octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’accordo fiscale globale si avvicina mentre l’Irlanda si rifiuta di firmare

La foto è stata scattata a Dublino, Irlanda

Jorgo Koussa / EyeEm | EyeEm | Getty Images

L’Irlanda ha deciso di firmare un accordo globale che aumenterebbe l’aliquota dell’imposta sulle società al 15%, segnando un importante cambiamento di politica.

Il Gruppo dei Sette e il Gruppo dei Venti hanno concordato all’inizio di questa estate di unire gli sforzi per contrastare l’evasione fiscale e armonizzare le regole in tutto il mondo. Il piano, se attuato, obbligherà le multinazionali a pagare le tasse dove operano – non solo dove si trovano – e imporre un’aliquota aziendale minima del 15%.

La Repubblica d’Irlanda ha una delle tariffe più interessanti per le aziende al mondo al 12,5% e finora si è rifiutata di aderire al regime. Il tasso più basso è stato strenuamente difeso da vari governi irlandesi, sostenendo che fosse uno strumento per attirare le aziende in una piccola economia.

La radio irlandese RTE ha riferito giovedì sera che il governo ha approvato un aumento dell’imposta sulle società dal 12,5% al ​​15% per le società con un fatturato superiore a 750 milioni di euro. La notizia è stata poi confermata dal ministro delle finanze irlandese Paschal Donohue.

“Quando aderiamo a questo accordo, dobbiamo ricordare che c’erano 140 paesi coinvolti in questo processo, molti dei quali hanno dovuto fare concessioni”, ha detto Donhoei, secondo RTE.

“Ma credo anche che l’accordo che il governo ha accettato di firmare finora sia equilibrato e rappresenti un accordo equo che rifletta gli interessi e i contributi di molti dei paesi coinvolti nei negoziati”.

Il ministero delle finanze irlandese ha stimato che l’adesione a questo accordo globale ridurrà la riscossione delle tasse del paese di 2 miliardi di euro (2,3 miliardi di dollari) all’anno, secondo RTE. Inoltre, un sondaggio dell’Irish Times ha mostrato che la maggioranza degli elettori in Irlanda crede che il governo non dovrebbe adeguare la sua politica ora.

READ  La Cina invia 38 aerei da guerra nei cieli vicino a Taiwan

Tuttavia, il cambio di posizione dell’Irlanda segue un testo rivisto. L’accordo iniziale menzionava un’aliquota minima dell’imposta sulle società di “almeno il 15%”, ma è stata aggiornata a solo il 15%, indicando che questa aliquota non sarà aumentata in un secondo momento. L’Irlanda ha anche ottenuto assicurazioni che potrebbe mantenere il tasso basso per le aziende più piccole con sede nel paese.

compromesso

Parlando con la CNBC mercoledì, Peter Szijjarto, ministro degli Affari esteri e del commercio ungherese, ha affermato che i colloqui iniziali avevano menzionato un’aliquota dell’imposta sulle società del 21%, lontana dall’attuale aliquota del paese del 9%. Quindi il nuovo livello del 15% è da qualche parte nel mezzo, ha detto.

L’Ungheria deve ancora accettare un accordo fiscale globale. Tuttavia, il ministro ha affermato che Budapest sarebbe più desiderosa di aderire se fosse concordato un periodo di attuazione di 10 anni.

Nel frattempo, il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire, uno schietto sostenitore dell’accordo fiscale globale, ha dichiarato mercoledì alla CNBC che un accordo fiscale globale “un millimetro di distanzadall’accedervi.

“Il punto principale è che un accordo venga adottato entro la fine di questo mese sul nuovo regime fiscale internazionale”, ha detto a Parigi.

“La prossima settimana, durante gli incontri di Washington o alla riunione del G-20 a Roma a fine ottobre, possiamo firmare l’accordo definitivo nell’ambito del sistema fiscale internazionale”, ha aggiunto.