enero 18, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La NASA lancia il telescopio spaziale James Webb da 10 miliardi di dollari | Telescopio spaziale James Webb

La sonda robotica più ambiziosa e costosa di sempre, il telescopio James Webb da 10 miliardi di dollari, è stata lanciata nello spazio in cima a un gigantesco razzo europeo.

Gli ingegneri hanno riferito sabato che l’osservatorio, che ha subito decenni di ritardi e enormi sforamenti dei costi, stava funzionando alla perfezione dopo aver subito la più tesa rivitalizzazione nella storia dell’esplorazione spaziale senza equipaggio.

Descritto dagli scienziati come una «macchina del tempo», il telescopio consentirà agli astronomi di studiare l’inizio dell’universo poco dopo il Big Bang, 13,8 miliardi di anni fa, e di cercare segni di pianeti che supportano la vita nella nostra galassia.

«Abbiamo fatto un regalo di Natale all’umanità», ha affermato il direttore generale dell’ESA Josef Asbacher. «Con questo telescopio, mettiamo a disposizione una nuova scienza. È stato un momento speciale, snervante ma alla fine riuscito». Questo punto è stato supportato dall’amministratore della NASA Bill Nelson. «Ci darà una migliore comprensione del nostro universo e del nostro posto in esso: chi siamo, cosa siamo e l’eterna ricerca».

Il telescopio James Webb ha iniziato il suo viaggio nello spazio alle 12:20 GMT quando i booster a combustibile solido del massiccio lanciatore Ariane 5 sono stati accesi. Sopra una colonna infuocata di denso fumo, il missile è volato sopra la foresta pluviale tropicale che circonda il Centro Isa a Kourou, nella Guyana francese, e in un minuto è scomparso tra le spesse nuvole sopra la testa.

Dopo 27 minuti di volo a motore, il telescopio si è staccato dallo stadio superiore della rampa di lancio ed è stato meticolosamente posizionato sul percorso pianificato. La manovra è stata accolta con un forte applauso dai controllori di volo a Kourou. Gli scienziati raggianti, alcuni con cappelli di Babbo Natale, si sono abbracciati e hanno portato striscioni con la scritta «Bon Voyage Webb».

Una volta in orbita, i pannelli solari del telescopio si sono aperti e l’osservatorio ha iniziato il suo viaggio di milioni di miglia verso la sua destinazione finale, un’area dello spazio profondo dove può essere tenuto fermo all’incirca nella stessa posizione nel cielo. Le telecamere sullo stadio superiore del razzo hanno fornito un’ultima occhiata allo scintillante telescopio prima che si schiantasse nello spazio profondo.

Progettato come un sostituto per Telescopio Spaziale Hubble Ancora operativo dopo il suo lancio nel 1990 Il James Webb Telescope è uno strumento molto più grande e molto più complesso con molti obiettivi ambiziosi. Per cominciare, non studierà la parte visibile dello spettro elettromagnetico, come fanno i telescopi Hubble e la maggior parte dei telescopi terrestri, ma solo l’infrarosso. Di conseguenza, doveva essere dotato di sofisticate apparecchiature di protezione e raffreddamento per nascondere i suoi strumenti dalle radiazioni solari che altrimenti avrebbero emesso falsi segnali.

Le squadre guardano il conto alla rovescia per il lancio di un missile Ariane 5. Foto: NASA/Bill Ingalls/Getty Images

James Webb – Prende il nome da un nome precedente NASA Responsabile – Passerà un mese in viaggio e poi avrà bisogno di altri cinque mesi per prepararsi. Innanzitutto, il suo enorme specchio placcato in oro di 6,5 metri e il suo enorme parasole delle dimensioni di un campo da tennis devono aprirsi; Era origami piegato per adattarsi al cono anteriore di Ariane 5. Quindi i suoi strumenti devono essere accuratamente calibrati. In tutto, centinaia di meccanismi di rilascio devono funzionare perfettamente affinché il telescopio abbia successo. «Come qualsiasi cosa che abbiamo fatto prima», ha detto Greg Robinson, program manager della NASA.

Osservatorio – costruito da NASA Collaborazione europea e canadese – Progettato per rivoluzionare il nostro studio dell’universo. Tra le speranze degli astronomi c’è la prospettiva di fotografare le prime galassie che si sono formate dopo il Big Bang, capire come nascono e si evolvono le stelle e indagare sulla possibilità che la vita emerga nei sistemi planetari. Tutto questo dovrebbe essere fatto entro un decennio, che è la durata massima possibile di James Webb. Dopo 10 anni, si prevede che finirà il carburante e andrà lentamente fuori rotta, diventando il pezzo di spazzatura spaziale più costoso mai costruito.

Ma per ora, gli scienziati non vedono l’ora di iniziare a lavorare sull’osservatorio. «Per migliaia di astronomi in tutto il mondo, ora dobbiamo essere pazienti per diverse settimane», ha affermato Martin Ward, professore alla Durham University, che ha lavorato su uno dei principali strumenti a bordo del velivolo. «Si potrebbe dire che questa è solo la fine dell’inizio… il meglio deve ancora venire, si spera, nei prossimi dieci anni, comprese le scoperte che non avevamo nemmeno immaginato. Guarda questo spazio.»

READ  Le stelle esplodono in galassie polverose - non possiamo sempre vederle