octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La difficoltà di mining di bitcoin diminuisce dopo il crollo dell’hash in Cina

Una miniera di bitcoin ai margini dell’altopiano tibetano vicino a Sichuan, in Cina. La miniera è strategicamente posizionata accanto a un generatore di energia idraulica.

Getty Images

Il mining di bitcoin è diventato molto più semplice e redditizio.

Il mondo lo sa da mesi Più della metà dei minatori di bitcoin del mondo si spegnerà con l’inasprimento del giro di vite sull’estrazione mineraria in Cina. Ecco cosa è successoL’algoritmo Bitcoin è stato modificato di conseguenza per garantire che la produttività dei minatori non continui a cadere da un precipizio.

Questo emendamento – entrato in vigore sabato mattina presto – significa anche che in questo modo più soldi andranno ai minatori di bitcoin che restano online.

“Questo sarà un suggerimento sulle entrate per i minatori”, ha affermato l’ingegnere minerario di Bitcoin Brandon Arvanaghi.

“Improvvisamente possiedono una fetta più grande della torta, il che significa che guadagnano più bitcoin ogni giorno”.

L’estrazione mineraria è diventata più semplice

Un miner di bitcoin esegue un programma su un computer per cercare di risolvere un enigma prima di chiunque altro. Risolvere questo puzzle è ciò che completa il blocco, un processo che crea nuovi bitcoin e aggiorna il registro digitale per tenere traccia di tutte le transazioni bitcoin.

La Cina è stata a lungo un focolaio per i minatori di bitcoin e le stime precedenti suggeriscono che 65% per 75% La maggior parte dell’estrazione di bitcoin al mondo ha avuto luogo lì, ma la repressione guidata dal governo ha effettivamente cacciato i minatori di criptovalute del paese.

Darren Feinstein, fondatore di Blockcap e Core Scientific, ha affermato che per la prima volta nella storia della rete Bitcoin, abbiamo avuto un arresto completo del mining in un’area geografica mirata, interessando oltre il 50% della rete.

più del 50% di hashrate – la potenza di calcolo collettiva dei minatori di tutto il mondo – è scivolato fuori dalla rete dal suo picco di mercato a maggio.

Minare meno persone significa che ogni giorno vengono risolti meno blocchi. Normalmente, ci vogliono circa 10 minuti per completare un blocco, ma Feinstein ha detto alla CNBC che la rete Bitcoin è rallentata da 14 a 19 minuti.

Questo è esattamente il motivo per cui bitcoin ricalibra tutti i blocchi del 2016, o all’incirca ogni due settimane, ridefinendo quanto sia difficile per i minatori estrarre. Sabato, il token Bitcoin è stato generato automaticamente 28% meno difficile Mining – un calo storicamente senza precedenti nella rete – riportando così i tempi di blocco alla finestra ottimale di 10 minuti.

L’algoritmo di Bitcoin è programmato per gestire l’aumento o la diminuzione dei minatori, secondo Mike Collier, CEO della società di criptovalute Foundry. “È un mercato che si autoregola e non richiede alcun comitato esterno per decidere cosa fare. Questo è un concetto molto potente”, ha affermato.

Meno concorrenti e meno difficoltà significano che qualsiasi minatore con una macchina plug-in vedrà aumenti significativi della redditività e entrate più prevedibili.

Kevin Chang, l’ex amministratore delegato del settore minerario di Greenridge Generation, ha affermato che la prima grande centrale elettrica degli Stati Uniti è stata avviata dietro l’estrazione su scala metrica.

Assumendo costi energetici costanti, Stime di Chang Entrate di $ 29 al giorno per coloro che utilizzano l’ultima generazione di minatori Bitmain, rispetto ai $ 22 al giorno prima della modifica. A lungo termine, sebbene il reddito dei minatori possa fluttuare con il prezzo della moneta, Zhang nota anche che le entrate minerarie sono diminuite solo del 17% rispetto al picco del prezzo del bitcoin ad aprile, mentre il prezzo della moneta è diminuito di quasi il 50%.

