octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La crisi energetica potrebbe costringere più fabbriche britanniche a chiudere

Le industrie, che sono i principali utilizzatori di gas naturale ed elettricità, si stanno riprendendo da un aumento vertiginoso dei prezzi all’ingrosso dell’energia che potrebbe continuare fino al cuore dell’inverno. Le aziende britanniche stanno diventando meno competitive rispetto ai concorrenti internazionali che hanno ricevuto assistenza dai loro governi.

“Si prevede che il Regno Unito continuerà ad affrontare ripetuti aumenti dei prezzi dell’elettricità, portando a ulteriori interruzioni della produzione, danni alle fabbriche e un colpo a lungo termine per il settore siderurgico britannico”, ha affermato il gruppo industriale UK Steel.

I gruppi industriali hanno incontrato i funzionari britannici per la seconda volta lunedì dopo che i colloqui di venerdì non sono riusciti a soddisfare i leader aziendali. Con il primo ministro Boris Johnson in vacanza in Spagna, alcuni dirigenti iniziano a esprimere frustrazione per quella che considerano l’inazione del governo.

Stephen Elliott, amministratore delegato della Federation of Chemical Industries, ha dichiarato lunedì che i membri potrebbero iniziare a chiudere gli impianti entro poche settimane a causa dell’aumento dei costi di produzione.

“Non sto dicendo che i nostri membri siano in bilico sull’orlo di un precipizio. Ma quello che sto dicendo, e l’ho detto venerdì a [business secretary] Kwasi Quarting, se parto questa settimana per altre tre settimane, non posso garantire che le aziende chimiche non mettano in pausa o sospendano la produzione”, ha detto alla BBC.

Un funzionario del Dipartimento per le imprese, l’energia e la strategia industriale ha detto alla CNN lunedì che Kwarteng ha presentato un’offerta formale di assistenza al Tesoro del Regno Unito.

problema di prezzo

I consumatori britannici godono di una certa protezione dagli aumenti dei prezzi grazie a un tetto fissato dalle autorità di regolamentazione. L’attività resta comunque aperta.

READ  Avanti Frozen Foods richiama diversi prodotti a base di gamberi legati a epidemie di salmonella

I prezzi all’ingrosso dell’elettricità nel Regno Unito sono aumentati da 50 sterline per megawattora ad aprile fino a 2.500 sterline per megawattora a settembre, secondo UK Steel, che ha descritto l’aumento come “fantasia”. Ha aggiunto che i costi medi mensili all’ingrosso in Gran Bretagna sono quasi il doppio di quelli di Francia e Gran Bretagna.

I prezzi del gas naturale nel Regno Unito sono aumentati di circa il 425% finora quest’anno. All’inizio di ottobre, era quasi il 740% in più rispetto allo stesso periodo del 2020, secondo i dati di Independent Commodity Intelligence Services.

I produttori di vetro devono mantenere i loro forni in funzione continuamente a causa delle alte temperature necessarie per fondere le materie prime e non possono mettere in pausa il processo senza costi significativi e danni al forno, secondo Dave Dalton, amministratore delegato della British Glass Trade Association.

“Alcune aziende hanno visto le loro bollette energetiche aumentare di quattro volte e persino di otto volte, il che significa un onere aggiuntivo di milioni di sterline al mese che semplicemente non può sostenere”, ha affermato. “Questi costi devono inevitabilmente essere trasferiti a clienti e consumatori in un momento in cui il costo della vita è già in aumento”.

Dalton ha detto che non ha ancora chiesto il salvataggio dell’industria. Ma ha affermato che il governo ha richiesto un’azione immediata “per garantire che questa situazione non continui a deteriorarsi”. I gruppi industriali chiedono al governo di contribuire a contenere i loro costi e garantire che continuino ad avere accesso all’energia.

Il direttore generale di UK Steel, Gareth Stace, ha dichiarato lunedì ai media britannici che il primo ministro aveva bisogno di “riunire i capi di gabinetto” per sbloccare lo stallo del governo e aiutare i produttori a evitare una chiusura di massa questo inverno.

Lunedì ha affermato che l’aumento dei prezzi del gas potrebbe costringere le fabbriche a chiudere per lunghi periodi, il che a sua volta danneggerebbe la produttività delle singole aziende e l’offerta di acciaio nel Regno Unito, nonché i posti di lavoro nel Regno Unito. Ha aggiunto che gli arresti possono causare danni irreparabili alle apparecchiature.

READ  La difficoltà di mining di bitcoin diminuisce dopo il crollo dell'hash in Cina

Nell’industria della ceramica, dove l’energia rappresenta un terzo dei costi di produzione, molte aziende hanno ordinato in anticipo le forniture di gas invernale, quindi non è necessario pagare subito prezzi più alti, secondo John Fletney, direttore dell’energia e dell’innovazione presso il Associazione britannica della ceramica. Ma per molti, ha detto, il prezzo del gas può ora essere circa il 65% dei costi.

“Esortiamo il governo ad adottare misure per limitare l’impatto degli alti prezzi di mercato, sia per aiutare i membri ora che durante il resto dell’inverno”, ha aggiunto.

Affari a rischio

Le aziende industriali che utilizzano enormi quantità di energia non sono le uniche a rischio. Le Camere di Commercio britanniche hanno chiesto al governo di attuare un tetto massimo del prezzo dell’energia per impedire la chiusura delle piccole imprese.

Claire Walker, co-direttore esecutivo delle Camere di commercio britanniche, ha affermato che il tetto proteggerà le piccole e medie imprese “nello stesso modo in cui protegge le famiglie e consente la produzione e il mantenimento delle normali attività commerciali con fiducia.

Lunedì ci sono state buone notizie per le aziende britanniche: avranno una fonte affidabile di anidride carbonica vitale almeno fino a gennaio.

CF Fertilizers, la società statunitense che il governo britannico ha accettato di sostenere dopo aver interrotto le operazioni nel Paese, ha dichiarato che risparmierà anidride carbonica fino a gennaio dopo aver raggiunto un accordo con i clienti.

Il gas viene utilizzato per stordire gli animali da macello, nonché negli imballaggi per prolungare la durata di conservazione di prodotti freschi, refrigerati e da forno e nella produzione di bibite. I supermercati del Regno Unito potrebbero dover affrontare carenze di carne e altri alimenti freschi senza una fornitura affidabile di gas.

READ  Kevin O'Leary afferma di voler raddoppiare le sue partecipazioni in criptovalute al 7%

Secondo una dichiarazione del governo del Regno Unito lunedì, “i fornitori di CO2 hanno accettato di pagare i fertilizzanti CF per la CO2 che producono, il che consentirà loro di continuare a operare mentre i prezzi globali del gas rimangono elevati”.

Luke McGee ha contribuito alla segnalazione.