diciembre 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La nuova piattaforma di social media di Trump potrebbe dover affrontare problemi legali dopo le accuse di furto di codice

Prima del suo mandato come sovrano del mondo libero, l’ex presidente Donald Trump ha fatto fortuna battendo il suo nome su edifici costruiti da altre persone.

Ora, è accusato di fare lo stesso con La sua piattaforma di social media.

Gli utenti che sono stati in grado di accedere e creare account su una versione beta del programma «TRUTH Social» di Trump attraverso una backdoor hanno immediatamente notato che ha una strana somiglianza con Mastodon, un social network alternativo noto per la sua mentalità sulla privacy e i valori della «libertà di parola». .

Fondatore dell’azienda e sviluppatore capo, Eugene Roshko, Indicato la scheda madre VICE News Il messaggio di errore sulla nuova piattaforma social di Trump utilizzava un incantesimo di elefante per la sua posizione. In effetti, un utente Fai uno screenshot del codice HTML del sito che Mastodon ha esplicitamente menzionato, portando molti a credere che abbia sollevato direttamente il codice dell’azienda.

Questo non è necessariamente insolito: Mastodon è un software open source (con una licenza AGPLv3, in particolare) che consente ad altri siti di creare versioni modificate della sua tecnologia, chiamate «forks», a condizione che aderiscano a una serie specifica di regole. È qui che l’ultimo progetto di Trump sembra essersi sbagliato: i termini di servizio di TRUTH Social affermano che «tutto il codice sorgente» è proprietario, nonostante il fatto che Mastodon richieda a chiunque utilizzi la sua base di codice di riconoscere da dove proviene il proprio software e generare qualsiasi codice copiato generale.


Vuoi un riepilogo giornaliero di tutte le notizie e le recensioni del salone? Iscriviti alla newsletter del mattinoSeminario intensivo.


Rochko dopo Ha detto al sito di notizie politiche Talking Points Memo Ha intenzione di assumere un avvocato, lasciando aperta la porta per citare in giudizio Trump e la sua nuova impresa mediatica se non rispettano le regole di servizio della sua azienda.

READ  Mark Zuckerberg cavalca uno skateboard elettrico e fa surf al quarto posto

«Intendo chiedere una consulenza legale in merito alla situazione», ha detto ai media. «La conformità con la licenza AGPLv3 è molto importante per me, poiché questa è l’unica base su cui io e altri sviluppatori siamo disposti a rinunciare ad anni di lavoro gratuitamente», ha aggiunto.

Ex comandante in capo Il progetto è stato annunciato mercoledì in termini particolarmente trumpianiIn una dichiarazione, ha scritto che sperava di creare un «rivale del consorzio dei media liberali» e di «lottare contro le grandi aziende tecnologiche».

È diventato subito chiaro che il divieto di Trump da altri siti di social media più consolidati ha avuto un ruolo nella sua spinta a creare una nuova piattaforma, in particolare Twitter. L’ex presidente a un certo punto aveva più di 88 milioni di follower sul sito, spostando regolarmente i mercati e influenzando la politica estera con le sue acute riflessioni sugli eventi attuali. Ma è stato espulso da Twitter – e Facebook – sulla scia dei disordini del 6 gennaio, e non ha mai riguadagnato i suoi follower online nonostante diversi tentativi falliti di creare soluzioni alternative e persino un blog di breve durata.

«Viviamo in un mondo in cui i talebani hanno un’enorme presenza su Twitter, eppure il tuo presidente americano preferito è stato messo a tacere», ha detto Trump in una dichiarazione che annunciava la verità sociale. «Tutti mi chiedono, perché nessuno si oppone alle grandi aziende tecnologiche. Bene, lo faremo presto!»

Leggi di più su TRUTH Social e il nuovo progetto mediatico di Trump: