mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La politica di non proliferazione della Cina rappresenta una sfida per i produttori e le catene di approvvigionamento

I responsabili della produzione e gli analisti hanno avvertito che la battaglia della Cina per contenere la variante del coronavirus Omicron rischia di soffocare le catene di approvvigionamento globali già tese, minacciando la produzione di beni che vanno dagli smartphone ai mobili.

Pechino è intenzionata a prevenire qualsiasi trasmissione su larga scala di Covid-19, soprattutto mentre si prepara a ospitare le Olimpiadi invernali il prossimo mese, e si è affrettata a imporre restrizioni per mantenere il suo obiettivo senza Covid.

Vicino al centro Xi’an Sta per entrare nella sua terza settimana, costringendo circa 13 milioni di persone a rimanere nelle loro case. Sono state imposte misure tra cui test obbligatori Tientsin, una città costiera di 14 metri a circa 100 chilometri da Pechino, e diverse città della provincia di Henan, sede della più grande fabbrica di iPhone del mondo gestita da Taiwan Foxconne parti di Zhongshan e Zhuhai, centri di produzione vicini a Hong Kong.

Le restrizioni sono un test per le multinazionali e se sono meglio attrezzate per affrontarle difetto La loro capacità di produzione rispetto alle precedenti ondate dell’epidemia.

«Con il Covid, le vacanze del capodanno lunare e le Olimpiadi che si uniscono, possiamo aspettarci una tempesta perfetta», ha affermato Ambrose Conroy, CEO della società di consulenza sulla catena di approvvigionamento con sede negli Stati Uniti Seraph. «Le aziende sono un po’ meglio preparate per chiusure a breve termine ora, ma una chiusura più ampia nell’arco di poche settimane provocherebbe il caos».

Un dirigente di una società manifatturiera taiwanese a Shenzhen ha affermato che la chiusura dell’hub di produzione nel sud della Cina sarebbe «peggiore del 2020».

Dopo che il virus si è diffuso da Wuhan attraverso la Cina Durante il capodanno lunare Due anni fa, il governo ha vietato il trasporto attraverso parti del paese. Le restrizioni hanno impedito a centinaia di milioni di lavoratori migranti Coloro che hanno viaggiato durante il periodo di congedo possono riprendere il proprio lavoro. Le fabbriche sono state chiuse per diverse settimane.

READ  Alaska Airlines ha cancelado más de 120 vuelos con una sentada para pilotos

«Questa volta sono più preoccupato perché le catene di approvvigionamento in tutto il mondo sono già molto stressate: ci sono già lunghi ritardi nei trasporti e il problema della carenza di componenti rimane», ha affermato Didier Chenevaux, partner esperto della società di consulenza McKinsey.

Le recenti restrizioni hanno già dato alle multinazionali un assaggio della posta in gioco. Le case automobilistiche Volkswagen e Toyota hanno chiuso le loro fabbriche a Tianjin la scorsa settimana. A Xi’an, il produttore di chip Samsung ha riscontrato un problema Fai lavorare i dipendenti causa chiusura.

Toyota, che ha sofferto molto interruzione della catena di approvvigionamento Nel sud-est asiatico lo scorso anno, ha affermato che la chiusura del suo stabilimento congiunto a Tianjin «è improbabile che abbia un impatto globale sulla nostra fornitura poiché la localizzazione è progredita in modo significativo».

Ma l’infezione potrebbe diffondersi ulteriormente. Pechino ha segnalato il suo primo caso localizzato di Omicron sabato, poche settimane prima dell’apertura delle Olimpiadi invernali nella capitale.

Le autorità hanno affermato che la persona infetta non era stata fuori Pechino per due settimane e non era stata in contatto con altri casi confermati. Il complesso di appartamenti della persona è stato chiuso e 2.430 persone sono state testate in relazione al caso, secondo i media statali cinesi.

È stato confermato che un caso a Shanghai, segnalato giovedì, è stato quello di Omicron, ha affermato sabato un funzionario della Commissione sanitaria nazionale in una conferenza stampa.

