octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La maggior parte degli europei crede che l’età dell’oro della Germania sia finita con la partenza della Merkel

Il cancelliere Angela Merkel, il leader popolare, stringe la mano alla folla insieme all’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama durante una visita negli Stati Uniti

Jim Watson | AFP | Getty Images

Sotto il cancelliere Angela Merkel, l’influenza e l’influenza della Germania negli affari europei – e globali – è stata indiscutibile.

Ora lascia l’incarico dopo 16 anni e molti europei credono che l'”età dell’oro” del Paese sia finita, inclusa la maggior parte dei tedeschi, secondo un recente sondaggio.

Il sondaggio, condotto dal Consiglio europeo per le relazioni estere in 12 paesi dell’UE all’inizio dell’estate con risultati pubblicati questa settimana, ha rilevato che gli europei considerano ancora la Merkel come una forza unificante e si aspettano che la Germania continui a fornire la leadership all’interno dell’UE. Tuttavia, c’è pessimismo in patria e all’estero sul futuro della Germania post-Merkel.

Il sondaggio ha rilevato che molti europei vedono la Germania come una potenza in declino, nessuno più della Germania, dove la maggioranza (52%) vede il proprio paese come una “età dell’oro” passata. Solo il 15% degli intervistati in Germania ha dichiarato di ritenere che il proprio paese sia ancora nell'”età dell’oro” oggi, con il 9% degli intervistati che crede che debba ancora venire.

In tutta Europa, più in generale, un terzo degli europei (34%) intervistati ha affermato che la stella della Germania sta svanendo, il 21% ha affermato che oggi è “un’età dell’oro” e solo il 10% crede che il periodo sia nel futuro.

I dati evidenziano l’incertezza sia in Germania che nei suoi vicini sul futuro del Paese, e sulla sua leadership di fatto dell’Unione Europea, una volta che la Merkel lascerà l’incarico dopo le elezioni federali del 26 settembre.

READ  La Nuova Zelanda allenta il lockdown per il Covid ad Auckland

Merkel contro Macron

Nonostante alcune politiche controverse, Merkel, 67 anni, ha lasciato l’incarico alle sue condizioni. Rimane una figura di spicco in Europa, molto più del suo omologo francese Emmanuel Macron, anche se gli analisti si aspettano che Macron cerchi di colmare qualcosa del vuoto di leadership lasciato dalla Merkel.

Quando ECFR ha chiesto agli intervistati per chi avrebbero votato in un ipotetico concorso tra la tedesca Merkel e la francese Macron per il ruolo di presidente dell’UE, il think tank ha scoperto che la maggioranza degli europei (41%) voterebbe per la Merkel e solo il 14% voterebbe per lui. Macron (il restante 45% ha dichiarato di non sapere o di non voler votare).

Il più alto sostegno alla Merkel in queste ipotetiche elezioni è stato riscontrato nei Paesi Bassi (58%), in Spagna (57%) e in Portogallo (52%). Anche tra i francesi, il 32% voterebbe per la Merkel e il 20% per Macron.

Forse non sorprende che ci sia stata una tale passione perpetua per la Merkel. È vista come una mano ferma, pragmatica e calma in una crisi – e ne ha avute parecchie di cui occuparsi durante il suo periodo in carica.

La Merkel ha guidato la Germania, la zona euro e l’Unione europea attraverso molti shock, tra cui la crisi finanziaria del 2008-2009, la successiva crisi del debito sovrano nella zona euro che ha raggiunto il picco nel 2012 e la crisi migratoria del 2015-2016. Più di recente, ha svolto un ruolo di primo piano nella risposta dell’Europa alla pandemia di coronavirus e, con Macron, ha supervisionato il piano di ripresa dell’UE.

Il presidente francese Emmanuel Macron (secondo da sinistra) e il cancelliere tedesco Angela Merkel (a destra) guardano il presidente degli Stati Uniti Donald Trump (davanti a sinistra) e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (a destra) mentre attraversano una foto di famiglia durante il vertice della NATO a L’Hotel Grove di Watford, a nord-est di Londra, 4 dicembre 2019.

Christian Hartmann | AFP | Getty Images

Tuttavia, le politiche della Merkel durante i periodi di crisi non hanno sempre conquistato i suoi amici. È diventata una figura odiata in Grecia durante la crisi del debito quando la Germania ha chiesto l’imposizione di rigide misure di austerità ad Atene come condizione per i salvataggi internazionali.

Nel frattempo, la sua decisione di consentire a centinaia di migliaia di migranti, principalmente dalla Siria, di entrare in Germania durante la crisi migratoria ha causato il panico nel paese ed è stata in gran parte vista come un rafforzamento del sostegno popolare per il partito di destra Alternativa per la Germania.

leadership futura

Il modo in cui le relazioni della Germania con il resto dell’Unione europea e l’attuale leadership del blocco potrebbero cambiare una volta che la Merkel lascerà l’incarico è una delle più grandi incognite della sua partenza.

Nell’ultimo rapporto dell’ECFR, “Post-Merkel: What Europeans Expect from Germany After the Elections”, pubblicato martedì, gli autori Piotr Borras e Jana Puglierin hanno notato che la leadership politica tedesca post-Merkel non avrà altra scelta che cambiare il proprio ruolo e il rapporto con l’Unione Europea.

“Merkelley non è più sostenibile e il prossimo cancelliere tedesco dovrà trovare un’altra strada da seguire”, ha commentato Piotr Borras, coautore e capo dell’ufficio di Varsavia dell’ECFR.

“La Merkel potrebbe aver magistralmente mantenuto lo status quo in tutto il continente negli ultimi 15 anni, ma le sfide che l’Europa deve affrontare ora – la pandemia, il cambiamento climatico, la competizione geopolitica – richiedono soluzioni radicali, non cambiamenti estetici. Ciò di cui l’UE ha bisogno ora è una Germania con una visione che difenderà i valori del blocco e difenderà il suo posto nel mondo”.