octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La crisi energetica cinese colpisce le fabbriche mentre la lobby del carbone avverte che i problemi potrebbero protrarsi fino all’inverno

Shenyang, Cina (Reuters) – Le piccole aziende bloccate nella prolungata crisi energetica cinese si stanno rivolgendo ai generatori diesel o semplicemente stanno chiudendo, poiché i funzionari dell’industria del carbone hanno espresso preoccupazione per le scorte in vista dell’inverno e per la contrazione della produzione mondiale. 2 economia.

Pechino si sforza di portare più carbone alle strutture per ripristinare l’approvvigionamento mentre il nord-est è in difficoltà Il peggior blackout degli ultimi anni, in particolare le tre province di Liaoning, Heilongjiang e Jilin, che ospitano quasi 100 milioni di persone.

Gao Lai, che gestisce un servizio di lavanderia industriale a Shenyang, la capitale del Liaoning, ha detto che stava perdendo soldi dopo che una crisi elettrica lo ha costretto ad affittare un generatore diesel.

“Possiamo prenderlo solo per quattro giorni, ma se è per un periodo più lungo, i costi sono alti, quindi non possiamo sopravvivere”, ha detto a Reuters.

“Siamo pronti a farlo funzionare perché il Paese ne ha bisogno, ma se i vincoli energetici persistono a lungo termine, dobbiamo pensare a una via d’uscita”.

Le restrizioni sono state causate da una carenza di carbone, che alimenta circa i due terzi dell’energia prodotta dalla Cina.

I futures sul carbone termico hanno chiuso in rialzo del 4,2% sullo Zhengzhou Commodity Exchange giovedì dopo aver raggiunto il massimo storico di 1.408 yuan (218 dollari) per tonnellata.

Il contratto è aumentato del 96% nel periodo luglio-settembre a causa dell’offerta ridotta e della forte domanda, il più grande balzo trimestrale dal primo trimestre del 2017, spingendo lo scambio ad adottare limiti di negoziazione.

I dati ufficiali hanno mostrato separatamente l’attività di fabbrica in Cina contratto a settembre Per la prima volta da febbraio 2020. Leggi di più

READ  Tesla mira ad avviare la produzione della Model Y presso la Gigafactory di Berlino ad ottobre, in attesa dell'approvazione del governo

Dalla scorsa settimana, più di 100 aziende, dai produttori di componenti elettronici ai cercatori d’oro, hanno notificato ai mercati azionari di sospendere la produzione. Tuttavia, alcuni hanno affermato di aver ripreso la produzione negli ultimi due giorni.

Le pressioni arrivano quando la China Coal Industry Association ha avvertito di “non essere ottimista” sulle forniture in vista dell’inverno, la stagione di punta per la domanda, e ha aggiunto che le scorte di centrali elettriche sono ora “chiaramente basse”.

Ha esortato le aziende a “non risparmiare sforzi” per aumentare l’offerta e concentrarsi sulle vendite ai piccoli consumatori ad alta energia che non hanno firmato contratti di fornitura a lungo termine.

Sebbene la produzione di carbone abbia raggiunto un record ad agosto, gli analisti della banca d’investimento cinese CICC hanno affermato che la recente ondata di incidenti nelle miniere ha reso i regolatori più cauti nell’approvare espansioni della produzione.

Hanno affermato che le importazioni, che sono diminuite del 10,3% rispetto all’anno nel periodo gennaio-agosto, difficilmente aumenteranno in modo significativo durante il resto del 2021 e che una maggiore produzione nazionale dovrebbe essere “liberata”.

Passa al diesel

A Shenyang, i lavoratori di uno stabilimento di componenti in acciaio che è stato chiuso negli ultimi giorni hanno dichiarato di non aver ancora affittato un generatore, ma potrebbero farlo se il razionamento dovesse continuare.

Chae Junwang, direttore di una società che noleggia generatori diesel, ha affermato che la vivace attività commerciale degli ultimi giorni ha raddoppiato i prezzi.

“C’è una scorta molto limitata”, ha detto, ma ha aggiunto che non si aspettava che la situazione continuasse, poiché la maggior parte delle piccole fabbriche che utilizzavano i suoi generatori stavano perdendo denaro.

READ  Il capo analista delle materie prime di Goldman Sachs ritiene che il rame sia un'alternativa alle criptovalute

Il governo ha affermato che la sua priorità sarebbe quella di garantire l’approvvigionamento energetico e di riscaldamento domestico durante l’inverno, poiché la società energetica statale Sinopec si è impegnata ad aumentare le importazioni di gas naturale liquefatto. Per saperne di più

Ma gli analisti di Citi hanno affermato in una nota che si aspettano che la carenza di elettricità persista al culmine della stagione di riscaldamento invernale, per lo più a carbone.

Gli esperti stanno spingendo per riforme fondamentali del sistema energetico cinese.

Zhang Poting dell’Industry Research Group, China Society of Hydropower Engineering, ha affermato che la crisi non è dovuta alla mancanza di forniture ma a un sistema di rete inflessibile.

“La soluzione … dipende non solo dall’aumento della capacità di generazione di energia, ma dal rafforzamento della capacità della rete di regolare i picchi e risolvere gravi discrepanze tra carichi energetici e alimentatori”, ha affermato sul sito web del gruppo.

(dollaro = 6,46107 yuan cinese)

Segnalazioni aggiuntive di Gabriel Crossley a Shenyang e Shivani Singh a Pechino; Segnalazioni aggiuntive di Min Zhang a Pechino, Brenda Goh e David Stanway a Shanghai, Aizu Chen a Singapore e Tom Daly; Montaggio di Clarence Fernandez

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.