diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La sonda spaziale Juno della NASA ha rivelato che la Grande Macchia Rossa di Giove è sorprendentemente profonda

Scott Bolton, investigatore principale della missione Juno della NASA e direttore della Divisione di Scienze e Ingegneria Spaziale presso il Southwest Research Institute di San Antonio, ritiene che la Grande Macchia Rossa fosse una tempesta piatta a forma di «frittella».

«Sapevamo che andava avanti da molto tempo, ma non sapevamo quanto fosse profondo o come funzionasse effettivamente», ha detto Bolton durante la conferenza stampa.

A febbraio e luglio 2019, la navicella spaziale Juno della NASA ha volato direttamente sopra la Grande Macchia Rossa, a circa 10.000 miglia (16.000 km) di diametro, per vedere quanto in profondità si estende il vortice sotto le cime visibili delle nuvole. Due articoli pubblicati giovedì su Science descrivono in dettaglio cosa ha scoperto Giunone.

Gli scienziati avevano pensato che la profondità della tempesta e lo strato di tempo sul pianeta sarebbero stati limitati a profondità in cui la luce solare poteva penetrare o si prevedeva che l’acqua e l’ammoniaca – il livello delle nuvole sul pianeta – si condensassero. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che la tempesta non era una caratteristica meteorologica superficiale.

Il radiometro a microonde di Giunone ha fornito agli scienziati una visione tridimensionale del pianeta. Hanno scoperto che il Great Red Dot è profondo tra 124 miglia (200 km) e 311 miglia (500 km), estendendosi molto più in profondità del previsto nel gigante gassoso.

«La Grande Macchia Rossa è profonda quanto Giove mentre la Stazione Spaziale Internazionale si eleva sopra le nostre teste», ha affermato Marzia Barizzi, ricercatrice presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.

La Grande Macchia Rossa è profondamente radicata, ma il team ha scoperto che è ancora meno profonda dei jet che alimentano le tempeste, che si estendono fino a profondità che si avvicinano a 3.000 chilometri.

Mentre la tempesta infuria, il La dimensione del punto si restringe. Nel 1979, il diametro della Terra era il doppio del suo diametro. Da allora, lo spot si è ridotto di almeno un terzo.

Cicloni polari flessibili

Cinque anni fa, gli scienziati hanno utilizzato i dati raccolti da Giunone per scattare foto e saperne di più sui poli di Giove.

READ  Variabile delta che causa la diffusione di casi di COVID-19 a "incendio selvaggio" a Washington

Giunone ha scoperto che il gigante gassoso ha cinque tempeste cicloniche al Polo Sud a forma di pentagono e otto tempeste cicloniche al Polo Nord che formano un ottagono.

Quando Juno osservò gli uragani cinque anni dopo usando il Jovian Infrared Auroral Mapper, scoprì che le tempeste erano rimaste nella stessa posizione.

I cicloni polari hanno mostrato schemi per cercare di spostarsi verso i poli, ma i cicloni sopra ciascun polo si sono ritirati. Questo spiega perché le tempeste rimangono nello stesso posto.

modelli verticali di circolazione del vento

Le nubi di Giove sono incastonate nelle correnti a getto orientale e occidentale, che si estendono per 200 miglia (322 chilometri) di profondità, ha affermato Keren Doerr, studente di dottorato presso il Weizmann Institute of Science in Israele.

Quando il team di ricerca ha seguito il movimento dell’ammoniaca, ha detto, ha rivelato che si stava muovendo su e giù e da nord a sud attorno alle correnti a getto.

La NASA scopre il primo pianeta possibile al di fuori della nostra galassia

Le cellule di circolazione in entrambi gli emisferi di Giove condividono caratteristiche simili alle cellule ferel terrestri, che sono i modelli di circolazione del vento alle medie latitudini degli emisferi nord e sud. Queste cellule hanno un enorme impatto sul clima del nostro pianeta, ha detto Dor.

Ha detto che Giove ha otto celle ferrill in ciascun emisfero rispetto alla Terra, che ha solo una cella in ogni emisfero. Ha aggiunto che le cellule della Terra si estendono per 6 miglia dalla superficie rispetto a quelle di Giove, che iniziano a livello delle nuvole e si estendono per almeno 200 miglia.

«Ciò significa che le cellule su Giove sono almeno 30 volte più profonde delle cellule equivalenti sulla Terra», ha detto Dorr.

READ  La NASA condivide come guardare le "migliori" piogge di meteoriti a New York

Dal 2016, la navicella spaziale Juno – su un’area vasta quanto un campo da basket – ha fatto il giro di Giove, scansionando l’atmosfera e mappando i suoi campi magnetici e gravitazionali.

A gennaio, la NASA ha annunciato che avrebbe esteso la missione Juno fino a settembre 2025.

Gli astronomi osservano la Grande Macchia Rossa dal 1830.