agosto 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’aeroporto di Sydney ottiene un’offerta di acquisto di $ 16,7 miliardi mentre gli investitori guardano a lungo termine ai viaggi

  • IFM, QSuper, partner infrastrutturali globali dietro lo spettacolo
  • Offerta in contanti con premio del 42% fino al prezzo di chiusura di venerdì scorso
  • L’offerta è subordinata al reinvestimento da parte di UniSuper del 15% delle azioni

SYDNEY, 5 luglio (Reuters) – Un gruppo di investitori in infrastrutture ha proposto una delle più grandi acquisizioni australiane di sempre, l’acquisto da 22,26 miliardi di dollari australiani (16,7 miliardi di dollari) della Sydney Airport Holdings Pty Ltd, con una visione a lungo termine sull’epidemia. settore dei viaggi.

La proposta arriva quando i bassi tassi di interesse stanno spingendo i fondi pensione e i gestori degli investimenti a cercare rendimenti più elevati. L’acquisto, con un valore del progetto di 30 miliardi di dollari australiani incluso il debito, consentirà loro di raccogliere i benefici finanziari della riapertura dei confini e della ripresa della domanda di viaggio.

I dati di Refinitiv hanno mostrato che l’acquisto del più grande aeroporto australiano, in caso di successo, sarebbe uno dei più grandi di sempre del paese per valore aziendale in dollari USA, alla pari con l’acquisto di 22 miliardi di dollari dell’operatore di centri commerciali Westfield Group da parte di Unibail-Rodamco nell’anno 2017.

Sarebbe anche all’ottavo posto a livello mondiale nel più grande affare di quest’anno e il secondo più grande acquisto aeroportuale, dopo l’acquisto di $ 30,2 miliardi dell’aeroporto britannico di Heathrow nel 2006.

Sydney Air Alliance – un consorzio che comprende IFM Investors, QSuper e Global Infrastructure Partners – offre 8,25 dollari australiani per aeroporto di Sydney (SYD.AX) , un premio del 42% rispetto alla chiusura del titolo venerdì.

La notizia ha fatto salire il titolo del 38% a 8,04 dollari australiani all’inizio di lunedì, anche se in seguito è tornato a circa 7,55 dollari australiani, indicando incertezza nel mercato sull’esito dell’operazione.

READ  I passeggeri indisciplinati saltano da un aereo sulla pista LAX

L’aeroporto di Sydney ha indicato che l’offerta era inferiore al prezzo delle sue azioni prima dello scoppio dell’epidemia e ha affermato che esaminerà la proposta, che dipende dalla due diligence e dalla raccomandazione agli azionisti in assenza di un’offerta superiore.

Il prezzo delle azioni dell’operatore aeroportuale ha raggiunto il record di 8,86 dollari australiani nel gennaio dello scorso anno, prima che la nuova pandemia di coronavirus facesse precipitare la domanda di viaggi.

Trova raccolti più alti

La compagnia è l’unico operatore aeroportuale registrato in Australia. Un accordo di successo porterebbe la sua proprietà in linea con altri importanti aeroporti del paese che sono di proprietà di un consorzio di investitori infrastrutturali, principalmente fondi pensione.

Secondo l’Australian Pension Fund Association, il sistema di risparmio pensionistico obbligatorio australiano, noto come superannuation, ha un patrimonio di 3,1 trilioni di dollari.

Con tassi di interesse record bassi, i fondi stanno cercando di investire in infrastrutture per rendimenti più elevati.

“È un buon momento per guardare queste risorse di 75 anni quando le condizioni sono al minimo”, ha detto un investitore dell’aeroporto di Sydney, che ha chiesto di non essere nominato perché la società della persona stava ancora valutando l’offerta. “Lei è opportunista in questo senso, ma comprensibile”.

Si prevede che i confini internazionali dell’Australia rimarranno chiusi almeno fino alla fine dell’anno, in parte a causa di un programma di vaccinazione più lento rispetto alla maggior parte dei paesi sviluppati. Leggi di più

Anche i viaggi nazionali sono stati interrotti dalla chiusura di due settimane a Sydney durante il periodo solitamente intenso delle vacanze scolastiche, a seguito dello scoppio della variante delta altamente contagiosa del COVID-19. Altri stati hanno chiuso le frontiere ai residenti di Sydney.

READ  Le Tesla prodotte in Texas dovranno probabilmente lasciare lo stato prima che il Texas possa acquistarle

A maggio, il traffico internazionale all’aeroporto di Sydney è diminuito di oltre il 93% rispetto allo stesso mese del 2019, mentre il traffico nazionale è diminuito del 39,2%. Leggi di più

L’aeroporto ha da tempo monopolizzato il traffico da e per la città più popolosa d’Australia, ma questo terminerà nel 2026 con l’apertura del Western Sydney Airport.

La Sydney Aviation Alliance ha affermato che non prevede di apportare modifiche sostanziali alla gestione, ai servizi, alle operazioni o ai rating di credito target dell’aeroporto.

IFM possiede partecipazioni nei principali aeroporti di Melbourne, Brisbane, Perth e Adelaide. QSuper possiede una partecipazione nell’aeroporto di Heathrow in Gran Bretagna, mentre Global Infrastructure investe negli aeroporti di Gatwick e London City in quel paese.

La loro offerta è subordinata a UniSuper, il maggiore azionista dell’aeroporto di Sydney con una quota del 15%, che si impegna a reinvestire la propria quota in un capitale equivalente nel consorzio.

UniSuper, che possiede anche partecipazioni negli aeroporti di Adelaide e Brisbane, ha affermato di non essere né un partner del consorzio né a conoscenza di alcun dettaglio al di fuori delle informazioni divulgate pubblicamente.

“UniSuper vede in linea di principio un trasferimento di merito all’aeroporto di Sydney da una società quotata a una società non quotata. UniSuper ha anche una visione positiva dei partner del consorzio”, ha affermato il fondo.

(1$ = 1,3294 dollari australiani)

Segnalazioni aggiuntive di Jamie Fried a Sydney e Scott Murdoch a Hong Kong; Segnalazioni aggiuntive di Byron Kay a Sydney, Nikhil Kurian-Nainan e Sumyajit Saha a Bengaluru; Montaggio di Stephen Coates e Christopher Cushing

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Il potenziale piano "compra ora, paga dopo" di Apple sta facendo crollare il settore