enero 28, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La NASA completa i principali schieramenti JWST

Aggiornato alle 17:55 ET con i commenti della conferenza stampa dopo la pubblicazione.

Lo specchio principale del telescopio spaziale James Webb della NASA è apparso l’8 gennaio, completando le fasi principali del dispiegamento post-lancio dell’osservatorio gigante.

I controllori hanno emesso comandi per pubblicare un set chiamato Right Primary Mirror Suite, contenente 3 dei 18 segmenti del Primary Mirror. L’ala è stata flessa sul lato del veicolo spaziale di lancio e nel corso di circa tre ore un motore l’ha spostata in posizione e poi l’ha bloccata in posizione. Un padiglione simile di fronte allo specchio principale è stato spostato il 7 gennaio.

L’apertura delle ali dello specchio segna la fine Principali schieramenti di telescopi spaziali che iniziò poco dopo il suo varo il 25 dicembre a bordo dell’Ariane 5. Tali sforzi, che includevano il dispiegamento di specchi primari e secondari, grande baldacchino e altri dispositivi come pannelli solari e antenne, senza grossi problemi.

«Le ultime due settimane sono state assolutamente sorprendenti», ha detto Bill Ochs, responsabile del programma JWST presso il Goddard Space Flight Center della NASA, alle console del centro operativo della missione dopo aver installato l’ala dello specchio in posizione.

Ha ringraziato sia il team di ingegneri che ha supervisionato il dispiegamento, sia quelli di Goddard e Northrop Grumman, l’appaltatore principale della missione, che lo scorso anno ha immagazzinato il veicolo spaziale in configurazione di lancio. «Se non l’avessero fatto perfettamente, le cose non sarebbero andate così bene nelle ultime due settimane».

Gli osservatori celebrano il successo della distribuzione della Mirror Core Suite l’8 gennaio, l’ultima grande distribuzione di JWST. Credito: NASA/Bill Ingalls

«Non è così facile come sembra», ha detto Ochs in una successiva conferenza stampa, osservando che, in retrospettiva, la missione ha subito «la giusta quantità» di test, controllo ingegneristico e modifiche al design. «Il fatto che sembrasse facile conferma solo che abbiamo fatto tutte le cose giuste prima di questo momento».

READ  Gli scienziati dicono che ora sanno come avviene l'aurora boreale

Gli schieramenti segnano la fine di una sola fase delle operazioni del telescopio spaziale da 10 miliardi di dollari. Nei prossimi mesi, gli ingegneri allineeranno l’ottica degli specchi del telescopio ed esamineranno i quattro strumenti dell’osservatorio. Il veicolo spaziale stesso eseguirà una manovra intorno al 23 gennaio per entrare in un’orbita di alone attorno al punto Lagrangiano L-2 situato a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. JWST dovrebbe essere pronto per iniziare le operazioni scientifiche circa sei mesi dopo il lancio.

Lee Feinberg, direttore degli elementi del telescopio ottico al JWST a Goddard, ha affermato durante la conferenza stampa che gli specchi non saranno completamente allineati fino a circa quattro mesi dall’inizio della missione. «Ci aspettiamo che siano molto distorti» all’inizio, ha detto, con un attento processo di allineare gli specchi con una minuscola frazione di lunghezza d’onda. «È un processo un po’ lungo, ma alla fine ci aspetteremmo di vedere l’immagine di una stella simile a una stella».

«Questo telescopio non è ancora pronto. Le prime immagini saranno brutte», ha affermato Jane Rigby, JWST Operations Project Scientist presso Goddard. Ha affermato che la NASA non ha intenzione di rilasciare quelle immagini, in attesa che il telescopio lo faccia essere completamente allineati e gli strumenti pronti. Assicurarsi che le prime immagini che il mondo vede, che l’umanità vede da questo telescopio, rendano giustizia a questo telescopio da 10 miliardi di dollari».

I funzionari del progetto hanno notato prima del lancio del JWST che c’erano 344 guasti singoli nel veicolo spaziale, principalmente associati al sistema di spiegamento. Con i principali schieramenti completati, tutti tranne 49 di questi guasti sono stati ritirati, afferma Mike Menzel, ingegnere dei sistemi di missione presso JWST a Goddard. «Questi 49 sono tipici per tutte le missioni», come il sistema di propulsione e la strumentazione del veicolo spaziale, ha affermato. In alcuni casi, ha aggiunto, questi fallimenti influenzeranno solo determinati obiettivi scientifici, non la missione complessiva in sé.

READ  I casi di coronavirus di Sydney superano i 2.000 al giorno; L'Australia aumenta le vaccinazioni

Ha anche affermato che un lancio preciso del veicolo spaziale dovrebbe prolungarne la vita riducendo il propellente che deve utilizzare per raggiungere l’L-2. «Abbiamo molto più margine di carburante in questo momento rispetto a 10 anni fa», la durata della vita scientifica pianificata dalla missione. «Più o meno, sono circa 20 anni di carburante.» La NASA in precedenza aveva affermato che un lancio attento avrebbe allungato la sua vita «in modo significativo», ma in precedenza non ha fornito un numero.

Nonostante il lavoro da fare, i funzionari della NASA hanno celebrato il completamento degli schieramenti. «Anche se il volo non è stato completato, mi unisco al team Webb per respirare un po’ più facilmente e immaginare scoperte future che ispireranno il mondo», ha affermato l’amministratore della NASA Bill Nelson in una nota. «Ogni risultato che è già stato raggiunto e il risultato a venire è una testimonianza delle migliaia di innovatori che hanno riversato la passione delle loro vite in questa missione».

Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la scienza della NASA, ha notato in una trasmissione televisiva della NASA delle fasi finali del dispiegamento di non averle rasate dal lancio, una mossa che ha paragonato alle «barbe a virgola» che crescono gli atleti professionisti. Aveva intenzione di farsi crescere la barba fino a quando il JWST non fosse stato completamente pubblicato.

Con l’ultima ala dello specchio piegata in posizione, ha detto che era sicuro che la barba non sarebbe durata ancora a lungo. «Mi aspetto pienamente di radermi oggi.»