septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Cina vieta le transessuali in TV, come parte della campagna per rafforzare la censura sociale: NPR

Un programma televisivo che trasmetteva un talk show cinese sotto il ritratto del presidente cinese Xi Jinping è apparso nel villaggio di Chaxigang vicino a Nyingchi, nella regione autonoma del Tibet, nella Cina occidentale.

Mark Schiefelbein / AP


Nascondi didascalia

Cambio didascalia

Mark Schiefelbein / AP

Un programma televisivo che trasmetteva un talk show cinese sotto il ritratto del presidente cinese Xi Jinping è apparso nel villaggio di Chaxigang vicino a Nyingchi, nella regione autonoma del Tibet, nella Cina occidentale.

Mark Schiefelbein / AP

PECHINO – Il governo cinese ha bandito gli uomini bisessuali in televisione e giovedì ha chiesto alle emittenti di promuovere la “cultura rivoluzionaria”, ampliando una campagna per rafforzare il controllo sugli affari e sulla società e far rispettare la morale ufficiale.

Il presidente Xi Jinping ha chiesto “ringiovanimento nazionale” mentre il Partito comunista rafforza il controllo su affari, istruzione, cultura e religione. Le imprese e il pubblico sono sempre più spinti a fare i conti con la loro visione di una Cina più forte e di una società più sana.

La festa ha Accesso ridotto dei bambini ai giochi online E cerca di scoraggiare quello che considera un malsano interesse per le celebrità.

Il regolatore televisivo ha affermato che le emittenti dovrebbero “porre fine agli uomini effeminati e ad altre estetiche innaturali”, usando un termine gergale dispregiativo per gli uomini androgini – Niang Bao, o letteralmente, “My Girl’s Guns”.

Ciò riflette la preoccupazione ufficiale che le pop star cinesi, influenzate dall’aspetto elegante e femminile di alcuni cantanti e attori sudcoreani e giapponesi, non riescano a incoraggiare i giovani cinesi a essere sufficientemente mascolini.

READ  Cipro fa appello al Consiglio di sicurezza dell'ONU su Varosha; La Turchia sta sfidando

Il regolatore ha affermato che le emittenti dovrebbero evitare di promuovere “celebrità volgari di Internet” e ammirare la ricchezza e le celebrità. Invece, i programmi dovrebbero “promuovere vigorosamente l’eccellente cultura tradizionale cinese, la cultura rivoluzionaria e la cultura socialista avanzata”.

Il governo di Xi sta anche rafforzando il controllo sulle industrie cinesi di Internet.

Antitrust, sicurezza dei dati e altre azioni di contrasto presso aziende tra cui la società di giochi e social media Tencent Holding e il gigante dell’e-commerce Alibaba Group hanno innescato le principali preoccupazioni indipendenti del partito al governo.

Le regole entrate in vigore mercoledì limitano chiunque abbia meno di 18 a tre ore a settimana di gioco online e vietano di giocare nei giorni di scuola.

Gli sviluppatori di giochi sono già stati tenuti a presentare nuovi titoli per l’approvazione del governo prima della loro uscita. I funzionari li hanno invitati ad aggiungere temi nazionalisti.

Il partito rafforza anche il controllo sulle celebrità.

Il regolatore ha affermato che le emittenti dovrebbero evitare gli artisti che “violano l’ordine pubblico” o “perdono la morale”. Sono stati vietati anche i programmi relativi ai bambini delle celebrità.

Sabato, la piattaforma di microblogging Weibo Corp. Migliaia di account per fan club e notizie di intrattenimento.

La famosa attrice Zhao Wei è scomparsa dalle piattaforme di trasmissione senza spiegazioni. Il suo nome è stato rimosso dai titoli di coda di film e programmi TV.

L’ordine di giovedì ha incaricato le emittenti di limitare la paga agli artisti ed evitare i termini contrattuali che potrebbero aiutarli a evadere le tasse.

Un’altra attrice, Cheng Shuang, è stata multata di 299 milioni di yuan (46 milioni di dollari) la scorsa settimana per evasione fiscale, avvertendo le celebrità di stabilire modelli positivi.

READ  Titmus '3: 56.90 quasi batte il record mondiale di 400 liberi di Ledecky