mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La città cinese di Xi’an revoca alcune restrizioni dopo la sua chiusura

La città cinese di Xi’an ha gradualmente iniziato a revocare le restrizioni dopo più di tre settimane di blocco, poiché le autorità hanno cercato di arginare un’epidemia locale prima dell’inizio delle Olimpiadi invernali di Pechino.

La CCTV di proprietà statale ha riferito domenica che alcune province e zone di sviluppo di Xi’an hanno iniziato a ripristinare la produzione.

I funzionari hanno affermato in una conferenza stampa che le misure di blocco sono state revocate parzialmente o completamente in alcune comunità classificate come meno pericolose, consentendo alle persone di lasciare le loro case per un tempo limitato per acquistare le necessità quotidiane.

La città è stata rigorosamente chiusa il 22 dicembre, dopo lo scoppio del coronavirus che i funzionari hanno attribuito alla variante delta. Xi’an, una città di 13 milioni di persone e un importante sito turistico per i popolari Guerrieri di Terracotta, ha riportato più di 2.000 infezioni da dicembre dello scorso anno.

Xi’an si trova a circa 1.000 chilometri (600 miglia) a sud-ovest di Pechino.

La Cina cerca di eliminare la trasmissione locale di varianti omicron e delta attraverso una politica «zero COVID». Diversi comuni e città della provincia meridionale del Guangdong e Pechino nei giorni scorsi hanno segnalato casi locali della variante più contagiosa dell’Omicron.

Pechino ha riportato la sua prima infezione localizzata di Omicron sabato, secondo i media statali, prima di ospitare le Olimpiadi che iniziano il 4 febbraio e circa due settimane prima dell’inizio delle celebrazioni del capodanno lunare.

La persona infetta vive e lavora nel distretto di Haidian, a nord-ovest della città, e nelle ultime due settimane non ha mai viaggiato fuori Pechino. I funzionari hanno detto in una conferenza stampa sabato che l’individuo ha manifestato sintomi giovedì ed è stato testato venerdì per COVID-19.

READ  Più di 10 feriti nel terremoto di M6.6 nel sud-ovest del Giappone

Il complesso di appartamenti e il posto di lavoro del paziente sono stati chiusi e le autorità stanno testando in massa le persone associate a entrambi i siti. Circa 2.430 persone sono state testate sabato sera, secondo il Global Times di proprietà statale.

Il Beijing Daily ha riferito domenica che la capitale richiederà ai viaggiatori di sottoporsi ai test dell’acido nucleico entro 72 ore dall’ingresso a partire dal 22 gennaio. Anche alcune scuole di Pechino hanno chiuso presto e hanno spostato le lezioni online prima della pausa invernale.

Il tempio ha detto domenica che anche il Tempio dei Lama di Pechino, un popolare luogo turistico, sarà chiuso da lunedì come parte degli sforzi antiepidemici.

I funzionari di tutto il paese hanno anche esortato i residenti a rimanere nelle loro città per il nuovo anno, piuttosto che tornare nelle loro città natale.

La Cina ha segnalato 119 nuovi casi sabato, di cui 65 locali. Il Paese ha registrato 104.864 contagi dall’inizio dell’epidemia.

___

Questa storia è stata corretta per rimuovere la menzione di Xi’an e Shanghai tra i luoghi con casi di omicron locali.