septiembre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La migliore gara di sempre? Warholm vince ostacoli da record

TOKYO (AFP) – Quando l’ostacolista norvegese Carsten Warholm ha guidato il campo verso la linea di partenza in un caldo pomeriggio allo Stadio Olimpico, lui ei suoi sette avversari avevano tutte le ragioni per aspettarsi che sarebbero stati parte di qualcosa di speciale.

Si è rivelato essere più di questo.

Questo raduno dei migliori 400 ostacoli del mondo martedì ha prodotto una medaglia d’oro per Warholm, un record mondiale, un capolavoro e una fetta di storia. È stata anche probabilmente una delle migliori gare di sempre.

“Non ho mai pensato nella mia immaginazione più sfrenata che questo sarebbe stato possibile”, ha detto Warholm dopo aver battuto il suo record mondiale in un tempo di 45,94 secondi.

Quando si determina il posto di una gara negli annali della storia olimpica, ci sono molte cose da considerare:

– L’uomo che è arrivato dietro a Warholm, Ray Benjamin, ha corso più di mezzo secondo più veloce di qualsiasi altro ostacolista nella storia: 46.17. Se qualcuno avesse osato dirgli che avrebbe corso così velocemente e sarebbe arrivato secondo, Benjamin ha detto: “Probabilmente ti colpirei e ti direi di uscire dalla mia stanza”.

La terza classificata brasiliana Alison dos Santos ha concluso la gara con un record di 46,72, che sarebbe stato un record mondiale cinque settimane fa.

– L’uomo che è arrivato settimo sul campo degli otto, Rasmus Magee dell’Estonia, era appena all’interno della cornice delle foto scattate da dietro il traguardo. Ma è stato uno dei sei a stabilire record mondiali, continentali o nazionali.

“Molto deve essere affrontato”, ha detto Benjamin.

La vittoria in trasferta di Warholm davanti a uno stadio vuoto – un giorno, migliaia di persone potrebbero vantarsi della loro presenza – ha superato il suo record mondiale di un mese fa di 0,76 secondi.

READ  Min Wu Lee guida l'Open d'Italia al centro del palco | sport di bufalo

In confronto, a 400 flat, ci sono voluti 48 anni perché il record scendesse di una quantità simile: 0,85 secondi tra il 1968 (Butch Reynolds) e il 2016 (Wade van Niekerk).

Il record mondiale di 400 di Van Niekerk è 43.03. Questo è solo 2,91 più veloce di Warholm di 10 ostacoli da misurare.

Difficile da credere, anche per gli atleti che guardano il film svolgersi davanti a loro.

“Dopo il secondo ostacolo. Ero tipo, s—-. “Kieron McMaster, un quarto posto con un tempo di 47.08 che vincerà le ultime sei Olimpiadi, ha detto: “Se li inseguissi, sarebbe un suicidio”.

Di recente, il 30 giugno 2021, il record dei 400 metri ostacoli è stato stabilito a 46,78 metri. È stato nominato dall’americano Kevin Young ai Giochi di Barcellona del 1992.

Il 1 luglio, Warholm lo abbassò a 46,7, che sembrava una reazione sgarbata a Benjamin, o un segno delle cose a venire.

Solo una settimana prima, alle prove olimpiche degli Stati Uniti, Benjamin aveva corso 46.83 per diventare il quarto uomo nella top 47. Dopo la gara, ha annunciato che sentiva di avere un “46 basso” da qualche parte, forse a Tokyo.

Questa discrepanza ha posto le basi per martedì, il confronto tra i contendenti che ha portato l’evento a un livello che non si vedeva dagli anni ’80. In un decennio di dominio, Edwin Moses ha vinto 107 finali consecutive, due ori olimpici e ha tagliato il record mondiale quattro volte.

L’unica cosa che Moses non aveva era il concorrente, che ha spiegato all’inizio di questa settimana, Potrebbe aver impedito che scendesse al di sotto di 47,02, che deteneva il record per quasi nove anni prima di Young.

