enero 21, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La crisi della lira turca colpisce Idlib, Siria | Notizie di economia e commercio

Jamil Barakat afferma che non è stato affatto facile vivere nella città siriana nordoccidentale di Idlib. Ma la crisi della lira turca della porta accanto e l’aumento dell’inflazione hanno reso la gestione della sua piccola impresa un incubo.

«I prezzi dei prodotti cambiano ogni giorno e i clienti sono increduli», ha detto Barakat ad Al Jazeera. «E ovviamente bisogna considerare i costi di affitto e trasporto.»

La lira turca è precipitata rispetto al dollaro USA all’inizio di questa settimana a un minimo storico, poiché il presidente Recep Tayyip Erdogan ha difeso tagli drastici dei tassi di interesse. Nell’ultimo anno, la valuta turca Perduto Circa il 40 percento del suo valore e l’inflazione è vicina al 20 percento.

La crisi finanziaria della Turchia si è diffusa a Idlib, detenuta dall’opposizione, nella vicina Siria, che ha adottato la valuta turca più di un anno fa. Circa 4,4 milioni di persone vivono a Idlib, di cui circa la metà sono sfollati interni.

«Non si tratta solo delle relazioni monetarie con la Turchia, ma anche delle relazioni commerciali», ha detto ad Al Jazeera Karam Shaar, direttore della ricerca presso il Centro siriano per la ricerca, le operazioni e la politica. Bab al-Hawa, il più importante valico di frontiera con la Turchia, è effettivamente sotto il controllo di HTS. [Hayet Tahrir al-Sham]. «

«Qui tutto è importato», dice Barakat, indicando tutta la sua frutta e verdura. «Abbiamo frutteti o frutteti qui?»

Anche Muhammed al-Ahmad sta lottando per mantenere in funzione la sua panetteria, con i prezzi della farina e del carburante alle stelle, tutti provenienti dalla Turchia.

«A questo ritmo, produrre un fascio di pane costerebbe tre lire (0,24 dollari), ma non abbiamo altra scelta che continuare a venderlo a 2,5», afferma Al-Ahmad. «Dovremo lavorare in perdita, ma come faranno le persone a sopportarlo?»

READ  L'edilizia abitativa negli Stati Uniti inizia ad accelerare, i permessi di costruzione sono scesi al livello più basso in otto mesi
A Idlib vivono circa 4,4 milioni di persone, di cui circa la metà sono sfollati interni [Ali Haj Suleiman/Al Jazeera]

Al-Ahmad afferma che i costi del grano e del carburante a livello internazionale sono in aumento, quindi la crisi finanziaria turca sta gravando su di lui e su una dozzina di dipendenti. «Voglio dire, puoi vedere anche in Libano che hanno anche la loro crisi del grano e del carburante».

Shaar afferma che i siriani a Idlib faranno fatica a gestire gli shock dei prezzi, soprattutto perché la sua debole economia dipende fortemente dagli aiuti internazionali per la sussistenza.

«Quando la valuta turca diminuisce di valore, i prezzi si adeguano rapidamente», spiega. “Ma poiché i salari sono fissi e ci vuole più tempo per adeguarsi, le persone non possono più acquistare beni”.

Molte persone prendono in prestito denaro per acquistare generi alimentari o chiedono ai proprietari di negozi come Fred Mahlol se possono rimborsarli in seguito.

«Ogni giorno è qualcosa di nuovo, la lira va su e giù ed è difficile valutare correttamente le cose», ha detto Muhalil ad Al Jazeera. “Quando i clienti non possono pagarci in tempo, operiamo in perdita maggiore perché il valore della lira continua a diminuire”.

‘molto difficile’

Mahlul dice che fa tutto il possibile per mantenere la sua attività in un piccolo negozio di alimentari a Idlib. «È molto difficile.»

Fa molto male alle famiglie. Molti che già lavorano molte ore per pochi soldi non sono ora in grado di garantire le necessità di base della sopravvivenza.

Fakhri Bitar è fuggito da Homs devastato dalla guerra per Idlib otto anni fa, e il tassista non riesce a credere al basso valore di ciò che guadagna. «Finisci per lavorare per il tuo reddito, e una volta che hai finito, la lira sale improvvisamente», ha detto ad Al Jazeera. «Tutto quello per cui ho lavorato è stato speso quasi interamente in affitto.»

READ  Il prossimo prodotto hardware di Facebook saranno gli occhiali "intelligenti" di Ray-Ban

Bitar afferma di aver dovuto tagliare i costi per i beni di prima necessità per i suoi tre figli, come latte e pannolini. «Il prezzo dei pannolini è raddoppiato, quindi abbiamo comprato quelli di scarsa qualità che irritano la pelle dei miei figli», dice.

D’ora in poi, i siriani di Idlib sono più preoccupati che mai per l’inverno di quest’anno.

La crisi della lira turca è alle porte e la massiccia inflazione rende difficile la vita a Idlib [Ali Haj Suleiman/Al Jazeera]

I residenti hanno detto ad Al Jazeera che gli aiuti invernali sono diminuiti drasticamente e che la crisi della lira turca potrebbe essere un colpo decisivo.

Barakat non è stato in grado di acquistare combustibile per il riscaldamento quest’inverno. Il suo reddito da solo non bastava a coprire altre spese, ormai era fuori portata.

«Abbiamo venduto l’anello di fidanzamento di mia moglie per pagare questo mese», dice mentre riordina ansiosamente i suoi prodotti. «Quindi non abbiamo potuto comprare nulla per l’inverno perché il carburante è molto costoso».

Ma dice che i suoi fardelli sono molto meno stressanti di altri.

«Non ho figli, grazie a Dio», dice con una risata.

Ma Bitar dice di temere per la salute dei suoi figli poiché la sua famiglia si aspetta una dura stagione invernale.

«Non abbiamo nemmeno pensato di installare un riscaldamento», dice il tassista. «I miei figli si stanno già ammalando a causa del freddo e non posso permettermi un trattamento adeguato per loro».

Karim Chehayeb riferisce da Beirut, Libano. Ali Hajj Suleiman ha risposto da Idlib, Siria