septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La crisi delle spedizioni sta peggiorando. Ecco cosa significa per lo shopping natalizio

“Le pressioni sulle catene di approvvigionamento globali non sono diminuite e non prevediamo che accada presto”, ha affermato Bob Besterfield, CEO di CH Robinson, una delle più grandi società di logistica del mondo.

La chiusura parziale del terzo porto per container più trafficato del mondo ha interrotto altri porti in Cina, espandendo le catene di approvvigionamento che stavano già lottando con i recenti problemi nel porto di Yantian, la carenza di container in corso, la chiusura delle fabbriche legate al coronavirus in Vietnam e effetti persistenti Il blocco del Canale di Suez a marzo.

Le compagnie di navigazione si aspettano che la crisi globale continui. Ciò aumenta notevolmente il costo del trasporto delle merci e può esercitare pressioni al rialzo sui prezzi al consumo.

“Attualmente prevediamo che la situazione del mercato diminuirà non prima del primo trimestre del 2022”, ha dichiarato in una recente dichiarazione il CEO di Hapag-Lloyd, Rolf Haben Janssen.

Il costo della spedizione di merci dalla Cina al Nord America e all’Europa ha continuato ad aumentare negli ultimi mesi, dopo essere aumentato notevolmente all’inizio dell’anno, secondo i dati della Drewry Shipping con sede a Londra.

Il Global Container Index della società mostra che il costo combinato della spedizione di un container da 40 piedi su otto principali rotte est-ovest è stato di $ 9.613 nella settimana terminata il 19 agosto, in crescita del 360% rispetto allo scorso anno.

Il più grande salto di prezzo è stato da Shanghai a Rotterdam nei Paesi Bassi, dove il costo di un container da 40 piedi è aumentato del 659% a $ 13.698. Anche i prezzi per la spedizione di container sulle rotte da Shanghai a Los Angeles e New York sono aumentati.

“Le attuali tariffe di trasporto storicamente elevate sono dovute al fatto che c’è una domanda insoddisfatta”, ha dichiarato Soren Sko, CEO del gigante del trasporto di container Maersk, durante la chiamata sugli utili di questo mese. “Semplicemente non c’è abbastanza capacità”, ha aggiunto.

congestione nel porto

La chiusura del terminal di Ningbo si aggiungerà alle strozzature derivanti dalla chiusura del porto di Yantian a giugno, a circa 50 miglia a nord di Hong Kong, dopo che sono state scoperte infezioni da coronavirus tra i lavoratori portuali.

READ  Futures Dow: il mercato sale a nuovi massimi con la scadenza degli utili di Apple; Detenere o vendere azioni Tesla?

Mentre la riapertura parziale di Yantian ha richiesto solo pochi giorni, il ritorno ai normali servizi ha richiesto quasi un mese, secondo S&P Global Market Intelligence Panjiva, poiché la congestione si è diffusa ad altri porti.

Questo sta creando problemi per i rivenditori e le società di beni di consumo che cercano di rifornire le scorte mentre si avvicina la stagione cruciale dello shopping natalizio di fine anno. “La chiusura a Ningbo ora è particolarmente sensibile in quanto potrebbe ostacolare le esportazioni per l’alta stagione per la consegna negli Stati Uniti e in Europa, che in genere va da settembre a novembre”, ha affermato S&P Global Panjiva in una nota di ricerca il 12 agosto.

La Drewry Shipping ha detto venerdì che la congestione nei porti vicini di Shanghai e Hong Kong sta “aumentando” e si sta diffondendo altrove in Asia, così come in Europa e Nord America, “in particolare la costa occidentale” degli Stati Uniti.

Circa 36 navi portacontainer sono attraccate nei vicini porti di Los Angeles e Long Beach, secondo un rapporto del Marine Exchange of Southern California.

Questo è il numero più alto da febbraio, quando 40 navi portacontainer stavano aspettando di entrare. Normalmente, ci sarà solo una nave portacontainer o nessuna nave portacontainer nell’ormeggio, secondo lo scambio marittimo.

La congestione in California iniziò a diffondersi “praticamente in tutti i porti del mondo”. [United States]Secondo Biesterfeld di CH Robinson. “Le probabilità che la tua nave arrivi in ​​tempo sono circa il 40%, quando era l’80% in questo periodo l’anno scorso”, ha detto alla CNN Business.

Le navi portacontainer si trovano nell'Oceano Pacifico fuori dal porto di Long Beach, in California, l'11 agosto 2021.
L’accumulo di porti avrà un effetto a catena su magazzini affollati, strade estese e capacità ferroviaria. Le reti logistiche funzionano a pieno regime da mesi, grazie alla domanda guidata dagli stimoli guidati dai consumatori americani e dalla ripresa del settore manifatturiero. Carenza di camionisti solo negli Stati Uniti e nel Regno Unito Esacerbazione delle interruzioni della fornitura.

Le importazioni statunitensi di marzo e maggio hanno superato i livelli osservati nell’ottobre 2020, di solito il picco della stagione delle spedizioni, ha affermato Eric Oak, analista di ricerca sulla catena di approvvigionamento presso S&P Global Panjiva.

