noviembre 27, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La quantità di informazioni nell’universo visibile è quantitativamente limitata

Credito: CC0 Dominio Pubblico

I ricercatori hanno a lungo sospettato un legame tra le informazioni e l’universo fisico, con molti paradossi ed esperimenti mentali usati per esplorare come e perché le informazioni possono essere codificate nella materia fisica. L’era digitale ha spinto questo campo di studio, suggerendo che la risoluzione di queste domande di ricerca può avere applicazioni concrete in più rami della fisica e dell’informatica.


in un AIP avanzato, un ricercatore dell’Università di Portsmouth sta cercando di far luce su quanto esattamente Informazione È proprio lì e fornisce una stima numerica di quanta informazione è codificata in tutta la materia visibile nell’universo – circa 6 volte 10 alla potenza di 80 bit di informazione. Sebbene questo studio non sia la prima stima del suo genere, l’approccio di questo studio si basa sulla teoria dell’informazione.

Autore Melvin M. «Ci sono stati vari tentativi di stimare il contenuto di informazioni dell’universo, ma in questo articolo descrivo un approccio unico che presuppone inoltre quanta informazione può essere compressa in una singola particella fondamentale».

Per produrre la stima, l’autore ha utilizzato la teoria dell’informazione di Shannon per stimare la quantità di informazioni codificate in ciascuna particella elementare in universo visibile 1.509 bit di informazione. Il matematico Claude Shannon, soprannominato il padre dell’era digitale per via del suo lavoro in teoria dell’informazioneQuesto metodo di misurazione delle informazioni è stato definito nel 1948.

«Questa è la prima volta che questo metodo è stato utilizzato per misurare il contenuto di informazioni dell’universo e fornisce una chiara previsione numerica», ha detto Fobson. «Anche se non è del tutto accurata, la previsione numerica offre una potenziale strada verso i test empirici».

Recenti ricerche stanno facendo luce sui modi in cui le informazioni e la fisica interagiscono, come il modo in cui le informazioni escono da un buco nero. Tuttavia, l’esatto significato fisico dell’informazione è ancora sfuggente, ma molteplici teorie radicali affermano che l’informazione è fisica e può essere misurata.

In studi precedenti, Fobson ha ipotizzato che l’informazione sia il quinto stato della materia insieme a solidi, liquidi, gas e plasmi, e questa sfuggente materia oscura potrebbe essere l’informazione. Lo studio di Vopson prevedeva anche la derivazione di una formula che riproduce accuratamente il noto numero di Eddington, che è il numero totale di protoni nell’universo osservabile.

Sebbene l’approccio in questo studio abbia ignorato le antiparticelle ei neutrini e abbia formulato alcune ipotesi sulla trasmissione e l’archiviazione delle informazioni, fornisce uno strumento unico per stimare il contenuto di informazioni di ciascuna particella elementare. Gli esperimenti pratici possono ora essere utilizzati per testare e perfezionare queste previsioni, compresa la ricerca per dimostrare o confutare l’ipotesi che l’informazione è il quinto stato di Cosa Nel Universo.


I contenuti digitali in pista equivalgono alla metà della massa della Terra entro il 2245


maggiori informazioni:
«Stima delle informazioni contenute nella materia visibile dell’universo» AIP avanzatoe aip.scitation.org/doi/full/10.1063/5.0064475

la citazione: Quantità di informazioni nell’universo osservabile (2021, 19 ottobre) Estratto il 19 ottobre 2021 da https://phys.org/news/2021-10-amount-visible-universe-quantified.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento leale a scopo di studio o ricerca privato, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

READ  Oscillazione lunare, il cambiamento climatico visto come causa di inondazioni costiere nel 2030