enero 18, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La lira turca tocca un nuovo minimo dopo l’ultimo taglio dei tassi di Erdogan

  • Quest’anno il valore del dollaro è più che raddoppiato rispetto alla lira
  • Erdogan ha fatto pressioni per tagli dei tassi rischiosi per stimolare la crescita
  • La banca centrale taglia i tassi di interesse di 100 punti base, come previsto

ISTANBUL (Reuters) – Giovedì la lira turca è scesa del 5,6% al minimo storico contro il dollaro dopo che la banca centrale ha tagliato i tassi di interesse in linea con un programma economico non convenzionale fissato dal presidente Recep Tayyip Erdogan.

La lira ha toccato un minimo di 15,689 dopo la mossa, prima di pareggiare le sue perdite a 15,58 entro le 1430 GMT. Il dollaro è più che raddoppiato rispetto alla lira quest’anno, danneggiando la grande economia di mercato emergente della Turchia. Per saperne di più

La banca centrale ha tagliato i tassi di interesse di 100 punti base, in linea con le aspettative, e ha portato l’allentamento cumulativo da settembre a 500 punti, rendendo la valuta locale meno appetibile per investitori e risparmiatori. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

La banca ha indicato che sospenderà il ciclo di allentamento per monitorarne gli effetti nei prossimi tre mesi. Per saperne di più

«La tolleranza della banca centrale per il dolore della lira sembra certamente essere molto più alta, poiché Erdogan è ora più o meno responsabile della politica dei prezzi», ha affermato Dennis Shen, direttore dei settori sovrani e pubblici di Scope Ratings.

Il nuovo piano economico di Erdogan dà la priorità all’esportazione e al prestito, sebbene economisti e legislatori dell’opposizione abbiano ampiamente criticato la politica come avventata. Con l’inflazione che supera il 21%, i budget turchi sono tesi e le preoccupazioni crescono.

READ  William Shatner e la Blue Origin Crew si preparano per un volo: aggiornamenti in tempo reale

La banca centrale è intervenuta quattro volte sul mercato valutario nelle ultime due settimane, vendendo dollari per rallentare la svendita della lira e divorare le sue già esaurite riserve estere.

Dopo l’ultimo taglio, gli osservatori del mercato si aspettavano più dolore per la lira, che ha perso il 47% del suo valore solo dall’inizio di settembre.

«È una mossa audace che costerà sicuramente alla Turchia un sacco di soldi e mal di testa. La reazione improvvisa è una grande svendita della lira. Mi aspetto che il dollaro cercherà di finire l’anno nella fascia 17-19», ha detto Ipek. . Ozkardeskaya, Ginevra, Senior Analyst presso Swissquote Bank.

lira orario dicembre 2021

Aumento del salario minimo del 50%

Secondo la banca centrale, che punta a un tasso di inflazione del 5%, la pressione sui prezzi è temporanea e necessaria per espandere la crescita economica e bilanciare il conto corrente.

Ma dato il crollo della lira, gli economisti prevedono che l’inflazione salga a quasi il 30% l’anno prossimo, soprattutto a causa dell’aumento dei prezzi all’importazione.

A seguito della mossa della banca centrale, Erdogan ha annunciato un massiccio aumento del 50% del salario minimo della Turchia a 4.250 lire (275 dollari) al mese l’anno prossimo. Il valore in dollari del salario minimo del 2021 è sceso a $ 185 da $ 380 quest’anno. Per saperne di più

Marek Dreamal di Société Générale ha affermato che l’aumento «aumenterà le pressioni inflazionistiche, insieme all’effetto cumulativo di una lira più debole».

Commentando il piano della banca centrale di rivalutare il proprio quadro monetario nel primo trimestre, ha affermato che lo scenario migliore è quello di astenersi da ulteriori tagli.

READ  Samuel Adams produce birra illegale in 28 stati

Ha aggiunto: «Questo di per sé non fermerà il declino della lira, poiché i tassi di interesse reali scenderanno a livelli più negativi».

Gli analisti hanno affermato che Erdogan ha riformato la leadership della banca centrale quest’anno, coinvolgendo funzionari che la pensano allo stesso modo per sostituire i politici tradizionali, lasciando a brandelli la sua credibilità.

La lira è stata anche colpita dalla decisione aggressiva della Federal Reserve statunitense di mercoledì di porre fine al suo stimolo all’acquisto di obbligazioni a marzo e di prevedere fino a tre aumenti dei tassi di interesse statunitensi il prossimo anno per affrontare la spirale dell’inflazione. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Eji Toksabai, Tuvan Gumrucu e Orhan Coskun ad Ankara, Karen Stroecker e Mark Jones a Londra; Scritto da Darren Butler; Montaggio di Rashmi Aish, Jonathan Spicer e Angus McSwan.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.