junio 29, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La NASA scopre che i buchi neri danno vita alle stelle

Il buco nero stava dando vita a stelle in una vicina galassia nana.

Lo studio ha mostrato che i buchi neri non sono sempre le cose violente e distruttive per cui sono solitamente conosciuti. Invece, sembrano in grado di formare stelle, non solo di mangiarle.

Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha rilevato un tale buco nero nella galassia noto come Henize 2-10, che si trova a 30 milioni di anni luce di distanza.

Oltre a suggerire che i buchi neri potrebbero essere più produttivi di quanto pensassimo, la nuova ricerca potrebbe anche aiutarci a capire da dove provenissero originariamente i buchi neri supermassicci.

Amy Raines, la ricercatrice che ha pubblicato la prima prova di un buco nero nella galassia nel 2011, è stata anche la ricercatrice principale del nuovo documento..

«Fin dall’inizio sapevo che qualcosa di insolito e speciale stava accadendo a Henize 2-10, e ora Hubble ha fornito un quadro molto chiaro della relazione tra il buco nero e la vicina regione di formazione stellare situata a 230 anni luce dal nero buco», ha detto.

Un documento che descrive i risultati, «Star Formation Caused by a Black Hole in the Dwarf Galaxy Henize 2-10», è stato pubblicato oggi su temperare la natura.

Nelle galassie più grandi, il materiale che cade verso il buco nero viene lacerato dai campi magnetici, provocando esplosioni di plasma che si muovono quasi alla velocità della luce. Qualsiasi nuvola di gas catturata su quell’aereo sarebbe così riscaldata da formare stelle.

Il buco nero nella galassia nana Henize 2-10 è più piccolo, ma il materiale che ne deriva scorre più dolcemente. Ciò significa che il gas è stato compresso nel modo giusto per aiutare a formare le stelle, non per impedire loro di farlo.

READ  Gli scienziati creano orribili creature simili a ragni

«A soli 30 milioni di anni luce di distanza, Henize 2-10 è abbastanza vicino da consentire a Hubble di catturare immagini e prove spettrali del deflusso del buco nero in modo molto chiaro. Un’ulteriore sorpresa è stata che invece di sopprimere la formazione stellare, il deflusso stava causando la nascita di nuove stelle.

Il nuovo studio sui buchi neri di Hubble potrebbe anche aiutare a fornire maggiori dettagli su come si formano questi buchi neri supermassicci. Poiché sono stati mantenuti piccoli, può fornire un’immagine di come apparivano gli altri buchi neri, ora più grandi, quando erano più giovani e di come potevano formarsi e crescere.

«L’era dei primi buchi neri non è qualcosa che siamo stati in grado di vedere, quindi è diventata davvero la grande domanda: da dove vengono? Le galassie nane potrebbero conservare qualche ricordo di uno scenario di impianto di buchi neri che altrimenti sarebbe sono stati persi nel tempo e nello spazio», ha detto Rains in una nota.