noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Nuova Zelanda riaprirà le sue porte ai viaggiatori stranieri dal 30 aprile

Un pedone che indossa una maschera passa davanti a un negozio con la scritta «Bentornato!» Mentre gli acquirenti tornano nel distretto commerciale di Newmarket sulla scia dell’epidemia di coronavirus (COVID-19), le restrizioni di blocco vengono allentate ad Auckland, in Nuova Zelanda, il 10 novembre 2021. REUTERS/Fiona Goodall

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

WELLINGTON (Reuters) – La Nuova Zelanda manterrà i suoi confini chiusi alla maggior parte dei viaggiatori internazionali per altri cinque mesi, ha detto mercoledì il governo, citando un cauto allentamento delle restrizioni alle frontiere in vigore da quando è emerso il COVID-19 a marzo. 2020.

Oltre al suo isolamento geografico, la nazione del Pacifico meridionale ha imposto alcune delle più severe restrizioni alla pandemia tra i paesi dell’OCSE, limitando la diffusione di COVID-19 e aiutando la sua economia a riprendersi più rapidamente di molti dei suoi coetanei.

Ma un’epidemia di una variante delta altamente contagiosa all’inizio di quest’anno ha innescato un cambiamento di strategia, con la principale città di Auckland che ora si sta aprendo solo gradualmente con l’aumento dei tassi di vaccinazione.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Il ministro per la risposta al COVID-19, Chris Hepkins, ha dichiarato in una conferenza stampa che i viaggiatori internazionali completamente vaccinati saranno ammessi nel paese dal 30 aprile 2022 in poi, con riaperture nel tempo.

I neozelandesi completamente vaccinati e i titolari di visto di residenza della vicina Australia possono viaggiare in Nuova Zelanda dal 16 gennaio, mentre i neozelandesi vaccinati e i titolari di visto di residenza di altri paesi potranno entrare dal 13 febbraio.

READ  694 palestinesi arrestati illegalmente in Israele vicino alla Città Vecchia di Gerusalemme

«Un approccio graduale alla riconnessione con il mondo è l’approccio più sicuro per garantire che i rischi siano gestiti con attenzione», ha affermato Hepkins.

«Ciò riduce al minimo qualsiasi potenziale impatto sulle comunità vulnerabili e sul sistema sanitario in Nuova Zelanda».

Ha affermato che ai viaggiatori non sarà richiesto di rimanere nelle strutture di quarantena del governo, ma che verranno prese altre misure tra cui un test negativo prima della partenza, la prova della vaccinazione completa e un test COVID-19 all’arrivo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Reportage di Praveen Menon Montaggio di Tom Hogg e Lincoln Fest

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.