Alcuni dirigenti dell’azienda ritengono che l’attenzione di Pechino prevenire qualsiasi pericolo I Giochi invernali proteggeranno i siti vicino alla capitale dalla crisi in piena regola dell’Omicron.

READ  Il vicepresidente della Federal Reserve Richard Clarida si dimette

«Certo, sei sfortunato se vieni chiuso», ha detto il dirigente taiwanese. «Ma l’interesse delle autorità per luoghi come Tianjin significa anche che faranno tutto il possibile per aiutarti a gestire».

Ningbo, sede del terzo porto per container più grande del mondo, ha riportato ferite e vietato l’accesso ai camion, aggravando la congestione delle navi.

Alla Samsung Electro-Mechanics, produttore di componenti con una fabbrica a Tianjin, il governo locale ha chiesto ai lavoratori di non lasciare la città per le vacanze di Capodanno per evitare rischi di infezione.

«Si tratta di precauzioni ragionevoli», ha affermato il CEO taiwanese, la cui azienda è sotto pressione per consentire ai lavoratori di tornare a casa per le vacanze perché dovevano Perdi il volo annuale già due volte.

Gli analisti hanno affermato che se l’infezione si fosse diffusa, i produttori sarebbero stati colpiti duramente come due anni fa Sposta alcune aziende Parti significative delle loro catene di approvvigionamento si trovano al di fuori della Cina.

«Qualcuno ha davvero ridotto il rischio della catena di approvvigionamento? Ha spostato la propria produzione in Asia a terra o vicino alla costa su larga scala? La risposta è no, perché queste cose richiedono molto tempo», ha detto Chenevo.

Studenti che indossano dispositivi di protezione individuale arrivano per un esame a Ningbo

Studenti che indossano dispositivi di protezione individuale arrivano per un esame a Ningbo, dove ai camion è stato negato l’ingresso al porto della città dopo che sono stati scoperti casi di Omicron © Stringer/AFP/Getty

Uno studio McKinsey ha rilevato che solo il 60% degli intervistati ha aumentato l’inventario critico e solo la metà ha aumentato il dual sourcing.

Mitsubishi Electric sta costruendo una piattaforma per condividere le informazioni del database con i fornitori sulle parti che scarseggiano, ma sarà completata solo nel 2025.

Gli arresti causati da virus nelle economie altrove hanno dato impulso a molti settori Affidati alla Cina, almeno a breve termine.

Un tipico esempio è la produzione di condensatori ceramici multistrato, che sono componenti per immagazzinare l’energia utilizzata in qualsiasi prodotto con circuiti elettrici. Quasi la metà della capacità mondiale di MLCC è in Cina, secondo la società di ricerca Trendforce.

«C’è stata comunque una carenza di MLCC, e spesso ogni fabbrica è specializzata nella realizzazione di un prodotto unico, quindi quando una fabbrica viene interrotta, nessun’altra fabbrica può intervenire come backup», ha affermato Forrest Chen, analista di MLCC presso Trendforce.

Il produttore giapponese Murata MLCC sta costruendo uno stabilimento in Thailandia per ridurre la concentrazione eccessiva in Cina. Ma l’azienda ha anche iniziato a produrre alcuni prodotti nella sua fabbrica nella città cinese orientale di Wuxi dopo che l’epidemia ha costretto alla chiusura di una fabbrica giapponese che li produceva esclusivamente.

«Tutti stanno cercando di creare secondi fornitori in Cina. Ciò include la ricerca di fonti alternative per l’acquisto di componenti e il posizionamento tra le fabbriche che possono fungere da supporto», ha affermato un consulente che lavora con aziende di elettronica.

Ma nessuno di questi accordi ha raggiunto abbastanza. «Ci vogliono dai tre ai cinque anni per raggiungere la diversità geografica», ha detto Chen.

Segnalazione di Xueqiao Wang a Shanghai