READ  Coco Gouve vince i titoli di singolare e di doppio all'Emilia Romagna Open su campi in terra battuta in Italia prima dell'Open di Francia

Warholm e Benjamin sono rivali. Nelle presentazioni pre-gara, entrambi hanno colpito il petto come pugili, e Warholm si è schiaffeggiato più volte in faccia.

Sono andati ai loro corridoi, hanno messo i blocchi di partenza, hanno forato i talloni, si sono allineati e sono partiti.

Nessuno li avrebbe catturati. Nello specifico, nessuno avrebbe catturato Warholm.

Uscendo dalla corsia 6, ha afferrato i ragazzi che sono partiti davanti a lui dopo tre ostacoli ed era chiaramente davanti a metà.

Coprendo la distanza tra le barriere 13 passi solidi alla volta, Warholm non si avvicinò mai a rompere quel passo. All’ottavo ostacolo, Benjamin era lungo quanto il suo corpo e sembrava che si stesse avvicinando. Ma a casa, Warholm si ritirò. Corse velocemente fino alla fine con le braccia.

Con il suo tempo che lampeggiava sul tabellone, si è strappato la maglietta. “Emergono emozioni pure”. È stata una scena che ricorda il momento in cui si è dichiarato sulla scena mondiale vincendo i Campionati del mondo a Londra nel 2017, con tanto di festa con gli occhi spalancati indossando un elmo dei Vikings dopo la gara.

Tuttavia, il momento è stato creato nel 2018, quando il Qatar Abdul Rahman Samba è diventato il secondo uomo a superare 47 secondi, una barriera che Warholm doveva ancora raggiungere.

“Ho deciso che non mi piaceva perdere”, ha detto Warholm. “Così sono tornato e mi sono allenato duramente.”

Anche Samba era in questa finale. Ha concluso quinto con un tempo di 47.12 – la sua migliore stagione, ma è stato uno dei due ostacolisti a non battere un record nazionale.

Warholm non solo ha battuto il record del mondo, ma è passato sotto la barriera dei 46 secondi a cui nessuno pensava davvero.

READ  Sidney Jones Trade Degrees: Seahawks stringe un accordo con Jaguars per il giovane cornerback

“A volte durante l’allenamento, il mio allenatore mi dice costantemente che questo è possibile”, ha detto Warholm. “Ma era difficile da immaginare perché è un grande svantaggio”.

Una controversia all’interno dei circoli di atletica è quanto credito dovrebbe ottenere la nuova tecnologia delle scarpe. La combinazione di schiuma e tavole di carbonio ha dato ai corridori più elasticità nel loro passo e potrebbe aver giocato nell’improvviso crollo dei tronchi.

“Certo, la tecnologia sarà sempre lì”, ha detto Warholm. “Ma voglio anche mantenerlo basso a un livello in cui possiamo effettivamente confrontare i risultati”.

Ad ogni modo, qualcuno deve correre con queste scarpe, e questi ragazzi sono alcuni dei migliori rivetti là fuori.

Hanno dato la migliore gara di sempre? Hanno prodotto un momento che li avrebbe messi alla pari con Billy Mills (1964), Seb Coe e Steve Offit (80), Flo Joe (88), Michael Johnson (96) o Usain Bolt (pick up race)?

Con l’hype che continua nella parte inferiore del campo mentre gli uragani si mescolano ai media, ha iniziato a formarsi un consenso.

“Non credo che nessuna gara sia davvero paragonabile a quello che abbiamo appena fatto”, ha detto Benjamin.

Warholm non aveva intenzione di discutere.

“Ho sempre detto che la corsa perfetta non esiste”, ha detto Warholm. “Ma questo è quanto penso di essere arrivato a una gara perfetta”.

___

Altre Olimpiadi AP: https://apnews.com/hub/2020-tokyo-olympics e https://twitter.com/AP_Sports