e disperazione nel paese perché l’ANC era una forza così dominante», ha detto Gomede.

Nonostante la sconfitta di lunedì, l’ANC rimane il partito dominante in Sudafrica, con il 46 per cento dei voti.

Ma la modesta vittoria significa che ora dovrà stringere alleanze con partiti più piccoli nelle città che un tempo controllava comodamente. Dovrà anche perseguire insediamenti politici nella provincia di Gauteng, sede della capitale economica Johannesburg, e Pretoria, sede del governo.

I funzionari dell’ANC hanno cercato di ottenere i migliori risultati.

«Non siamo perdenti qui», ha detto Jesse Duarte, vice segretario generale del partito, in una conferenza stampa al centro dei risultati a Pretoria. «Per quanto ci riguarda, siamo la parte vincente su questo consiglio».

Ma la signora Duarte ha riconosciuto che gli elettori hanno inviato un messaggio.

«Non rispettiamo gli elettori», ha detto. «Hanno parlato.» Ha detto che il partito sarebbe «pragmatico» nell’analizzare le sue perdite.

Tuttavia, non furono le perdite a sconvolgere i leader dell’ANC. Molti sudafricani sembrano inviare il messaggio di non votare affatto. L’affluenza alle urne è stata del 47%. NS 11 punti percentuali in meno rispetto alla precedente elezione.

READ  Panico come un grattacielo alto 300 metri vacilla in Cina | Cina

Mentre i partiti politici hanno cercato di incolpare la bassa affluenza per la stagione della campagna sotto pressione dalle normative Covid-19 e dal maltempo in alcune parti del paese, molti osservatori hanno attribuito ciò a un panorama politico deprimente. Un analista ha suggerito che l’inazione nei sondaggi fosse una forma di azione.

«Dobbiamo iniziare ad analizzare e parlare del non voto come attività politica in sé e per sé», ha affermato Tasnim Esop, ricercatore presso l’Istituto per la società, il lavoro e la politica dell’Università del Witwatersrand.

Longiselle Dlamini, un’insegnante di 28 anni che vive nella città di Alexandra a Johannesburg, era tra quei sudafricani che non si sono presentati alle urne.

Ha detto: «Non ho visto un bisogno.» «Non fanno niente, quindi che senso ha votare?»

Daniel Vinokur, 27 anni, ha lavorato come revisore dei conti durante il conteggio dei voti, ma nessuno dei voti contati era per lui, ha detto.

«Non ho un partito politico con cui confrontarmi», ha detto.

Molti di coloro che hanno votato hanno affermato di essere motivati ​​da questioni nazionali, come l’economia stagnante del Sudafrica e la disoccupazione record, che sono state esacerbate dalla pandemia di Covid-19 e dalle conseguenti misure di blocco.

«Penso ai giovani», ha detto Bongile Gramany, un sostenitore dell’ANC di 62 anni che ha votato in una chiesa ad Alexandra Town. “Se possono aiutare i giovani a trovare lavoro e acquisire competenze, sarò felice”.

Come molti dei sostenitori del partito, la signora Grammani ha fatto riferimento all’esperienza di governo dell’ANC e ha affermato di ritenere che «possono cambiare».

La signora Aesop, analista politica, ha affermato che il partito svolge ancora un ruolo enorme nel panorama politico sudafricano e nella psiche degli elettori. Per alcuni sudafricani, ha detto, la decisione di non votare, o di votare per un partito più piccolo, potrebbe essere stata finalizzata in parte a punire un partito che non era all’altezza degli ideali del suo famoso leader Mandela.

READ  Il naufragio al largo dello Sri Lanka potrebbe diventare un disastro permanente: NPR

Tuttavia, nonostante la registrazione di 95.427 candidati per 10.468 seggi nell’assemblea, i principali partiti di opposizione hanno lottato per il loro slancio. L’Alleanza Democratica, la principale opposizione, non è riuscita a ottenere guadagni, perdendo consensi di 5 punti percentuali dal 2016.

I partiti di opposizione che hanno attratto gli elettori hanno attinto a questioni di identità nelle società in cui le persone erano frustrate dal partito al governo.

Nella provincia di KwaZulu-Natal, un tempo roccaforte dell’ANC, l’Inkatha Freedom Party ha fatto affidamento sulla storia del nazionalismo Zulu per ottenere quasi un quarto dei voti nella provincia prevalentemente rurale.

Allo stesso modo, il Freedom Front Plus, un partito nazionalista storicamente africano che si è riposizionato come baluardo contro tutte le minoranze contro l’ANC, ha aumentato il suo sostegno in tutto il paese.

Questi guadagni possono essere un segno che gli elettori sudafricani si stanno spostando verso la destra politica. Invece delle «grandi ideologie» dei partiti di sinistra, alcuni elettori potrebbero volere partiti e organizzazioni civiche che credono possano «fare le cose», ha affermato Susan Boysen, capo della ricerca presso il Mapungubwe Institute for Strategic Thinking di Johannesburg.

«Penso che sia relativamente facile per una società girare in quella direzione, quando è esposta a condizioni così estreme e quando il governo non sta dando una mano», ha detto.