octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La crisi energetica globale ha spinto il clima a un bivio

Tanto per combattere la crisi climatica: è la crisi energetica che ha la priorità. Non poteva arrivare in un momento più importante.

In sole tre settimane, i leader e i negoziatori per i colloqui internazionali sul clima della COP26 si riuniranno nella città scozzese di Glasgow. Lo slancio stava costruendo per fissare una scadenza per il carbone e accelerare la transizione globale dai combustibili fossili che cambiano il clima alle energie rinnovabili prima che scoppiasse la crisi.

Ma la corsa ai combustibili fossili preoccupa alcuni esperti che questo momento potrebbe rallentare quella transizione, in particolare in termini di eliminazione graduale del carbone, che ora è più conveniente che in qualsiasi altro momento della storia.

ha affermato Kristen Shearer, direttrice del programma carbone al Global Energy Monitor, che tiene traccia dell’uso di combustibili fossili in tutto il mondo.

Con l’inverno che si avvicina rapidamente e l’economia globale che si sta riprendendo dalla pandemia di Covid-19 più velocemente di quanto il mondo si stesse preparando, i governi sono costretti ad accedere a fonti di energia prontamente disponibili. L’infrastruttura esistente per sfruttare l’energia da fonti di energia rinnovabile come l’eolico e il solare non è semplicemente sufficiente per soddisfare la domanda.

“Molti decisori sono in qualche modo presi dal panico riguardo alla risposta sociale”, ha affermato Lisa Fischer, responsabile del programma presso il Centro europeo di ricerca sul clima E3G.

Ha detto che spendere più soldi per i combustibili fossili non è una soluzione e alcune soluzioni a breve termine sono contrarie agli obiettivi sostenibili a lungo termine.

La risposta migliore sarebbe il finanziamento di “turbine” per ottenere programmi di energia rinnovabile ed efficienza energetica sul campo, compreso il lancio di progetti infrastrutturali ostacolati dalla pandemia.

E c’è una dicotomia nella crisi: il mondo potrebbe “ricaricare” gli sforzi nelle energie rinnovabili o rallentarli, facendo più affidamento sui combustibili fossili, come sta accadendo ora.

caos geopolitico

Ci sono diverse ragioni per la crisi energetica, oltre alla ripresa dalla pandemia. L’energia da fonti rinnovabili è stata inferiore al previsto: nel Regno Unito e nell’Europa continentale, l’estate è stata meno ventosa del solito, quindi l’energia eolica non è stata fornita. In Cina, precipitazioni inferiori hanno significato meno energia dalle centrali idroelettriche del paese.

Inoltre, la Russia è stata accusata di aver rallentato le forniture di gas all’Europa per incoraggiare un processo di approvazione più rapido per il gasdotto Nord Stream 2 che corre sotto il Mar Baltico verso la Germania. Gazprom ha negato l’accusa alla CNN il mese scorso, ma giovedì il vice primo ministro russo Alexander Novak ha dichiarato apertamente che I prezzi del gas diminuiranno se Berlino approva il progetto.

Le autorità cinesi hanno tenuto per mesi montagne di carbone importato dall’Australia nelle banchine, rifiutandosi di mostrare all’Australia che sono pronte a prendere le sue esportazioni mentre i due paesi rimangono freddi sulle richieste di Canberra per un’indagine sulle origini del Covid-19. Ciò ha aumentato la carenza di energia nel paese.

I media statali hanno riferito che i funzionari cinesi il mese scorso hanno chiesto alle aziende nei parchi industriali del paese di ridurre il consumo di energia per ridurre la domanda di energia. Alcune contee hanno subito interruzioni di corrente domestica a causa dell’interruzione delle forniture. Ma con la crescente crisi e la crescente domanda globale di beni cinesi, Pechino ha cambiato rotta, dicendo ai minatori di carbone Per aggiungere 100 milioni di tonnellate alla produzioneLo hanno riferito i media statali giovedì.

La Cina stava già aumentando la sua resa economica con dozzine di nuove centrali a carbone, ma il recente aumento della produzione è un problema per la COP26: la Cina stava appena iniziando a mostrare segni di voler svolgere un ruolo nella fissazione della data di fine del fossile. carburante.

Solo due settimane fa, il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato che il suo paese lo avrebbe fatto Smetti di finanziare progetti di carbone all’estero, rimuovendo il più grande finanziatore mondiale di combustibili fossili. Tuttavia, da allora ho subito pressioni per fare di più per sbarazzarmi del carbone in casa.
La Cina ha detto che intende Le sue emissioni raggiungono il picco prima del 2030 e raggiungono la neutralità carbonica entro il 2060. Ma la baldoria delle centrali a carbone e l’aumento della produzione rendono questo obiettivo più difficile da immaginare.

