octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La missione BepiColombo vola per la prima volta vicino a Mercurio

Il pianeta più piccolo del nostro sistema solare è stato catturato venerdì da una sonda spaziale europea giapponese che ha compiuto il suo viaggio più vicino in tutto il mondo durante la sua missione di sette anni.

La missione BepiColombo ha effettuato il suo primo volo da Mercurio alle 19:34 circa EDT di venerdì, passando a 200 chilometri dalla superficie del pianeta.

“BepiColombo è ora il più vicino possibile a Mercurio in quanto entrerà in questo primo di sei voli Mercury”, ha dichiarato l’Agenzia spaziale europea (ESA) su Twitter.

Durante il volo, BepiColombo raccoglie dati e immagini scientifiche e le rimanda sulla Terra.

La missione, che è gestita congiuntamente dall’Agenzia spaziale europea e Agenzia di esplorazione aerospaziale giapponese, che è stato lanciato nell’ottobre 2018. Alla fine effettuerà sei voli totali di Mercurio prima di entrare in orbita attorno al pianeta nel dicembre 2025.

La missione metterà effettivamente in orbita due sonde attorno a Mercurio: il Mercury Orbiter guidato dall’ESA e il Mercury Magnetic Orbiter, il Mio, guidato dalla JAXA. Le orbite rimarranno impilate nella loro configurazione attuale con l’unità di trasporto Hg fino alla pubblicazione nel 2025.

Una volta che la navicella Bepicolombo si avvicinerà a Mercurio per iniziare un’orbita, la porzione del modulo di trasferimento del mercurio della navicella si separerà e i due orbitanti inizieranno a orbitare attorno al pianeta.

Entrambe le sonde trascorreranno un anno a raccogliere dati per aiutare gli scienziati a comprendere meglio il misterioso piccolo pianeta, come ad esempio determinare di più sui processi che si svolgono sulla sua superficie e sul suo campo magnetico. Queste informazioni potrebbero rivelare l’origine e l’evoluzione del pianeta più vicino al sole.

Durante il volo di venerdì, la fotocamera principale della navicella era schermata e non era in grado di scattare immagini ad alta risoluzione. Ma due delle tre telecamere di monitoraggio della navicella cattureranno immagini degli emisferi nord e sud del pianeta dopo un avvicinamento ravvicinato di circa 621 miglia (1.000 km).

READ  Baker afferma che non sta pianificando alcuna modifica alle politiche COVID-19 e i funzionari di Cambridge stanno esortando i residenti a indossare maschere

BepiColombo volerà lungo il lato notturno del pianeta, quindi le immagini mentre ti avvicini non saranno in grado di mostrare molti dettagli.

Il team della missione si aspetta che le immagini mostrino grandi crateri archeologici sparsi sulla superficie di Mercurio, come la luna. I ricercatori possono utilizzare le immagini per mappare la superficie di Mercurio e saperne di più sulla composizione del pianeta.

Alcuni strumenti funzioneranno su entrambe le orbite in volo in modo da poter ottenere un primo odore del campo magnetico, del plasma e delle particelle di Mercurio.

Mercurio fa un raro passaggio attraverso il sole

Questo viaggio arriva giusto in tempo per il 101° anniversario della nascita di Giuseppe “Pepe” Colombo, lo scienziato italiano e ingegnere dell’omonimo missione. Il lavoro di Colombo ha aiutato a spiegare la rotazione di Mercurio mentre orbita attorno al sole e ha permesso alla navicella spaziale Mariner 10 della NASA di effettuare tre voli di Mercurio invece di uno solo usando la gravità assistita da Venere. Ha determinato che il punto in cui i veicoli spaziali volano sopra i pianeti potrebbe effettivamente aiutare a rendere possibile il passaggio futuro.

Il Mariner 10 è stato il primo veicolo spaziale inviato per studiare Mercurio e ha completato con successo i suoi tre voli nel 1974 e nel 1975. Successivamente, la NASA ha inviato il suo veicolo spaziale Messenger per eseguire tre voli su Mercurio nel 2008 e nel 2009, e ha orbitato intorno al pianeta dal 2011 al 2015.

Ora, come seconda e più complessa missione orbitante su Mercurio fino ad oggi, BepiColombo si assumerà il compito di fornire agli scienziati le migliori informazioni per svelare i misteri del pianeta.

READ  Il centro della Via Lattea sembra un'opera d'arte

“Non vediamo l’ora di vedere i primi risultati delle misurazioni effettuate vicino alla superficie di Mercurio”, ha dichiarato in una nota Johannes Benkoff, scienziato del progetto BepiColombo presso l’Agenzia spaziale europea. “Quando ho iniziato a lavorare come scienziato di progetto presso BepiColombo nel gennaio 2008, la missione Messenger della NASA ha fatto il suo primo sorvolo di Mercurio. Ora è il nostro turno. È fantastico!”

Perché Mercurio?

Poco si sa della storia, della superficie o dell’atmosfera di Mercurio, che è notoriamente difficile da studiare a causa della sua vicinanza al Sole. È il meno esplorato dei quattro pianeti rocciosi del sistema solare interno, inclusi Venere, Terra e Marte. La luminosità del Sole dietro Mercurio rende anche difficile osservare il piccolo pianeta dalla Terra.

Il BepiColombo dovrà rilasciare continuamente gas xeno da due dei quattro motori appositamente progettati per frenare permanentemente contro la massiccia forza gravitazionale del sole. La sua distanza dalla Terra lo rende anche difficile da raggiungere: è necessaria più energia per consentire a BepiColombo di “cadere” verso il pianeta rispetto a quella necessaria quando si inviano missioni su Plutone.

Alla navicella spaziale sono stati applicati anche uno scudo termico e un isolamento in titanio per proteggerlo dal calore estremo fino a 350°C (662°F).

Venere ottiene il & # 39;  senza precedenti & # 39;  Doppio volo questa settimana

Gli strumenti sugli orbiter esamineranno il ghiaccio all’interno dei crateri polari del pianeta, perché contengono un campo magnetico e la natura delle “cavità” sulla superficie del pianeta.

Mercurio è pieno di mistero per un pianeta così piccolo, un po’ più grande della nostra luna. Quello che gli scienziati sanno è che durante il giorno le temperature possono raggiungere fino a 800 gradi Fahrenheit (430 gradi Celsius), ma la sottile atmosfera del pianeta significa che può scendere fino a meno 290 gradi Fahrenheit (meno 180 gradi Celsius) di notte.

READ  Un raro meteorite vecchio di 4,5 miliardi di anni potrebbe contenere i segreti della vita sulla Terra

Sebbene Mercurio sia in media il pianeta più vicino al Sole a circa 36 milioni di miglia (58 milioni di chilometri) dalla nostra stella, il pianeta più caldo del nostro sistema solare è Venere perché ha un’atmosfera densa. Ma Mercurio è certamente il più veloce dei pianeti, completando un’orbita attorno al sole ogni 88 giorni, motivo per cui prende il nome dal messaggero dalle ali veloci degli dei romani.

Se potessimo stare sulla superficie di Mercurio, il sole apparirebbe tre volte più grande di quanto appaia sulla Terra e la luce del sole sarebbe accecata perché è sette volte più luminosa.

L’insolita rotazione di Mercurio e l’orbita ellittica attorno al sole fanno sì che la nostra stella sembri sorgere, tramontare e risorgere in alcune parti del pianeta, e un fenomeno simile si verifica al tramonto.

Anusha Rathi e Rob Picheta della CNN hanno contribuito a questo rapporto.