agosto 14, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La famosa statua della «Colonna della vergogna» in Piazza Tiananmen a Hong Kong è stata rimossa

Per più di 20 anni, la statua del «Pilastro della vergogna» ha servito come un memoriale per le vittime 1989 Massacro di piazza TienanmenL’esercito cinese ha schiacciato le proteste degli studenti universitari a Pechino con la forza letale.
In cima alla piattaforma all’Università Hong KongCampus dell’Università di Hong Kong (HKU), la statua di 26 piedi (8 m) di torsi umani mutilati è stato uno degli ultimi memoriali alle vittime della sanguinosa repressione rimaste. occupazione Hong Kong Suolo.

Ma intorno alla mezzanotte di giovedì, intorno alla statua sono state erette barriere in muratura gialla e si sono sentite crepe e demolizioni mentre la statua veniva rimossa col favore dell’oscurità.

Le immagini scattate durante il processo di rimozione mostrano i lavoratori che avvolgono la statua in una pellicola protettiva e la sollevano fuori dal campus su una gru in due parti distinte. L’Università di Hong Kong, l’organo di governo dell’università, ha dichiarato in una nota che la statua sarebbe stata conservata.

Due bambini guardano la statua del «Pilastro della vergogna» nel campus dell’Università di Hong Kong il 15 ottobre 2021 a Hong Kong. credito: Louise Delmott/Getty Images Asiapac/Getty Images

Un testimone oculare ha detto giovedì mattina che il sito della statua è ora vuoto e gli studenti sono stati visti piangere nel campus dopo che è stata rimossa. La CNN ha accettato di non rivelare il nome di questo testimone per paura di rappresaglie da parte delle autorità.

Questa paura di rappresaglie è comune tra coloro che si pronunciano contro le autorità di Hong Kong da quando Pechino ha imposto alla città una legge sulla sicurezza nazionale nel 2020, punendo con provvedimenti reati come atti vandalici e secessioni. Fino all’ergastolo.

Il consiglio di amministrazione dell’Università di Hong Kong ha dichiarato in una dichiarazione che la rimozione è stata «basata su consulenza legale esterna e valutazione del rischio nell’interesse dell’università».

READ  Empresas estadounidenses en China recortan pronósticos de ingresos y planes de inversión

La statua, che si trova nell’Haking Wong Building dell’università, faceva parte di una serie di opere dell’artista danese Jens Galschiøt create nel 1997, l’anno in cui Hong Kong è stata restituita alla Cina dopo oltre 150 anni di dominio britannico. La scultura include un’iscrizione: «Il vecchio non può uccidere i giovani per sempre» ed è stata costruita per servire come «un avvertimento e un promemoria per la gente di un evento vergognoso che non dovrebbe mai essere ripetuto», secondo la descrizione sul sito web di Galschiøt.

Per tre decenni, Hong Kong è stato l’unico luogo sul territorio controllato dalla Cina in cui si teneva una veglia di massa annuale per celebrare gli eventi in ed intorno a Piazza Tiananmen il 4 giugno 1989.

La repressione rimane uno degli argomenti più seguiti nella Cina continentale, con discussioni sulla cancellazione dai media. Le autorità cinesi non hanno rilasciato un bilancio ufficiale delle vittime, ma le stime vanno da diverse centinaia a migliaia.

Le guardie di sicurezza stanno di fronte a barricate erette a circa 26 piedi di altezza "pilastro della vergogna."

Le guardie di sicurezza stanno di fronte alle barricate erette intorno al «pilastro della vergogna» di 26 piedi. credito: Peter Parks/AFP/Getty Images

Dopo la consegna del 1997, la continuazione di veglie e commemorazioni simili è stata vista come un test critico della continua autonomia e libertà democratiche di Hong Kong, come promesso nella sua costituzione de facto.

Tuttavia, sulla scia del National Security Act, decine di importanti politici e attivisti pro-democrazia Sono imprigionati Oppure sono fuggiti dalla città e molti gruppi della società civile sono stati smantellati.
La polizia ha vietato l’ultima veglia del 4 giugno, citando le restrizioni del coronavirus. Notevoli attivisti, tra cui Joshua Wong e l’uomo dei media Jimmy Lai, furono in seguito Imprigionato per la condivisione Agli eventi commemorativi nel 2020.
Il Museo di Hong Kong dedicato alle vittime del 4 giugno è stato costretto a chiudere All’inizio di quest’anno, il suo intero gruppo è stato spostato online, citando la «repressione politica».
Guardia di sicurezza in piedi davanti a un container come barriere e guardie di sicurezza "pilastro della vergogna" All'Università di Hong Kong, dove è stata rimossa la statua.