Maggiori informazioni sulle criptovalute da CNBC Pro

“Ci aspettiamo un periodo di redditività mineraria significativamente più elevata per i nostri clienti Compass Mining”, ha affermato Whit Gibbs, CEO e fondatore di Compass, un servizio di mining bitcoin. “Ci aspettiamo che i minatori siano il 35% più redditizi”.

Feinstein di Blockcap è d’accordo. “Ci aspettiamo un aumento delle entrate e dei profitti per il prossimo futuro. Questo è stato un vantaggio inaspettato per la rete, non solo sulle entrate ma sulle misure di decentramento ed energia sostenibile”.

Sebbene la difficoltà ridotta vada a vantaggio di tutti i minatori, sono quelli che utilizzano l’attrezzatura di nuova generazione che ne beneficiano maggiormente.

Feinstein ha dichiarato alla CNBC che la maggior parte delle apparecchiature dismesse in Cina erano di vecchia generazione, inefficienti e operanti con margini di profitto molto più bassi.

Aumento di sei mesi

È difficile prevedere quanto durerà il deficit al dettaglio. È del tutto possibile che Pechino possa semplicemente invertire la sua politica, ha detto Barbour, e questa potrebbe essere solo un’interruzione a breve termine.

In caso contrario, la maggior parte degli esperti di criptovaluta concorda sul fatto che ci vorranno dai sei ai 15 mesi per tutto l’hardware e gli scherzi di mining inattivi. “Ci vorrà molto tempo prima che il surplus trovi una casa”, ha detto Barbour.

Gibbs ritiene che i minatori dovrebbero vedere un aumento delle entrate almeno per il resto del 2021.

“Ogni giorno i minatori cinesi di tutto il mondo sono alla ricerca di posti per riavviare le loro macchine”, ha affermato Collier. “In questo momento lo spazio è molto limitato”.

Parte del problema, secondo Feinstein, è che anche prima che la Cina interrompesse l’attività mineraria, mancavano già le infrastrutture per ospitare i minatori di nuova generazione distribuiti mensilmente dal produttore con sede a Pechino Bitmain.

Ora che il mercato è inondato da un’offerta eccessiva di piattaforme minerarie usate, è difficile dire quanto velocemente i paesi saranno in grado di assorbire l’afflusso di attrezzature.

“Alcuni minatori hanno costruito tutto e stavano solo aspettando che gli ASIC si collegassero, il che richiederebbe solo pochi giorni”, ha spiegato Arvanaghi.

Ha continuato: “Altri potrebbero aver bisogno di costruire container, espandere i magazzini o aumentare la loro capacità. Non vedremo il tasso di hash raggiungere quello che era durante la notte, ma lo vedremo tornare di nuovo nei prossimi mesi”.

Di tutte le potenziali destinazioni di questa attrezzatura, gli Stati Uniti sembrano essere particolarmente ben posizionati per assorbire questo tasso di hash randagio. Alla CNBC è stato detto che i principali operatori minerari statunitensi stanno già firmando accordi per consolidare alcuni dei minatori senzatetto di Bitmain.

Arvanaghi ha detto alla CNBC che l’estrazione di bitcoin negli Stati Uniti è in piena espansione e che il capitale di investimento si sta riversando, quindi sono pronti a sfruttare l’esodo dei minatori.

“Molti dei minatori di bitcoin negli Stati Uniti che sono stati finanziati quando il prezzo del bitcoin ha iniziato a salire a novembre e dicembre del 2020, significava che stavano già costruendo la loro capacità energetica quando è iniziato il divieto di estrazione in Cina”, ha affermato. “È un ottimo tempismo”.

Ma Barbour ritiene che anche i giocatori più piccoli negli Stati Uniti abbiano la possibilità di catturare minatori in esubero.

“Penso che questa sia un’indicazione che in futuro, il mining di bitcoin sarà distribuito per necessità”, ha affermato Barbour. “Meno miniere enormi come le miniere da 100 megawatt che vediamo in Texas e più piccole miniere in piccoli spazi commerciali e residenziali alla fine. È molto difficile per un politico chiudere una miniera nel garage di qualcuno”.

READ  La Gran Bretagna dovrebbe allentare le regole sui visti a causa della carenza di camionisti