READ  I decessi per Covid-19 quest'anno hanno già superato il bilancio del 2020

“Ciò significa che le strutture logistiche si sono esaurite per la maggior parte dell’estate”, ha aggiunto.

Non sono solo i porti ad essere sotto pressione. Gli aerostazioni stanno ricevendo volumi sempre più grandi di merci poiché le aziende ricorrono a metodi alternativi di trasporto delle loro merci. Secondo Bisterfield, in alcuni grandi aeroporti statunitensi come Chicago, ci sono ritardi fino a due settimane per richiedere la spedizione delle merci.

Gli sforzi per contenere l’epidemia di Covid-19 hanno recentemente interrotto il traffico negli aeroporti di Shanghai Pudong e Nanjing in Cina.

I rivenditori si stanno preparando per l’impatto

“Nomina qualsiasi cosa e sembra che ci sia una carenza da qualche parte”, ha aggiunto Bisterfield. “I rivenditori stanno lottando per rifornire l’inventario con la stessa rapidità con cui stanno vendendo, per non parlare dei preparativi per l’ordine delle vacanze”.

Le catene di approvvigionamento sono state discusse in quasi i due terzi delle 7.000 richieste di utili aziendali a livello globale a luglio, rispetto al 59% dello stesso mese dello scorso anno, secondo un’analisi di S&P Global Panjiva.

I produttori di beni di consumo stanno adottando misure drastiche per soddisfare la domanda, come cambiare il luogo in cui vengono realizzati i prodotti e trasportarli in aereo anziché in barca, ma aziende come il calzolaio Steve Madden (che cosa) Dicono che stanno già perdendo delle vendite perché semplicemente non hanno abbastanza merce.

L’azienda ha spostato metà della produzione della sua collezione donna in Messico e Brasile dalla Cina nel tentativo di ridurre i tempi di consegna.

I rivenditori chiedono a Biden di risolvere la congestione portuale che ha capovolto le catene di approvvigionamento

“In termini di catena di approvvigionamento… possiamo parlarne tutto il giorno. Ci sono sfide in tutto il mondo”, ha detto il mese scorso il CEO Edward Rosenfeld in una chiamata agli utili. “C’è congestione nei porti, sia negli Stati Uniti che in Cina. Ci sono focolai di Covid nelle fabbriche. Ci sono difficoltà nel trovare i container. Possiamo continuare”.

È uno dei tanti importanti marchi di abbigliamento che sono stati colpiti dalla chiusura di fabbriche in Vietnam nell’ultimo mese. I dati di S&P Global Panjiva mostrano che quasi il 40% del volume delle merci importate negli Stati Uniti via mare nei 12 mesi fino a luglio proveniva dal paese del sud-est asiatico.

READ  Quasi 2.000 dipendenti attuali ed ex Activision Blizzard firmano una petizione per sostenere una causa contro l'azienda

Il CEO di Adidas Kasper Rorsted ha affermato che la società di abbigliamento sportivo non sarà in grado di soddisfare pienamente la “forte domanda” per i suoi prodotti nella seconda metà dell’anno a causa della chiusura, nonostante abbia spostato la produzione in altre regioni.

Le difficoltà della catena di approvvigionamento sono state “pionieristiche” [to] Ritardi significativi e costi logistici aggiuntivi, soprattutto perché utilizziamo maggiormente il trasporto aereo”.

Il CEO di Crocs, Andrew Reese, ha affermato che i tempi di transito dall’Asia alla maggior parte dei principali mercati dell’azienda sono il doppio di quelli che sono stati storicamente. “Questo è stato il caso per un po’ di tempo, e ci aspettiamo [to] Vivi con questo”, ha detto agli investitori il mese scorso.

Un enorme arretrato nei porti cinesi potrebbe rovinare lo shopping natalizio quest'anno

Per garantire la disponibilità dei prodotti durante le festività natalizie, Hasbro, che produce Monopoly e My Little Pony, ha affermato che sta aumentando il numero di corrieri con cui lavora, utilizzando più porti per accelerare le consegne e ottenere più prodotti in anticipo da più paesi.

Per i consumatori, una crisi della catena di approvvigionamento significherà probabilmente prezzi più alti. Hasbro, ad esempio, sta aumentando i prezzi per compensare i maggiori costi di trasporto e merci. La società prevede che le spese di trasporto marittimo saranno in media quattro volte superiori quest’anno rispetto allo scorso anno, secondo il direttore finanziario Deborah Thomas.

Gli acquirenti devono anche prepararsi per tempi di consegna più lunghi del normale e potrebbero aver bisogno di molte idee regalo diverse nella manica.

“Come prevediamo da mesi, gli acquirenti vedranno alcuni scaffali nudi durante le vacanze”, ha detto Besterfield. “E se acquisti la maggior parte dei regali online, fallo in anticipo. Il tempo di consegna potrebbe essere dalle quattro alle sei settimane”.