noviembre 30, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Polonia ha riportato meno tentativi di attraversare il confine con la Bielorussia

VARSAVIA/BIALISTOK, Polonia (Reuters) – Il numero di migranti che cercano di entrare in Polonia dalla Bielorussia è diminuito di nuovo venerdì dopo che un apparente cambiamento nel corso di Minsk potrebbe aiutare a calmare una crisi che si è aggravata nell’estremo oriente. confronto occidentale.

Le guardie di frontiera polacche hanno dichiarato su Twitter che ci sono stati 195 tentativi di attraversare il confine venerdì, in calo rispetto ai 250 di giovedì e ai 501 del giorno prima, anche se Varsavia ha avvertito che la crisi dei migranti è lungi dall’essere finita.

L’Europa accusa la Bielorussia di aver trasportato in aereo migliaia di persone dal Medio Oriente e di averle spinte ad entrare nell’Unione europea, che è stata in contrasto con il presidente bielorusso Alexander Lukashenko dalle contestate elezioni dello scorso anno.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

La Bielorussia, che nega di aver sollevato la crisi, giovedì ha sgomberato un campo di migranti vicino al confine e ha iniziato a riportare alcune persone in Iraq, ma la Polonia ha detto venerdì che Minsk era ancora in piedi. Autotrasporti Centinaia di migranti alla frontiera.

«Ieri… ci sono stati diversi tentativi di attraversare il confine con la forza. Il gruppo più numeroso è composto da circa 200 stranieri e il resto sono dozzine di persone. Gli stranieri erano aggressivi: lanciavano pietre e petardi e usavano gas lacrimogeni», il confine hanno detto le guardie. su Twitter sabato.

La polizia polacca ha affermato che durante uno dei tentativi di attraversamento di venerdì vicino al villaggio di Starzyna, i soldati bielorussi hanno lanciato pietre contro le guardie di frontiera polacche, poliziotti e soldati, danneggiando le auto della polizia.

READ  Il presidente turco Erdogan ha ancora una volta fatto riferimento al Kashmir nel discorso dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite

crisi umanitaria

I gruppi per i diritti hanno criticato il governo nazionale polacco per il trattamento riservato ai migranti, accusandolo di molteplici respingimenti e di non aver fornito supporto medico, cibo adeguato e riparo.

Si ritiene che circa 10 migranti siano morti nelle foreste lungo il confine con il rigido inverno, secondo le autorità locali, e molti sono rimasti feriti o non hanno sofferto per giorni di cibo o acqua.

La Polonia ha imposto lo stato di emergenza vicino al confine e non consente a giornalisti o Ong di operare nell’area. Dice che i suoi servizi regolari forniscono cure adeguate ai migranti che arrivano in Polonia quando necessario.

I migranti si radunano fuori dal centro di trasporto e logistica di Bruzgi al confine bielorusso-polacco nella regione di Grodno, Bielorussia, 20 novembre 2021. REUTERS/Kacper Pempel

Centinaia di polacchi hanno preso parte sabato a due proteste separate a Varsavia e nella città di Hagnoka vicino al confine con la Bielorussia per esprimere il loro sostegno ai migranti e chiedere aiuto.

«Siamo qui per opporci con veemenza, perché non vogliamo che nessuno nel nostro paese muoia nella foresta, nessuno muoia di fame nella foresta, nessuno venga arrestato nella foresta», ha affermato l’attivista sociale Adrianna Klimaszewska. Da Wroclaw che ha partecipato alla protesta «Madri alla frontiera» ad Hagnoka.

«Chiediamo questo al nostro Paese. Chiediamo l’accesso degli operatori sanitari alla zona di confine, chiediamo l’accesso delle organizzazioni umanitarie».

«Vai in Polonia»

Sebbene il numero di tentativi di attraversare il confine sia diminuito, i funzionari polacchi hanno affermato di aspettarsi maggiori tensioni.

«No, questa crisi politica non è ancora finita. La Bielorussia è ancora interessata a intensificare e continuare le operazioni contro la Polonia», ha scritto su Twitter Stanislaw Zarin, portavoce dei servizi di sicurezza polacchi.

READ  Continua la protesta contro i permessi sanitari nel porto italiano nonostante gli idranti della polizia e i gas lacrimogeni

Un portavoce del governo polacco ha detto sabato che il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki si recherà domenica in Lituania, Lettonia ed Estonia per discutere della crisi.

I migranti in un cosiddetto «luogo sicuro» gestito da residenti locali sul lato polacco del confine hanno detto a Reuters che anche dopo lo smantellamento del campo, le forze di sicurezza bielorusse hanno continuato a spingerli ad attraversare il confine. Uno è riuscito giovedì sera.

Un migrante siriano ha detto: «Siamo passati attraverso le foreste, loro (le forze bielorusse) ci dicevano ogni giorno ‘Vai in Polonia’ e non potevamo attraversare, quindi hanno cercato di costringerci ad attraversare».

«Era molto stanco e faceva freddo, senza cibo, senza acqua, senza calore o altro. Sono venuto alla ricerca di un paese pacifico, voglio solo vivere», ha aggiunto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

(Segnalazione di Anna Ludarczak-Simczuk, Sergey Krazy, Anna Cooper, Yara Abi Nader, Vidja Grulovic, Stefan Schippers; sceneggiatura di Anna Ludarczak-Simczuk e Anna Cooper; montaggio di David Clark, Russell e Christina Fincher

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.