septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Gran Bretagna registra il maggior numero di decessi per Covid-19 da marzo, poiché Johnson ha esortato alla cautela

  • Johnson mette in guardia contro le prime conclusioni dai dati COVID
  • La Gran Bretagna ha riportato sette giorni consecutivi di bassi casi giornalieri
  • La fine dell’epidemia potrebbe essere lontana mesi – l’epidemiologo
  • La caduta anticipata scozzese dei casi potrebbe illustrare l’impatto di Euro 2020

LONDRA (Reuters) – La Gran Bretagna ha riportato martedì il numero più alto di decessi per coronavirus e pazienti ricoverati in ospedale da marzo e il primo ministro Boris Johnson ha esortato alla cautela nonostante una settimana di basso numero di infezioni segnalate.

La Gran Bretagna ha riportato 131 nuovi decessi per COVID-19, il totale giornaliero più alto dal 17 marzo, anche se è arrivato dopo che lunedì sono stati segnalati solo 14 decessi, suggerendo che il fine settimana potrebbe essere stato colpito quando è stata segnalata l’epidemia.

Anche il numero di pazienti COVID-19 negli ospedali britannici è aumentato costantemente a 5.918, il più alto da marzo, dopo che il numero di casi è aumentato all’inizio di questo mese.

Il numero di nuove infezioni è diminuito ogni giorno negli ultimi sette giorni, anche se Johnson ha sottolineato che l’epidemia non è ancora finita.

“È molto importante non lasciarci trasportare da conclusioni premature su (numeri minuscoli)”, ha detto Johnson alle emittenti, osservando che la revoca delle restrizioni in Inghilterra richiederebbe tempo. dati.

La gente deve stare molto attenta e questo è ancora l’approccio del governo.

Johnson ha revocato le restrizioni in Inghilterra e scommette che potrebbe causare nuovamente l’espulsione di una delle più grandi economie europee perché così tante persone vengono ora vaccinate, una decisione che segna un nuovo capitolo nella risposta al nuovo coronavirus.

READ  La nota trapelata in Thailandia solleva preoccupazioni sull'efficacia del vaccino cinese Sinovac Covid-19

L’epidemiologo dell’Imperial College Neil Ferguson ha affermato che la fine effettiva dell’epidemia in Gran Bretagna potrebbe essere a pochi mesi di distanza perché i vaccini hanno ridotto drasticamente il rischio di ospedalizzazione e morte.

“Non siamo del tutto fuori dai guai, ma l’equazione è cambiata radicalmente”, ha detto alla BBC Ferguson, il cui virus si sarebbe probabilmente diffuso all’inizio della pandemia all’inizio del 2020.

Un cartello che chiede ai clienti di indossare maschere protettive è visto in una vetrina di Oxford Street, in mezzo all’epidemia di coronavirus (COVID-19), a Londra, Gran Bretagna, 26 luglio 2021. REUTERS/Henry Nichols

“Sono fiducioso che entro la fine di settembre, ottobre, guarderemo indietro alla maggior parte dell’epidemia”.

Sulla tua strada verso il basso

Johnson ha revocato le restrizioni COVID-19 in Inghilterra il 19 luglio. I nuovi casi giornalieri nell’ondata attuale hanno raggiunto il picco due giorni fa a 54.674 e da allora sono diminuiti drasticamente, a 23.511 nuovi casi martedì.

Tra i fattori che secondo gli epidemiologi potrebbero aver ridotto il mescolamento sociale a casa e quindi i casi, anche se l’economia inglese è stata completamente riaperta, c’erano le chiusure delle scuole per l’estate, la fine di Euro 2020 e il clima più caldo.

I numeri dei casi sono diminuiti più a lungo in Scozia, dove l’ultimo picco di nuove infezioni è stato il 1 luglio, che in Inghilterra, corrispondente a una precoce esclusione dall’euro.

“Entrambi sembrano coincidere in qualche modo con la fine dell’attività a Euro 2020”, ha detto a Reuters l’epidemiologo dell’Università di Edimburgo Roland Kao, aggiungendo che i cambiamenti nei modelli di test potrebbero significare che il declino è più ripido. I numeri dei test giornalieri sono esagerati.

READ  Un'eruzione del vulcano Nyiragongo nel Congo orientale

“(I casi) potrebbero aumentare di nuovo, perché inizieremo solo a vedere l’impatto del rilascio completo delle restrizioni del 19 luglio in Inghilterra. Quindi potrebbero esserci ancora picchi in futuro”.

La Gran Bretagna ha uno dei più alti tassi di mortalità ufficiali per COVID-19 al mondo, con 129.303 decessi, ma le vaccinazioni e i blocchi hanno rallentato significativamente il tasso da marzo.

Il direttore medico nazionale della Scozia, Jason Leach, ha affermato che un graduale ritorno alla normale attività sociale aiuterebbe a mitigare la fine dell’attuale ondata, ma le prossime settimane sarebbero imprevedibili.

“La strada è sempre più accidentata dell’enorme escursione lungo la strada”, ha detto a Reuters.

(Segnalazione di Sarah Young e Alistair Smoot). Segnalazione aggiuntiva di Paul Sandel. Montaggio di Jay Faulconbridge, Janet Lawrence, Catherine Evans, William MacLean e Mike Harrison

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.