octubre 22, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La corsa alle elezioni in Germania è troppo vicina mentre il vantaggio dell’SPD si riduce

I lavoratori edili posizionano una barricata davanti al manifesto della campagna elettorale del leader dell’Unione Democratica Cristiana (CDU) e candidato Cancelliere Armin Laschet.

John McDougall | AFP | Getty Images

A pochi giorni dal voto dei tedeschi alle elezioni federali di domenica, l’ultimo sondaggio di opinione mostra che il divario si sta riducendo tra i due principali contendenti.

Mentre il Partito socialdemocratico tedesco è ancora in vantaggio, un nuovo sondaggio dell’Ensa per il quotidiano tedesco Bild rileva che il divario si sta riducendo. I socialdemocratici ora guidano il partito conservatore di soli tre punti percentuali.

Il Partito socialdemocratico di centro-sinistra (SPD) ha visto un enorme aumento di popolarità da agosto, con il candidato del partito alla cancelliera, Olaf Schulz, che ha ottenuto buoni risultati durante la campagna elettorale. E il manifesto del partito – che include politiche fiscali e sociali di sinistra, una posizione pro-UE e regole flessibili per il freno all’indebitamento – ha fatto appello agli elettori che vogliono cambiare lo status quo quando la Merkel lascerà l’incarico.

Il sondaggio ha mostrato che la SPD ha vinto il 25% dei voti, rispetto al 22% dell’Unione Cristiano Democratica e dell’Unione Cristiano Sociale (CDU/CSU), il partito al governo della cancelliera uscente Angela Merkel, seguita dai Verdi con il 15%. partito.

Indica che le elezioni sono molto vicine alla convocazione, sebbene gli elettori tedeschi abbiano tendenzialmente favorito la stabilità nelle precedenti elezioni, il che significa che il vantaggio dell’SPD può essere annullato quando si tratta del giorno delle elezioni.

Tuttavia, Schulz della SPD – un politico esperto che è attualmente ministro delle finanze e vice-cancelliere – sembra essere più popolare tra il pubblico rispetto al suo rivale CDU/CSU, che è stato scelto per succedere alla Merkel all’inizio di quest’anno.

READ  Il narratore dei video dell'ISIS è volato negli Stati Uniti per affrontare l'accusa di terrorismo

il dibattito vince

Tre dibattiti televisivi tra i principali candidati Schulz e Lachette e la candidata del Partito dei Verdi Annalena Barbock hanno visto il pubblico votare costantemente Schulz come il vincitore in dibattiti di ampio respiro e spesso combattivi su questioni che vanno dalla protezione del clima alla sicurezza e alla tassazione.

L’ultimo dibattito che si è svolto domenica sera non ha fatto eccezione, con Sondaggio veloce Ha messo al primo posto Scholz (con il 42% degli spettatori che la pensa così secondo un sondaggio Forsa), Laschet con il 27% e Baerbock con il 25%.

Forse un segno delle cose a venire quando si tratta di negoziati di coalizione dopo le elezioni (un partito non dovrebbe avere abbastanza seggi per governare da solo) Schulz e Birbock hanno suggerito durante la discussione che sarebbe positivo se la CDU/CDU lo fosse. Diventare un’opposizione piuttosto che parte di una nuova alleanza. Tuttavia, entrambi hanno mostrato la volontà di negoziare con tutte le parti ad eccezione dell’estrema destra Alternativa per la Germania.

Quale partito sarebbe diventato parte di quel futuro governo di coalizione aveva esperti in vista del voto poiché nessuna singola coalizione sembrava chiara e facilmente realizzabile.

Ci sono molte formazioni ternarie in discussione. Ad esempio, un’alleanza “verde-rosso-rossa” dei Verdi con l’SPD e il partito di estrema sinistra D-Link, o forse un’alleanza “a semaforo” tra l’SPD, i Verdi e l’FDP liberale.

“Il thriller su queste elezioni riguarda quanto sia stato imprevedibile nelle ultime settimane determinare chi guiderà il paese dopo le elezioni”, ha detto lunedì alla CNBC Gerlind Grottle, professore associato di politica internazionale e relazioni transatlantiche presso l’Università di Regensburg. .

“L’FDP vuole davvero essere in un governo di coalizione, ma hanno diversi divari da colmare con i socialdemocratici – sono molto distanti in materia di politica fiscale, politica sociale e così via – e abbiamo davvero due opzioni di coalizione probabilmente sul programma a partire da domenica prossima”.

La domanda, inoltre, è se l’estrema sinistra Die Linke (che ha sostenuto l’abolizione dell’alleanza militare occidentale) parteciperebbe a qualsiasi alleanza, una prospettiva che potrebbe risultare sgradevole per molti elettori tedeschi che si schierano dalla parte del centro o il centrodestra.

In effetti, Laschet, il candidato CDU/CSU, ha usato i dibattiti televisivi come un’opportunità per sollevare le preoccupazioni dell’opinione pubblica sulla possibile inclusione di D. Link in un futuro governo. Né Schulz né Barbock hanno escluso di lavorare con Die Linke, sebbene Schulz abbia affermato che qualsiasi parte di un’alleanza tedesca dovrebbe attenersi alla NATO.

Grottel ha osservato che mentre l’SPD si era spostato “completamente a sinistra”, il candidato del partito Schulz era sul lato conservatore dello spettro all’interno del partito e di nuovo ci sarebbero state più lacune da colmare prima che si potesse formare una coalizione di sinistra.

E ha predetto “negoziati difficili” in tutti i colloqui di coalizione dopo quelle elezioni, che potrebbero “andare avanti per un po’ di tempo”.