Una guardia di sicurezza si trova di fronte a un container mentre il personale di sicurezza sorveglia la «colonna della vergogna» presso l’Università di Hong Kong, dove la statua è stata rimossa. credito: Peter Parks/AFP/Getty Images

READ  Biden revela plan de inmigración, coronando cumbre de las Américas plagada de divisiones

Dopo la notizia dello smantellamento della scultura, l’artista Galchiot ha scritto sul suo account Twitter: «Sono assolutamente scioccato dal fatto che l’Università di Hong Kong stia attualmente distruggendo il pilastro della vergogna. È completamente illogico e auto-immolazione della proprietà privata di Hong Kong. «

«Incoraggiamo tutti ad andare all’Università di Hong Kong e documentare tutto ciò che accade alla scultura», ha aggiunto in una nota. Abbiamo fatto tutto il possibile per dire all’Università di Hong Kong che ci piacerebbe molto catturare la statua e portarla in Danimarca».

«Nessuna parte ha ottenuto l’approvazione dall’università per esporre la statua nel campus e l’università ha il diritto di prendere le misure appropriate per affrontarla in qualsiasi momento», ha affermato il Consiglio dell’Università di Hong Kong nella sua dichiarazione.

Primo piano di un file "pilastro della vergogna."

Un primo piano del «Pilastro della vergogna». credito: Louise Delmott/Getty Images Asiapac/Getty Images

Ha aggiunto che l’università era «profondamente preoccupata per i potenziali problemi di sicurezza derivanti dalla fragile statua. L’ultima consulenza legale all’università ha avvertito che la continua esposizione della statua avrebbe comportato rischi legali per l’università in base all’ordinanza sui crimini emessa ai sensi dei crimini. Atto.» governo coloniale di Hong Kong».

Sono già in corso sforzi per preservare la memoria della statua, con il gruppo di attivisti artistici Lady Liberty Hong Kong che ha creato un modello 3D realizzato utilizzando più di 900 immagini in ottobre.

«L’idea è che tutti possano stamparne una copia e metterla dove vogliono», ha affermato Alex Lee, fondatore del gruppo. «Nell’era digitale, non ci sono restrizioni su ciò che puoi fare con cose virtuali o fisiche: (si spera) tutti cercheranno di mantenere quel codice».

I lavoratori rimuovono parte di "pilastro della vergogna" Una statua in un container all'Università di Hong Kong il 23 dicembre.

I lavoratori rimuovono parte della statua del «Pilastro della vergogna» in un container all’Università di Hong Kong il 23 dicembre. credito: Anthony Kwan/Getty Images

La domenica ha visto le prime elezioni legislative «solo patrioti cinesi» a Hong Kong Bassa affluenza ل, che riflette un forte calo della partecipazione civica e politica dopo che Pechino ha rivisto i processi elettorali della città all’inizio di quest’anno.

Dopo il voto, l’amministratore delegato di Hong Kong Carrie Lam si è recato a Pechino e ha incontrato il leader cinese Xi Jinping, che ha approvato la sua amministrazione e l’ha elogiata per aver spostato la città «dal caos all’ordine», secondo una dichiarazione del governo all’incontro.

READ  Maria Kolesnikova, leader della protesta in Bielorussia, condannata a 11 anni di carcere

Descrivendo le elezioni – in cui l’affluenza alle urne è stata solo del 30,2% – come un «successo», Xi ha affermato che la città «ha compiuto solidi progressi nella promozione di uno sviluppo democratico che si adatta alla realtà di Hong Kong».

«Il diritto democratico dei compatrioti di Hong Kong è emerso», ha detto Xi.

Un certo numero di attivisti di Hong Kong fuggiti all’estero hanno descritto le elezioni – in cui il governo ha selezionato per la prima volta i potenziali candidati – come «false», una critica echeggiata da molti gruppi per i diritti e osservatori internazionali.

Foto in alto: i lavoratori rimuovono parte di una «colonna della vergogna» in un container dell’Università di Hong Kong il 23 dicembre 2021.