septiembre 24, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La società petrolifera Shell riporta un forte aumento degli utili per l’intero anno, aumenta i dividendi e i riacquisti

Logo della stazione di servizio Shell a settembre 29, 2021 a Birmingham, Regno Unito.

Mike Kemp | Nelle immagini | Getty Images

Gigante del petrolio Conchiglia giovedì ha registrato un forte aumento dell’utile per l’intero anno, battendo le aspettative degli analisti sul rimbalzo dei prezzi delle materie prime.

La major britannica del petrolio ha registrato un utile rettificato di $ 19,29 miliardi per l’intero anno 2021. Ciò rispetto a un profitto di $ 4,85 miliardi l’anno precedente. Gli analisti intervistati da Refinitiv si aspettavano che l’utile netto per l’intero anno 2021 raggiungesse i 17,8 miliardi di dollari.

Per l’ultimo trimestre del 2021, Shell ha riportato utili rettificati di $ 6,4 miliardi.

Il CEO di Shell, Ben van Beurden, ha descritto il 2021 come un «anno importante» per l’azienda e ha affermato che i progressi compiuti negli ultimi 12 mesi consentirebbero all’azienda «di essere più audace e di muoversi più velocemente».

«Abbiamo ottenuto risultati finanziari molto positivi nel 2021 e la nostra forza finanziaria e disciplina sono alla base della trasformazione della nostra azienda», ha aggiunto.

Shell ha anche annunciato un programma di riacquisto di azioni da 8,5 miliardi di dollari nella prima metà del 2022 e ha affermato che prevede di aumentare il dividendo del 4% a 0,25 dollari per azione nel primo trimestre. I riacquisti di azioni sono stati pari a 3,5 miliardi di dollari nel 2021.

Il debito netto è stato ridotto a 52,6 miliardi di dollari entro la fine del 2021, con un calo di 23 miliardi di dollari rispetto al 2020.

La domanda globale di petrolio è rimbalzata nel 2021, con l’aumento del consumo di benzina e diesel mentre i consumatori hanno ripreso i viaggi e l’attività commerciale si è ripresa nel mezzo della pandemia di coronavirus. In effetti, l’Agenzia internazionale per l’energia ha Notato gli indicatori di mobilità rimangono solidi anche se il Covid-19 sta ancora una volta causando infezioni record.

READ  Los precios de las viviendas cayeron a un ritmo récord en junio, según la compañía de datos de vivienda.

Segna un cambiamento drammatico dal 2020, quando l’industria petrolifera e del gas ha sopportato 12 mesi terribili praticamente con ogni misura.

Le azioni di Shell sono aumentate dello 0,6% durante le trattative mattutine a Londra. Il prezzo delle azioni dell’azienda è aumentato di oltre il 20% da inizio anno, ma rimane al di sotto dei livelli pre-pandemia.

All’inizio di questo mese, Shell ha dichiarato in un aggiornamento commerciale che avrebbe portato avanti il ​​suo programma di riacquisto di azioni «al passoDopo aver venduto la sua attività di scisto Permiano negli Stati Uniti, la decisione è stata presa alla prima riunione del consiglio di amministrazione della società tenutasi nel Regno Unito alla fine dello scorso anno.

Gli azionisti di Shell hanno votato lo scorso dicembre 10 di approvare i piani per la società per semplificare la sua struttura azionaria e trasferire la propria residenza fiscale nel Regno Unito dai Paesi Bassi. Anche il maggiore del petrolio ufficiale caduto «Royal Dutch» dal suo nome, parte della sua identità dal 1907.

Pressione attivista

Le major dell’energia stanno cercando di rassicurare gli investitori che hanno guadagnato una posizione più stabile due anni dopo che il Covid-19 ha scosso i mercati per la prima volta, e poiché azionisti e spostare accumulare pressioni sui dirigenti dell’azienda affinché intraprendano azioni significative per il clima.

Le più grandi compagnie petrolifere e del gas del mondo hanno tutte cercato di rafforzare i loro obiettivi climatici negli ultimi anni, ma finora nessuno ha dato fiducia agli investitori Il loro modello di business è completamente allineato a Obiettivi dell’accordo di Parigi.

A dire il vero, è la combustione di combustibili fossili come petrolio e gas che è il principale motore dell’emergenza climatica.

Shell ha delineato i piani per diventare una società a zero emissioni nette di carbonio entro il 2050, sebbene Climate Action 100+, l’influente gruppo di investitori, trovi gli obiettivi dell’azienda allineare solo parzialmente con l’accordo di Parigi.

In una sentenza storica dell’anno scorso, un tribunale olandese ordinato la major petrolifera a intraprendere un’azione molto più aggressiva per ridurre le sue emissioni di carbonio. Shell è stata dichiarata responsabile delle proprie emissioni di carbonio e di quelle dei suoi fornitori, note come emissioni Scope 3, e deve ridurre le proprie emissioni del 45% entro il 2030.

Si pensava che fosse la prima volta nella storia un’azienda è stata legalmente obbligata ad allineare le sue politiche con l’Accordo di Parigi.

Shell sta facendo appello alla sentenza, una mossa che è stata aspramente criticata dalla localizzazione climatica.