septiembre 20, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La spesa per i trasferimenti di calcio europeo crolla nonostante le mosse di Messi e Ronaldo

Aggiornamenti sul calcio

Le più grandi squadre di calcio europee hanno tagliato le spese per i giocatori, anche se la finestra di trasferimento estiva di questo sport ha incluso enormi mosse per artisti del calibro di Lionel Messi e Cristiano Ronaldo.

La riduzione della spesa per le commissioni di trasferimento riflette due anni di perdite finanziarie dovute alla pandemia di coronavirus, lasciando i dirigenti sportivi a lottare per trarre profitto dal mercato multimiliardario del trading di giocatori.

La finestra di mercato – il periodo di tre mesi durante il quale le squadre possono ingaggiare giocatori – si è chiusa martedì. La spesa totale durante la finestra dei “cinque grandi” campionati europei in Inghilterra, Germania, Spagna, Italia e Francia è stata vicina ai 3 miliardi di euro, secondo i dati della società di consulenza Deloitte.

La cifra è in calo rispetto ai 3,25 miliardi di euro dell’anno precedente e al record di 5,5 miliardi di euro spesi nel 2019, prima che la pandemia influisse sulle entrate del club grazie alla perdita di entrate dai biglietti e agli sconti alle emittenti a causa di partite rinviate o annullate. L’European Club Association, l’organismo che rappresenta circa 200 squadre di spicco, ha stimato che i club di tutto il continente hanno subito un deficit di entrate collettivo di 3,6 miliardi di euro negli ultimi due anni.

Mentre la spesa per le tasse è diminuita, c’è stato molto movimento tra i club. Ciò ha incluso un aumento dei trasferimenti “gratuiti”, come il trasferimento di Messi al Paris Saint-Germain dal Barcellona, ​​​​con il club spagnolo che non può permettersi gli stipendi dei suoi beni di gioco più preziosi poiché cerca di ridurre il suo debito di più di un miliardi di euro.

READ  Prosciugato dagli infortuni, Mets conquista una vittoria di 12 partite su Marlins

Ci sono state anche una serie di accordi di “prestito” di alto profilo, come il giorno della scadenza del trasferimento per Saúl Níguez dall’Atlético Madrid al Chelsea e il ritorno di Antoine Griezmann all’Atlético dal Barcellona.

I movimenti di prestito consentono ai club di scaricare giocatori a tariffe esorbitanti. Gli stipendi dei giocatori, piuttosto che le spese di trasferimento, sono il costo maggiore nella maggior parte dei club europei. Gli accordi di prestito spesso includono un’opzione o un obbligo per il club acquirente di pagare una quota che rende permanente il trasferimento in una data successiva, di fatto ritardando parte del costo alle stagioni successive.

“C’è stata una biforcazione”, ha affermato Dan Jones, presidente dello Sports Business Group di Deloitte. “I grandi club stanno ancora spendendo molti soldi per i migliori giocatori, ma dall’altra parte del mercato ci sono stati molti trasferimenti a titolo gratuito e accordi di prestito”.

Per alcune squadre, i tagli alle spese di trasferimento stanno esacerbando la crisi finanziaria che ancora affligge i club.

Un alto dirigente della squadra italiana ha affermato che i club più piccoli dipendono dalla vendita dei migliori giocatori tra i 10 ei 30 milioni di euro per aiutare a bilanciare i loro conti ogni stagione. Ma la domanda di acquisizioni a questo livello è evaporata, poiché le squadre in Spagna, Italia e Germania cercano di ridurre le spese per i giocatori. “È un mercato affollato”, ha detto la persona.

Grafico verticale da 1 miliardo di sterline che mostra la spesa per i trasferimenti della Premier League

La spesa tra i 20 club della Premier League, la competizione nazionale più preziosa d’Europa, è stata di 1,1 miliardi di sterline, in calo del 9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e alla seconda finestra estiva consecutiva in cui le tasse sono diminuite.

READ  I giocatori del college possono guadagnare dalla loro fama, raccomanda il pannello NCAA

I club inglesi sono rimasti i più attivi in ​​tutta Europa. Le spese nette per i trasferimenti della Premier League – vendite di giocatori meno acquisizioni – hanno raggiunto 560 milioni di sterline (655 milioni di euro) quest’estate. Quel numero fa impallidire la spesa netta nella Liga a 65 milioni di euro, in Serie A a 61 milioni di euro e in Ligue 1 a 15 milioni di euro. I club della Bundesliga tedesca hanno realizzato un utile netto dalle vendite dei giocatori di 40 milioni di euro.

Le spese maggiori in Premier League si sono concentrate su Arsenal, Manchester United, Manchester City e Chelsea, che sono i club con i guadagni più alti della competizione. Tuttavia, in tutta la lega, la spesa netta per i trasferimenti in percentuale delle entrate stimate è del 10% quest’anno, rispetto al 18% dell’anno scorso, un altro segno che anche i club d’élite inglesi sono costretti a vivere entro i propri mezzi.

I giocatori che sono considerati tra i migliori sono ancora richiesti. Il ritorno di Ronaldo al Manchester United dalla Juventus è stato assicurato per una cifra di 23 milioni di euro, ma dovrebbe comunque essere il giocatore più pagato del club inglese in termini di stipendi.

Bollettino settimanale

Scoreboard è il nuovo riassunto settimanale imperdibile del Financial Times del business sportivo, dove troverai la migliore analisi delle questioni finanziarie che interessano club, franchising, proprietari, investitori e gruppi di media in tutto il settore globale. Registrati qui.

Il Real Madrid ha offerto fino a 200 milioni di euro di spese di trasferimento per ingaggiare Kylian Mbappe dal Paris Saint-Germain, anche se il contratto dell’attaccante francese scade a breve, il che significa che può essere firmato la prossima estate senza commissioni.

READ  Matteo Berrettini va facilmente in finale

Le persone coinvolte in queste discussioni sul trasferimento hanno affermato che la spinta del Real Madrid a cercare il trasferimento di Mbappe derivava dall’aspra rivalità tra i due club.

Il presidente del club spagnolo Florentino Perez è stato il principale artefice della Premier League europea, una rivalità separatista che è crollata all’inizio di quest’anno dopo l’opposizione tra l’altro del PSG di proprietà del Qatar.

Persone vicine a Perez hanno affermato che la capacità della squadra francese di resistere a un’offerta così esorbitante per Mbappe evidenzia come il ricco PSG non sia vincolato dalle stesse considerazioni di bilancio degli altri, in particolare in un momento in cui i cosiddetti regolamenti sul fair play finanziario sono stati allentati a causa di un pandemia.

Manchester City e Chelsea erano tra i club che hanno espresso interesse per l’acquisizione di Erling Haaland, l’attaccante norvegese del Borussia Dortmund rappresentato dal “super agente” Mino Raiola.

Si sono ritirati dopo che gli è stato detto che Haaland, considerato tra i migliori potenziali giocatori del calcio europeo, costerebbe 500 milioni di sterline in cinque anni, una cifra che include lo stipendio del giocatore, il trasferimento e le spese di agente, secondo una persona vicina ai colloqui.

Tutta questa faccenda delle commissioni di trasferimento ridotte è una completa disinformazione, ha detto questa persona. “Le commissioni degli agenti stanno ancora salendo e gli stipendi sono semplicemente osceni”.