septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’allenatore dell’Italia dice che Jacobs può correre molto veloce

TOKYO (AP) – Il 26enne velocista italiano nato in Texas che ha sorpreso tutti vincendo i 100 metri alle Olimpiadi di Tokyo può iniziare subito.

Antonio La Torre, capo allenatore della squadra di atletica leggera italiana, crede che Marcel Jacobs possa correre veloce come alcuni uomini tranne Hussein Bolt.

“A causa del suo talento sconfinato, oserei dire che è un uomo che può correre vicino a 9,70 – o anche più veloce”, ha detto La Torre all’Associated Press lunedì, dopo che Jacobs ha registrato personalmente i migliori 9,80 secondi per diventare il Bolt Olympic di un giorno campione, altrimenti noto come l’uomo più veloce del mondo..

La Torre ha sottolineato che la partita finale si è svolta appena 2 ore dopo che Jacobs ha segnato 9.84 nella sua manche di semifinale.

“Nel (suo semifinale) terzo finale, Jacobs ha raggiunto una velocità di 43,3 km (26,9 mph), che era più veloce di chiunque altro durante la notte”, ha detto La Torre.

Dopo un efficiente inizio della finale, Jacobs si è guardato intorno all’ultimo metro, rallentando un po’ per assicurarsi che non ci fosse nessuno.

“Se avesse spinto fino in fondo, avrebbe potuto correre 9,78”, ha detto La Torre.

A parte Bolt, che detiene il record mondiale di 9,58, solo Tyson K e Johan Blake hanno corso sotto 9,70 finora.

Fino a pochi anni fa, Jacobs doveva essere principalmente un saltatore in lungo. Una serie di lesioni al ginocchio sinistro – che ha spinto nel salto in lungo – ha spinto Jacobs a spostare completamente la sua attenzione sugli sprint.

“Purtroppo le sue ginocchia sono troppo fragili per gestire la partenza nel salto in lungo”, ha detto La Torre. “Sarebbe stato medaglia d’oro anche nel salto in lungo, ma ogni volta si infortunava.

READ  Covit-19: l'Italia estende Green Pass a treni, aerei, battelli e compartimenti - News

Jacobs’ maniglia di Instagram È diventato il “Crystlangjumber”.

Anche il personal trainer di Jacobs Pavlo Kamosi è un esperto di salto.

Camossi ha vinto il salto tre volte ai Campionati mondiali indoor del 2001, battendo l’allora campione olimpico Jonathan Edwards del Regno Unito.

“Hanno formato una partnership di grande talento. Palo è davvero cresciuto”, ha detto La Torre.

Jacobs si è qualificato per le 100 semifinali ai Mondiali 2019 di Doha, in Qatar; Nel marzo di quest’anno l’italiano ha vinto l’oro nei 60 metri negli interni europei in 6,47 secondi; L’Italia vince l’argento nella 4×100 ai Mondiali di staffetta di maggio; Ma non è ancora nemmeno considerato una medaglia a Tokyo.

Non ha passato 10 secondi fino a quest’anno, il che ha sollevato alcune domande sui social media sugli ultimi sviluppi di Jacobs.

“Capisco queste domande perché, purtroppo, è sempre stato così”, ha detto La Torre.

La Torre, professore universitario di Milano specializzato in scienze dello sport, ha lavorato come un “maniaco” su tutti gli aspetti dell’ingresso di Jacobs nello sport.

L’allenatore ha detto che faceva parte del regime di allenamento di Jacobs lavorare su una pista appositamente progettata tre volte a settimana presso il centro di allenamento olimpico della squadra a Roma. Miglioramenti, tempo di reazione e così via.

Tutti i dati di Jacob sono archiviati in questo gruppo.

“Danno il benvenuto a chiunque voglia vederlo”, ha detto La Torre.

Questa speculazione è stata un feedback per una squadra che celebra la sua più grande notte nella storia olimpica.

Perché pochi minuti prima che Jacobs vincesse la sua gara, il saltatore in alto italiano Gianmargo Tampere ha vinto l’oro in un pareggio con il Mudas Essa Parsim del Qatar.

READ  L'Italia vuole la riforma delle tariffe elettriche con l'aumento dei costi energetici - fonti

Jacobs e Tampery hanno festeggiato cenando insieme alle 4 del mattino lunedì, ha detto La Torre.

È stato un punto di svolta per una squadra che alle Olimpiadi 2016 di Rio de Janeiro non è riuscita a vincere nemmeno una medaglia nell’atletica leggera.

La Torre è stato ingaggiato dopo la partita di Rio per sostituire l’ex ct dell’Italia Elio Locatelle.

Jacobs tornerà questo fine settimana come membro della staffetta italiana 4x100m con Filippo Dorto – è diventato il primo italiano a correre sotto i 10 secondi con 9,99 tre anni fa – e Lorenzo Patta e Fosto Desalu.

“Potrebbe essere una staffetta molto competitiva. Puntiamo ad arrivare in finale – ha detto La Torre -. Poi in finale può succedere di tutto”.

Jacobs, come il mondo ha visto adesso, lo sa già.

___

Altre Olimpiadi AP: https://apnews.com/hub/2020-tokyo-o Olimpiadi e https://twitter.com/AP_Sports

___

Andrew Dampf è su https://twitter.com/AndrewDampf