enero 22, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La crisi della valuta turca è peggiorata dopo l’ultimo taglio dei tassi di interesse di Erdogan

Una grande immagine stampata di banconote in lire turche in un negozio di cambio valuta nella città di Idlib, in Siria, detenuta dall’opposizione, 5 dicembre 2021. La foto è stata scattata il 5 dicembre 2021. REUTERS/Khalil Ashawi

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

  • Quest’anno il dollaro è cresciuto del 129% rispetto alla lira
  • Ha tagliato i tassi di interesse di 500 punti da settembre, nonostante l’inflazione del 21 percento
  • I segnali della banca centrale si interrompono nel ciclo di taglio dei tassi
  • L’aumento del salario minimo del 50% aggiunge fino a 10 punti all’inflazione

ISTANBUL (Reuters) – La crisi valutaria della Turchia ha accelerato venerdì, con la lira in calo dell’8 per cento tra i timori di una spirale inflazionistica causata dal piano non convenzionale del presidente Recep Tayyip Erdogan di tagliare i tassi di interesse a fronte dell’aumento dei prezzi.

I leader aziendali hanno espresso rare critiche pubbliche alle politiche economiche. Il capo della Camera dell’Industria di Istanbul si è detto «sorpreso» nel vedere la banca centrale tagliare i tassi di interesse e poi vendere le riserve valutarie per sostenere la lira il giorno successivo.

La lira ha toccato un nuovo minimo record di 17,0705 per dollaro, spingendo l’intervento diretto della banca centrale sul mercato, il quinto tentativo di questo mese per affrontare quelli che ha definito prezzi «malsani».

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

La vendita di dollari della banca ha ridotto parte delle perdite della lira e si è attestata alle 16:71 alle 1427 GMT. A quel livello, quest’anno stava ancora perdendo il 55% del suo valore, incluso il 37% negli ultimi 30 giorni, il che sta causando serie preoccupazioni nella grande economia di mercato emergente.

READ  La Tesla Model X aggiornata con interni fantastici viene consegnata ai clienti [video]

«Le turbolenze nei mercati e il livello dei tassi di cambio preoccupano molte aziende e hanno un impatto negativo su di esse», ha dichiarato su Twitter Rifat Hisarcıklıoğlu, capo della Federazione delle Camere e delle Borse della Turchia.

Hisarcıklıoğlu ha chiesto l’adozione di «misure urgenti» per garantire la stabilità e la prevedibilità dei mercati.

La decisione di Erdogan di andare avanti con 500 punti base di allentamento monetario da settembre, compreso un altro grosso taglio giovedì, ha spinto l’inflazione sopra il 21%. Gli economisti dicono che è probabile che supererà il 30% l’anno prossimo a causa dell’inflazione dei prezzi all’importazione e di un aumento di emergenza del salario minimo.

«Con Erdogan apparentemente radicato nella sua posizione anti-tasso, più a lungo continua la crisi valutaria, la Turchia potrebbe essere oltre il punto di non ritorno», ha detto Patrick Curran di Tellimer, descrivendo la lira come completamente distaccata dai fondamentali.

Gli effetti di ricaduta furono rapidi e dolorosi mentre i turchi vedevano svanire i loro risparmi e profitti.

Erdogan ha annunciato di aumentare il salario minimo del 50% a 4.250 lire (275 dollari) al mese l’anno prossimo. Tuttavia, si prevede che ciò aumenterà l’inflazione complessiva dei prezzi al consumo di 3,5-10 punti percentuali.

L’aumento colpisce circa sei milioni di lavoratori, ma visto il forte deprezzamento della lira, il nuovo salario minimo resta al di sotto dei 380 dollari dell’anno precedente. Per saperne di più

«Riteniamo che l’attuale mix di politiche sia fondamentalmente insostenibile», ha dichiarato in un webcast Maxim Rybnikov, direttore dei rating sovrani per Europa, Medio Oriente e Africa presso S&P Global Ratings.

Rivalutare il quadro politico?

READ  Coca-Cola acquista il pieno controllo di Bodyarmor per 5,6 miliardi di dollari

Il rapido crollo del mercato ha superato la crisi valutaria turca del 2018, che ha innescato una recessione profonda ma di breve durata.

Anche la lira è scesa del 51% contro l’euro e del 54% contro la sterlina quest’anno, mentre il rendimento a 10 anni di riferimento del paese è quasi raddoppiato al 22,5%. Per saperne di più

Secondo Tradeweb, venerdì i titoli di Stato a lungo termine denominati in dollari sono scesi fino a 2 centesimi. Gli spread sui titoli del Tesoro USA sono aumentati a 590 punti base sull’indice JPMorgan EMBI (.JPMEGDTURR).

Un taglio del tasso di interesse di 100 punti base da parte della banca centrale giovedì ha spinto il tasso di interesse reale della Turchia ancora più in territorio negativo. Per saperne di più

La banca ha indicato che sospenderà il ciclo di allentamento per monitorarne gli effetti nei prossimi tre mesi, quando «tutti gli aspetti del quadro politico saranno rivalutati al fine di creare una base per una stabilità sostenibile dei prezzi», ha affermato.

«Forse questo significa che altri canali di tasso di interesse potrebbero essere presi in considerazione», ha detto Rybnikov. In passato, la banca centrale utilizzava il corridoio dei tassi di interesse per fissare i tassi.

Rybnikov ha aggiunto che se il ciclo di riduzione dei tassi continua, il potenziale per i controlli sui capitali potrebbe aumentare. «Questa non è la nostra linea di fondo… Riteniamo che come misura politica, sarà utilizzata come ultima risorsa».

La banca centrale è sotto pressione da parte di Erdogan per tagliare i tassi di interesse per stimolare la crescita economica, i prestiti e le esportazioni come parte del suo nuovo piano economico. Gli economisti e i legislatori dell’opposizione hanno ampiamente criticato la politica come avventata.

READ  Futures Dow: il rally del mercato offre un supporto importante; Apple e Qualcomm guidano 5 titoli vicino al punto di acquisto

Sebbene Erdogan abbia respinto le richieste anche dall’interno del suo governo di invertire la rotta, i commercianti si aspettano che ciò accada presto.

JPMorgan prevede un massiccio aumento di 12 punti percentuali dei tassi di interesse per il prossimo anno, molto più di qualsiasi altro competitor turco.

Indice azionario della società BIST100 (.XU100) E l’indice bancario (.XBANK) È sceso rispettivamente dell’8,24% e dell’8,6%, il che ha portato a interruttori di circuito a livello di indice che hanno interrotto temporaneamente le negoziazioni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Segnalazione aggiuntiva di Karen Stroecker a Londra. Montaggio di Anna Nicholas Da Costa, Jonathan Spicer e Kirsten Donovan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.