enero 26, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La cinese Kaisa non ottiene l’approvazione degli obbligazionisti per l’estensione della scadenza, rischia l’insolvenza

Un cartello su Kaisa Plaza, una proprietà immobiliare sviluppata da Kaisa Group Holdings, è visibile vicino al condominio a Pechino, Cina, 1 dicembre 2021. REUTERS/Tingshu Wang

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

  • Obbligazioni Kaisa del valore di 400 milioni di dollari e del 6,5% in scadenza il 7 dicembre
  • Kaisa sta ancora esaminando la vendita di asset, l’estensione del debito
  • Periodo di grazia di 30 giorni di Evergrande per coupon mancati 6 dicembre

3 dicembre (Reuters) – Lo sviluppatore immobiliare cinese Kaisa Group Holdings Ltd (1638.HK) Venerdì, ha affermato di non essere riuscita a ottenere l’approvazione minima del 95% necessaria da parte degli obbligazionisti esteri per estendere la scadenza dell’obbligazione da 400 milioni di dollari in scadenza la prossima settimana, aumentando il rischio di default.

Con il settore immobiliare cinese sottoposto a una pressione di liquidità senza precedenti, Kaisa ora affronta la possibilità di insolvenza sul suo bond offshore del 6,5% in scadenza il 7 dicembre, attirando una rinnovata attenzione su altri sviluppatori che stanno anche fissando un muro di debito offshore in scadenza nei prossimi mesi .

Kaisa sperava di sostituire l’obbligazione esterna da 400 milioni di dollari, pari al 6,5%, con nuove obbligazioni in scadenza il 6 giugno 2023 allo stesso tasso di interesse se almeno il 95% dei suoi possessori fosse d’accordo. Non ha rivelato quanti obbligazionisti avevano accettato l’offerta.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Freccia La società immobiliare assediata È sceso del 9,8% a un minimo record di 0,92 dollari di Hong Kong, portando il titolo dalla sua caduta finora quest’anno a circa il 75%.

READ  Il Dow Jones sale mentre il titolo Tesla affronta una forte resistenza

La società, che è diventata la prima società immobiliare cinese ad essere inadempiente sulle sue obbligazioni in dollari nel 2015, ha affermato di essere in trattative con i rappresentanti di alcuni detentori di obbligazioni, ma non è stato ancora stipulato alcun «accordo giuridicamente vincolante».

«Per facilitare l’attuale problema di liquidità e raggiungere una soluzione ottimale per tutte le parti interessate, la società sta valutando e monitorando da vicino la posizione finanziaria e di cassa del gruppo», ha affermato venerdì.

Ha aggiunto che stava ancora considerando la vendita di attività e l’estensione o il rinnovo degli obblighi di debito, ma ha avvertito che non vi era alcuna garanzia che sarebbe stata in grado di soddisfare le scadenze del 7 dicembre.

Ha affermato che il mancato pagamento o il mancato raggiungimento di un accordo con i creditori avrebbe un «impatto negativo sostanziale» sulla posizione finanziaria di Kaisa.

Kaisa è il secondo emittente di obbligazioni in dollari tra gli sviluppatori immobiliari in Cina dopo China Evergrande Group (3333.HK), che ha oltre 300 miliardi di dollari di passività e, come altri, si è affannato a raccogliere capitali per evitare le insolvenze.

Segnalato da Reuters Il mese scorso, la società stava cercando di vendere la sua unità di gestione immobiliare quotata a Hong Kong, Kaisa Prosperity Holdings Ltd. (2168.HK).

La scorsa settimana, Kaisa ha dichiarato nella sua offerta di cambio di banconote che potrebbe prendere in considerazione la ristrutturazione del debito se gli obbligazionisti non accettano un’estensione della scadenza.

Gli analisti hanno affermato che l’incapacità di Kaisa di ottenere un’ancora di salvezza tanto necessaria dai suoi creditori influenzerà anche altri sviluppatori più piccoli che cercano di evitare controversie e ristrutturazioni lunghe e disordinate.

READ  Dollaro e yen scivolano mentre la propensione al rischio si riprende; Musk supporta Bitcoin

Incombeva anche la fine di un periodo di grazia di 30 giorni per Evergrande, che ha evitato di poco l’insolvenza, dopo che non è riuscita a pagare coupon per un totale di 82,5 milioni di dollari in scadenza il 6 novembre.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Segnalazione aggiuntiva di Sameer Manekar a Bengaluru. Scritto da Sumit Chatterjee e Nikhil Kurian Nainan; Montaggio di Shree Navaratnam e Christopher Cushing

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.