Divisione europea

La Cina non è sola. Di fronte a questa crisi, i leader europei indicano la difficoltà di abbandonare i combustibili fossili.

READ  La carenza di elettricità in Cina colpisce case e fabbriche, aumentando i timori per l'offerta globale | Cina

Il mese scorso, il Regno Unito ha lanciato una vecchia centrale a carbone per soddisfare la domanda di elettricità. Alcuni paesi dell’Unione Europea stanno considerando di mantenere aperti gli impianti di combustione di carbone e petrolio dopo le date di chiusura per evitare blackout simili.

È un duro colpo per i grandi guadagni che l’Europa ha registrato lo scorso anno, quando Per la prima volta le fonti energetiche rinnovabili hanno generato più elettricità dei combustibili fossili. Nel 2020, il 38% dell’elettricità sarà fornito da energie rinnovabili, rispetto al 37% da combustibili fossili.

Ha anche causato una spaccatura nel Parlamento dell’Unione Europea, dove i bivi climatici sono evidenti ogni giorno. Di fronte a una crisi urgente, alcuni leader affermano che senza un efficace piano d’azione a breve termine per contrastare l’aumento delle bollette energetiche per i consumatori, il Green Deal dell’UE perderà sostegno.

La crisi del gas in Europa è anche una crisi delle rinnovabili, ma ci sono soluzioni già pronte
Il primo ministro ungherese Viktor Orban guida quel campo, Dai la colpa ai “burocrati di Bruxelles” Aumentare costantemente i prezzi dell’energia dai combustibili fossili.

D’altra parte, Kadri Simsun, commissario europeo per l’energia, ha affermato che il Green Deal fornirà “l’unica soluzione permanente alla sfida energetica dell’Europa” e che più energie rinnovabili e una migliore efficienza energetica sono la soluzione.

“Dobbiamo affermare che l’attuale aumento dei prezzi ha poco a che fare con le nostre politiche climatiche e ha molto a che fare con la nostra dipendenza dai combustibili fossili importati e dai relativi prezzi”, ha detto Simpson mercoledì.

“Eolico e solare hanno continuato a generare l’elettricità più economica in Europa negli ultimi mesi. Non sono esposti alle fluttuazioni dei prezzi”.

L’impatto del knockout negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti si sta preparando una crisi per i prezzi elevati della benzina, un problema legato al più ampio problema energetico. Alcuni paesi che lottano per ottenere abbastanza gas naturale si stanno rivolgendo al petrolio per colmare il divario nella loro fornitura di energia.

READ  Futures Dow: il rally del mercato continua a crescere davanti al presidente della Fed Powell; Salesforce guida 4 driver di profitto nelle regioni acquirenti

Ad agosto, Biden ha presentato una petizione all’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio – un blocco dei principali paesi produttori di petrolio e dei loro alleati – per aumentare la produzione globale di petrolio dopo l’aumento dei prezzi della benzina, poiché un eccesso di offerta ammorbidirebbe i prezzi alla pompa.

I prezzi del gas sono ai massimi da 7 anni e Biden non può farci molto
Non ha funzionato – L’OPEC+ ha detto lunedì che avrebbe funzionato Basta aggiungere l’offerta gradualmente al mercato. Ad ogni modo, le richieste di Biden per più petrolio sono contrarie alla sua agenda climatica, che include il potenziamento del mercato delle auto elettriche del paese.
secondo Agenzia Internazionale dell’Energia, per raggiungere lo zero netto entro il 2050 – quando non verranno emessi più gas serra di quelli rimossi dall’atmosfera – il mondo deve smettere di espandere la produzione di combustibili fossili.
Ma alcuni esperti sperano che i leader scelgano il percorso più difficile ma più vantaggioso nella COP26. Mentre il Regno Unito torna all’uso del carbone a breve termine, giovedì il Dipartimento per le imprese, l’energia e la strategia industriale ha annunciato piani per Completa decarbonizzazione del settore elettrico 15 anni fa rispetto a quanto precedentemente pianificato.

“Entrando nella conferenza sul clima, lo sfondo mostra i gravi impatti della dipendenza dai combustibili fossili – penso che potrebbe essere sufficiente per spingere alcuni paesi a porre fine al raddoppio delle energie rinnovabili”, ha affermato Charles Moore. Direttore del programma europeo presso il Centro di ricerca sul clima Ember.

“Penso che il Regno Unito sia un ottimo esempio. Il Regno Unito è appena uscito e si è impegnato a decarbonizzare completamente il sistema elettrico entro il 2035”, ha affermato.

READ  Didi, Netflix, MongoDB, PagerDuty e altro

“Questo è dell’ospite della conferenza sul clima”.

Angela Dewan della CNN ha contribuito a questo rapporto.