enero 24, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La più grande compagnia mineraria di uranio al mondo ha dichiarato di non essere stata colpita dai disordini kazaki

Truppe nella piazza principale dove centinaia di persone hanno manifestato contro il governo, dopo la decisione delle autorità di aumentare il tetto ai prezzi del GPL, ad Almaty, Kazakistan, 6 gennaio 2022. REUTERS/Maria Gordeeva

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Almaty (Reuters) – Kazatomprom (KZAP.KZ)Il più grande produttore mondiale di uranio ha dichiarato giovedì che funziona normalmente senza alcun impatto sulla produzione o sulle esportazioni turbolenza in Kazakistan.

I prezzi dell’uranio sono aumentati dopo che i disordini in Kazakistan sono stati inizialmente stimolati dalle proteste per i prezzi elevati del carburante. I prezzi spot hanno toccato i 45,50 dollari la libbra mercoledì, il più alto dal 30 novembre, secondo la valutazione di Platts.

Ma i disordini politici nel paese dell’Asia centrale non sembrano aver colpito finora le industrie chiave.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

«L’estrazione dell’uranio sta andando secondo i piani. Non ci sono state interruzioni. La società sta onorando i contratti di esportazione», ha detto un portavoce di Kazatomprom.

La produzione attribuita a Kazatomprom rappresenta circa il 23% della produzione globale di uranio primario nel 2020, secondo il sito web dell’azienda.

Le azioni di Kazatomprom, quotate a Londra, hanno recuperato parte delle perdite dopo l’annuncio, chiudendo giovedì con un calo del 6,7%. In precedenza ha raggiunto il livello più basso dalla fine di settembre, aggiungendosi al calo dell’8% di mercoledì.

Le azioni di altri produttori di uranio sono scese giovedì dopo i guadagni di mercoledì. Azioni in Canadian Cameco Corp (CCO.TO) Giovedì è sceso del 3,7% e l’Uranium Exchange Traded Fund (ETF) di Global X è sceso del 3,6%. (URA.P).

READ  Capo della sanità: gli stessi vaccini che sono stati rifiutati dall'AP sono stati dati ai nostri figli "ora"

Cameco ha detto che può riprendere la produzione Circa 24 milioni di libbre di uranio ogni anno sono in Nord America se il mercato globale ne ha bisogno. I rappresentanti di Uranium One, con sede in Canada, una sussidiaria della società nucleare statale russa Rosatom GK, non sono stati raggiunti per un commento.

Energy Fuels Inc. con sede negli Stati Uniti (UUUU.A) Ha detto che posso iniziare a produrre uranio Se i disordini politici in Kazakistan fanno aumentare i prezzi del combustibile nucleare.

In precedenza, un portavoce del Caspian Sea Pipeline Consortium, il gruppo che trasporta il principale mix di esportazione di petrolio greggio del paese, ha affermato che funziona normalmente. Produzione presso Chevron’s (CVX.N) Anche il progetto Tengizchevroil ha continuato a leggere ulteriormente.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Grafica Reuters

(Relazione) di Maria Gordeeva, Olsas Oizov; Segnalazioni aggiuntive di Paulina Devitt a Mosca, Anisha Sircar a Bengaluru e Ernest Scheider a Houston. scritto di Sujata Rao; Montaggio di Alexander Smith, Kirsten Donovan, Andrew Heavens e Margarita Choi

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.